Passa ai contenuti principali

SOGNI E BISOGNI

Questo brano da incorniciare e tenere accanto alla TV è tratto
da un post di Goofynomics di novembre, a Trump appena eletto 
Magari no, ma magari qualcuno è in pensiero, per il fatto che è un periodo che scrivo poco di politica/economia. E' che alle volte ci sono talmente cose da dire che alla fine uno non riesce a dire niente. In questi casi, l'unica è mettere ordine ai propri pensieri stilandoli in scaletta; mi è venuto persino relativamente breve, a costo però di riempirlo di link. La maggior parte di voi non ne seguirà alcuno, pochi qualcuno, tutti nessuno. Io vi consiglio di consultarli: si aprono tutti in nuova finestra, per cui potete cliccarli, finire di leggere questo post senza perdere il filo, e poi tornarci su con calma ed attenzione, magari perdendoci un po' di sonno ("perdi-letto"). Vi potrebbe essere molto utile, ad acquisire una coscienza piena della crisi senza fine che stiamo attraversando e di cosa ci vorrebbe per uscirne, e magari piacervi pure ("per-diletto").
  1. L'Euro, anche se vi sembra e vi dicono il contrario, non è una moneta, ma un sistema di cambi fissi inamovibili tra monete progettato appositamente per vincere una guerra commerciale (che dissimula una civile), e rivelatosi perfettamente funzionale a questo obiettivo (basta guardare al triveneto...). Tra i popoli che lo hanno adottato, pochi si sono arricchiti e molti impoveriti. A questi ultimi la cosa, seppure prevedibilissima, è stata fatta accettare grazie ad alcuni che in tempo di guerra si sarebbero definiti "collaborazionisti" (e in quanto tali giustiziati e degradati), che hanno propagato falsa coscienza ben remunerati per questo, e ai molti utili idioti che gli hanno fatto eco (presente!) convinti di fare il bene dei derubandi. Per fortuna, il gioco si è via via andato scoprendo, anche per via di alcune sue contraddizioni interne ed esterne, ed al momento è ragionevole prevedere una implosione dell'area-Euro se non addirittura della UE a breve: il recente progetto "Europa a due velocità" non è altro che un patetico tentativo di tenere in piedi il massimo possibile di questo castello di menzogne in un quadro in cui sta per essere tutto spazzato via, e chi cerca di ammannircelo è di nuovo o un collaborazionista o un idiota. Occhio!
  2. A questo punto uscire dall'Euro è possibile, delicato ma non necessariamente tragico quanto raccontano, e recuperare la piena sovranità monetaria è assolutamente indispensabile. Ma non è affatto sufficiente a salvarci, di per se. Altrimenti quando ce l'avevamo era tutto rose e fiori. E non lo era, anche se era molto ma molto meglio di adesso. Occorre anche la sovranità politica, e soprattutto la coscienza politica che il suo esercizio comporta tolleranza zero nei confronti della corruzione e sua repressione spietata. Il Giappone, che ha tutti questi fattori, può permettersi senza problemi (non ha neanche il minimo spread...) un debito pubblico molto più grande del nostro. Questa accoppiata di valori in Italia al momento si trova solo nel movimento 5 stelle, e finché sarà così nessuna polizza vita o altro sensazionale scoop potrà scalfire la necessarietà della sua definitiva assurzione al governo del Paese. Se la proporrà qualcun altro, e lo farà in modo altrettanto o maggiormente credibile, valuteremo.
  3. La distribuzione di ricchezza nel pianeta è sempre più iniqua (e lo è anche oltre le statistiche). La cosa è talmente evidente che nessuno osa negarne più l'ingiustizia, anche quando non ammette che essa non è altro che la tendenza naturale, quasi deterministica come una legge della fisica, del capitalismo, e che è impossibile invertirla anzi nemmeno temperarla se non appunto limitando il capitalismo, costringendolo ad agire all'interno di logiche "socialiste". Infatti, è schizzata in alto dopo la fine del socialismo reale, la cui esistenza invece "consigliava" a chi voleva il capitalismo di appunto mitigarlo con elementi di socialismo per evitare che i popoli scegliessero il modello alternativo.
  4. Ciononostante, è molto strano e sospetto il fatto che, diversamente da altre verità altrettanto evidenti, tipo ad esempio la suddetta questione Euro, i massmedia pòmpino questa notizia, pur senza spiegarne la ratio e le cause (e ci mancherebbe).
  5. La cosa si spiega con un'altra constatazione: su scala mondiale, se si considera il reddito, dentro l'uno per cento dei ricchissimi ci stanno molti di noi, dentro il dieci quasi tutti. E alimentare i sensi di colpa delle anime progressiste le rende più disposte a ulteriori affossamenti - anche tramite l'esercito industriale di riserva costituito dagli immigrati di vari livelli (dai camionisti ai braccianti) - di tenore di vita e aspettative, che sono ciò che risulta dalla vera grandezza che conta (e che invece viene nascosta): il rapporto tra reddito monetario e reddito indispensabile a vivere in ciascun contesto. Ed ecco spiegate sia le statistiche (e il loro "pompaggio" sulla stampa) che dall'altro lato la sensazione a pelle di diffusione della povertà.
  6. Considerando con intelligenza i fattori ai punti precedenti, e solo facendo ciò, si può comprendere perchè vincano la brexit e Trump, e vinceranno la LePen e da noi la Meloni se dovesse fallire il progetto grillino. E' che la gente crede alle chiacchiere, si, ma solo fino a un certo punto. Quando tocchi con mano il peggioramento drammatico delle tue condizioni di vita, quando puoi facilmente prevedere che per i tuoi figli le cose andranno ancora - e molto - peggio, se qualcuno ti racconta il contrario tu non solo non gli credi ma prendi ad odiarlo. E voti per chiunque possa in qualunque modo costituire una anche minima speranza di cambiare le carte in tavola.
  7. Per cui ripeto, per l'ennesima volta: progressisti italiani, anzichè rompere i cosiddetti a Grillo e ai suoi, baciate per terra per il fatto che esistono e tengono botta all'assedio concentrico cui sono sottoposti. E anzichè contribuire a quest'ultimo rilanciando post idioti su FB, cambiate lato della barricata, passate dalla parte del popolo oppresso che una volta era la vostra, e provate a portarli al 40 per cento, poi se non mantengono le promesse li molliamo.
Perchè uno Stato sovrano e serio, quando c'è un terremoto, stampa con un fiat tutti i soldi che servono ai propri cittadini per ricostruire le proprie case. Non uno di meno. E non uno di più: niente piani straordinari, niente grandi appalti, niente corruzione. Se ha ceduto parte della sua sovranità a una struttura sovranazionale, chiede a quest'ultima la cifra di cui sopra. Anzi, meglio: la cifra per mettere in sicurezza tutti i borghi storici prima del prossimo terremoto. Se questa gliela nega, si riprende la sua sovranità per intero e la manda affanculo. Pensate, ci sarebbe il modo anche senza doversi inventare nulla: di monete metalliche possiamo ancora coniarne quante ne vogliamo. Invece questi vanno dai loro mandanti a mendicare lo zerovirgola e si pigliano pure le procedure di infrazione, mentre quando servono 20 miliardi per parare il culo agli amici banchieri, i soldi sanno chiederli e quelli glieli stampano senza battere ciglio. Ora, questo ragionamento è così semplice, la sua autoevidenza è tale che se anche la Raggi nascondesse una magagna per ciascun pelo, non basterebbe scoprirle tutte ed inventarne altrettante, per annullarne il peso. E lo stesso vale per quest'altro pensiero semplice semplice: la sindaca la stanno rivoltando come un pedalino e trovano solo fesserie, se lo stesso trattamento l'avessero riservato a tutti gli altri politici negli ultimi decenni, oggi l'Italia non avrebbe problemi e il movimento 5 stelle non sarebbe neanche mai stato nemmeno pensato.
Ah, e uno Stato serio e sovrano può senza problemi introdurre il reddito di cittadinanza, magari all'inizio nella versione soft contenuta nel programma dei cinquestelle, ma di certo anche nella sua versione full, qui bene illustrata da Carlo Bertani. Tutti devono avere di che vivere, punto e basta. E non è vero che costerebbe troppo: nella maggior parte dei casi, si ridenomina una parte di quanto già si eroga, o si cambia nome e natura a prestazioni assistenziali e previdenziali. La spesa ulteriore che resta, grazie al moltiplicatore keynesiano rientra tramite la leva fiscale. Tutta. E se no (o comunque finché no) è deficit, sticazzi. Ma il sistema può reggere. E va esportato. Con chi non lo adotta, semplicemente si chiudono le frontiere e non si fanno affari. Questo doveva fare l'Europa e non ha fatto: aveva un modello da difendere e propagare, quello postbellico basato sul welfare, e invece è stata il cavallo di Troia del capitalismo multinazionale per "cinesizzare" lavoro ed economia. Ora basta. L'UE è morta, la Nato pure, l'Euro già puzza. Chi non prende atto di questa realtà si ostina ad avere a che fare con zombie. Occorre instaurare un modello basato su sovranità monetaria, lotta alla corruzione e reddito di cittadinanza, e difenderlo in qualunque scala sarà possibile difenderlo, a cominciare da quella nazionale. Occorre un nuovo patto sociale, impostato secondo paradigmi diversi dalla crescita del PIL (parametro obsoleto e distorcente, di cui ci si può finalmente disinteressare se si guarda al benessere vero, fatto di più sogni e meno bisogni), tramite anche una riformulazione del vecchio slogan "lavorare meno lavorare tutti" (o preferite De Masi?), al posto del modernissimo "se vuoi lavorare devi accettare di farlo a condizioni di schiavitù altrimenti stai a spasso, e ti dice lusso se ancora hai dei vecchi con una casa e una pensione", che è il modello imperante (cui è improntato il mai troppo esecrato jobs act) adottato dal partito erede degenere del PCI, quel PD che quando sparirà sarà sempre troppo tardi.

Commenti

Post popolari in questo blog

DALLA PARTE DEI NEGRIERI

Dei migranti ho parlato molte volte, pure troppe: violando una delle regole autoinflittemi per questo blog, che è evitare di seguire argomenti troppo di tendenza e soprattutto di farlo con le sparate di poche righe incentivate dai social media. Ragion per cui NON posto commenti a post non ragionati e argomentati, e anzi ho smesso di seguire su Facebook amici anche carissimi che hanno preso il vizio di adottare gli stilemi di moda: vomitare di continuo spot di pensieri come vengono, magari scritto bello grande. Non io. Non vi leggo più. Se volete ragionare con me, abbiate la pazienza di seguirmi, che io qui impiego tempo e fatica a elaborare ogni singola riga, e semmai di commentarmi con lo stesso impegno paziente, e allora è benvenuta anche una confutazione totale. E pazienza, anzi come si dice a Roma sticazzi, se così facendo i click non decollano.
Dicevo, la questione migranti l'ho già affrontata più volte, e non potevo da buon meridionale non farlo, all'inizio non discosta…

EPPUR SI MUOVE

Ho iniziato a definirmi "ateo" da adolescente. Da adulto avrei smesso, preferendo il termine "agnostico" non so se per prudenza mia o maggiore precisione sua, o in genere per la considerazione elementare che anche l'ateo è un credente: crede che Dio non esista, e la cosa non è più dimostrabile del contrario. Cmq, al liceo ero ateo, e però avevo "ottimo" in Religione. Perché l'insegnante, Gernaldo Conti (uno che è rimasto un mito presso i ragazzi di tutte le città in cui ha operato, uno che ancora oggi, che è diversamente giovane e variamente acciaccato, ha una marea di followers dei suoi videomessaggi social, per dire...), un prete a dir poco sui generis al punto che la sua parrocchia di periferia durante le sue funzioni traboccava letteralmente di ragazzi perché era per loro un fratello maggiore che parlava la loro lingua e conosceva i loro problemi, riusciva a dialogare anche con un caprone come me, che lo ricambiava passando le ore di religion…

DEMOCRAZIA SOTTO TUTELA?

Al momento che scrivo ancora non sappiamo se ci hanno definitivamente sancito che non siamo in democrazia imponendoci l'ennesimo governo fantoccio di Bruxelles oppure se avremo finalmente il governo gialloverde anche se in versione light per non allarmare troppo i pupari. E' dalle elezioni che scrivo poco di politica per via del quadro troppo mutevole per le possibilità di aggiornamenti di un sito amatoriale, ma la questione Mattarella impone un commento a se stante a prescindere dagli sviluppi successivi, per cui ci provo.
Il nocciolo non è se sia o meno legittimo che un PdR rifiuti di nominare un ministro (in passato è stato fatto, anche se mai con la conseguenza di impedire il varo di un governo), è per le motivazioni che ha ritenuto di usare (della serie, era meglio per lui se taceva): tutelare i risparmi degli italiani e non accettare al MEF chi abbia posizioni critiche verso l'Euro. Due questioni eminentemente politiche che pertanto esulano dalle prerogative di chi …

19 - EVERGREEN

Per apprezzare meglio il racconto numero 19 (coraggio, ne mancano due o tre) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) bisogna ricordarsi che è uscito nel 1999 ed è stato scritto l'anno prima. Non era di moda il superamento delle identità sessuali. Che, tra parentesi, è cavalcato in questi anni bui da chi vuole farsi spacciare per progressista mentre ci rispedisce in massa nel sottoproletariato. L'astronauta il cui sogno è intercettato dal geestre che ci ha letto tutti i racconti è un anziano biologo brasiliano gay non dichiarato, ma per mezzo racconto la cosa non si capisce, come per Stella di mare di Lucio Dalla manco dopo la millesima volta che la senti.

(Abbiate pazienza, del governo parlerò solo se lo fanno, o se invece hanno la faccia tosta di non farlo, con il primo Presidente della Repubblica della storia italiana che usa davvero le sue prerogative sulla scelta dei ministri per mettere i bastoni…

CI SI POTREBBE GRATTARE...

Alla fine il governo gialloverde è partito, e il fatto che sia comunque una buona notizia è certificato persino dai famigerati mercati finanziari, oltre che ammesso onestamente anche da chi era stato chiamato all'ultimo momento a rimpiazzarlo, o chissà forse solo a fare da spauracchio per ammorbidirne certi aspetti.
Sia chiaro, non solo (come avevo peraltro predichiarato) non è certo "il mio governo ideale", ma non fatico ad ammettere che sono molti gli aspetti che non possono che procurare orticaria, a me come sicuramente a molti grillini sia militanti che politicamente attivi, da semplice eccessiva vicinanza a gente che predica valori incompatibili con chi si sente di sinistra. Ma la politica è arte empirica, bisogna fare il meglio con le carte che si hanno a disposizione, e una legge elettorale così farlocca francamente non poteva dare all'Italia un governo migliore, anzi: si ricordi che era stata concepita per avere il Renzusconi come unico sbocco possibile (non…

20 - OMICIDIALI ASSASSIMILI

Il penultimo racconto (terzultimo, col cappello finale, quartultimo, se pensiamo che il cappello finale in realtà è almeno doppio) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) è ancora oggi uno dei miei preferiti. Chiunque abbia scritto qualcosa sa che a rileggersela dopo tanto tempo (e qui è tanto: il libro è uscito nel 1999) il sentimento che prevale è la vergogna, e io non faccio eccezione, nel mio rapporto con questi racconti, alcuni dei quali hanno origini ancora più remote, peraltro. Ma con questo qua no, non so se perché è uno degli ultimi ad essere stato scritto, o perché non so nemmeno io come mi è venuto di inventarmi che una degli astronauti a bordo della navicella mandata nello spazio profondo come ennesimo tentativo di perpetuare la specie di un pianeta ormai avviato all'autodistruzione, la giovane thailandese che narra, sia in realtà una clandestina, non vi dico come e perché solo per via del fa…

CARNE DI PORCO

Il titolo lo volevo lasciare in dialetto riggitano, carn'i porcu, che tanto si capiva lo stesso, ma mi pare che in italiano assuma un tono se possibile ancora più volgare. I dialetti secondo Bernstein utilizzano un "codice ristretto", cioè usano per rappresentare tutti i significati un numero limitato di segni, quindi necessariamente ad elevato alone semantico, presupponendo quindi tra chi li usa un'elevata "competenza comunicativa" comune. In altri termini, non puoi parlare in dialetto con una persona con cui non condividi un vasto substrato culturale, un parente un amico uno della zona in cui sei nato o cresciuto, altrimenti le parole sono insufficienti ad esprimere quello che vuoi dire. A contrario, ed io spesso utilizzo il dialetto in questa funzione di test, se riesci ad esprimere un concetto parlandone in dialetto con un amico ricevi un doppio feedback, di conferma dell'amicizia e della veridicità rispetto alla tua anima del concetto che volevi es…