CHI INCALZAVA INCALZA?

Meglio dirlo in romanesco: "nun se po' guardà!"
Ci sono concetti da ripetere, ogni tanto, hai visto mai a forza di farlo si trova la sintesi giusta per farlo capire anche solo a un'altra persona, la coscienza ne guadagna.
Le cause ultime della crisi che ci blocca da anni e se non prendiamo coscienza di esse e agiamo, anche solo votando giusto, ci bloccherà ancora per anni fino a distruggersi sono due, e agiscono assieme come in un sistema solare a due stelle: anche la rimozione totale di una sola di esse non solo non servirebbe a nulla ma probabilmente sarebbe controproducente. Solo un'azione forte, coerente, durevole e costante su entrambi i fronti ha qualche speranza, non la certezza ma qualche speranza si, di risolvere il problema; di certo, senza questa duplice azione la situazione non può che peggiorare, e chi vi dice il contrario o non capisce niente o vi sta tenendo buoni per fregarvi meglio, se non entrambe le cose.
Le due cause sono:
  1. avere rinunciato alla sovranità monetaria, quindi non avere più a disposizione della propria classe politica la leva monetaria per perseguire la piena occupazione e in ultima analisi il benessere di tutti;
  2. un tasso di corruzione endemico tra i più alti al mondo, il più alto in assoluto tra i regimi sedicenti democratici.
Come tra l'altro sta dimostrando a tutti (poi, se i pregiudizi vi accecano cavoli vostri...) in questi giorni il caso greco, senza sovranità monetaria puoi promettere quello che ti pare e vincerci pure le elezioni, ma non puoi mantenere nulla.
D'altronde come dimostra non solo tutta la vicenda greca, ma anche tutta la nostra storia e la nostra cronaca, senza una lotta feroce e senza quartiere alla corruzione, svolta per abbastanza tempo e con abbastanza vittime da estirparla dal senso comune dove è stabilmente residente da secoli, anche una piena sovranità monetaria è del tutto inefficace a servire gli interessi della collettività (semmai al massimo degli amici degli amici) e alla fine, tramite il peggioramento degli indici economici tutti, li danneggia.
Gli ultimi due capoversi liquidano come velleitari e controproducenti rispettivamente il progetto Landini qualunque cosa sia (ammesso che lo abbia capito chi lo promuove, non l'ha certo spiegato a nessuno) e qualunque altra cosa a sinistra della sinistra che non metta al primo punto del programma l'uscita dall'Euro, e il progetto Salvini imbarcante o meno Berlusconi e i suoi perchè sia la destra berlusconiana sia la Lega in ogni sua incarnazione hanno già ampiamente dimostrato che se anche tornassimo alle lire la maggior parte se le ruberebbero loro. In altre parole, senza leva monetaria è impossibile innescare un significativo moltiplicatore keynesiano, e col nostro livello di corruzione ogni moltiplicatore immaginabile viene in automatico matematicamente disinnescato.
Vi è antipatico Grillo? Pensate sia poco democratico? Populista? Inconcludente? Gli avete creduto in prima battuta ma ormai pensate sia roba passata? Non è detto, ma anche se fosse vero che il momento più propizio per il moVimento è alle spalle, la cosa non cambierebbe la sostanza del fatto che è il m5s l'unico progetto politico che ha capito e coerentemente persegue qual'è l'unica combinazione di fattori dell'azione politica che, portati avanti con coerenza e fermezza per abbastanza tempo, ci potrebbe ancora salvare. Vi piaccia o non vi piaccia, ci crediate o meno, è così, e se davvero ormai non ha più speranze, o se invece è proprio il vostro scetticismo che alla fine gli impedirà di realizzarle, sono cazzi amari di tutti, anche i vostri: se non ci salva Grillo non ci salva più nessuno.
Renzi e i suoi, infatti, sono qui per dare il colpo di grazia a un Paese messo al muro da venti anni di governo della mafia e del malaffare, nè più nè meno che questo, e quando lo capirete sarà probabilmente troppo tardi.
Chi è, invece, che incalzava Incalza (e tutti gli altri ladri) con interrogazioni parlamentari?
Chi non ha mai fatto mancare il proprio sostegno ai noTAV, sostenendo senza esitazioni l'opinione, che solo raramente appare altrove, secondo cui le grandi opere, tutte le grandi opere, sono solo grandi furti del tutto inutili alla collettività?
Chi vuole in ogni modo realistico portare l'opinione pubblica a prendere coscienza della consistenza di progetto autoritario e antidemocratico che è tutto l'affare Euro, di quanto questa moneta sia assieme la causa della persistenza della crisi e lo strumento con cui le élite finanziarie stanno vincendo la lotta di classe sui lavoratori, e della necessità di abbandonarla come passo propedeutico a una serie di misure che invertano questa tendenza?
Chi è il solo ad aver denunciato la criminale mossa renziana di attacco alle banche popolari, di cui la maggior parte di voi scommetto non sa niente (che bravi questi giornalisti!), oltre a solitamente e continuamente denunciare la speculazione bancaria e proporre misure per arginarla?
Chi è la voce fuori da un coro osannante l'ennesima ruberia annunciata, tanto sfacciatamente annunciata da aver chiamato a guidarla colui che guidò quella dei mondiali di calcio del 90, rappresentata dalle olimpiadi di Roma (o dovremmo dire Rome, eh Marino?)?
Chi è rimasto a difendere l'acqua pubblica per la quale abbiamo trionfato in un referendum (grazie anche al loro attivismo, ma allora Berlusconi era il Nemico e i grillini facevano comodo...), la cui privatizzazione assieme a tutti gli altri servizi essenziali degli enti territoriali è stata resa possibile dalla sciagurata riforma costituzionale che stanno approvando a colpi di una maggioranza incostituzionale e fasulla?
Risposta, a queste come a tante altre domande analoghe: solo i 5 stelle, vi piaccia o no. Sono loro la vostra ultima speranza, vi piaccia o no, abbia ancora possibilità di realizzarsi o no. I grillini in parlamento, come dice Mazzucco con un'efficacissima metafora, sono "margherite in un letamaio". Purtroppo le mosche ai fiori preferiscono la merda, si sa. Tutto sta a decidere che tutto sommato va bene che l'Italia sia ancora fatta in maggioranza di mosche, oppure tentare finalmente di far prevalere le api.

Nessun commento:

LA VITA COMINCIA...

Come fare quando vuoi mandare un pensiero pubblico a qualcuno che non ama i social , non è nemmeno su facebook , e forse nemmeno più segue ...