UGUAGLIO STAMINCHIA

Gli eroi, appunto. Non certo i complici dei nazisti.
Non troppo tempo fa le avevo dedicato un post, oggi La locomotiva di Guccini torna agli onori della cronaca per una vera e propria appropriazione indebita, che si vede bene nella foto. E' anche grazie a gente che una vera sinistra dovrebbe ripudiare, come Giampaolo Pansa, che si è imposto lentamente un pensiero assurdo: che  tutto sommato fosse equivalente, una sorta di causalità del destino, da che parte ti sei trovato a combattere nella guerra civile che precedette la Liberazione. Ragazzi con ideali di qua, ragazzi con ideali diversi di là, tutti da ricordare con onore per essere morti per degli ideali. Balle.
Balle. Avevo 7 anni quando mio padre divenne "fascista", come metà dei reggini, perché i partiti del cosiddetto arco costituzionale abbandonarono all'unisono la gente di Reggio Calabria che protestava per una causa che quanto giusta si sarebbe rivelata si sarebbe visto nei decenni a venire, quando la città venne marginalizzata drammaticamente e vide una guerra di 'ndrangheta lasciare forse un migliaio di morti per le strade (qui qui e qui le "memorie" di Claudio Cordova). E siccome tutti i bambini si identificano col padre anch'io ero "fascista", o meglio missino, anche perché "Almirante sparla bene", come dice Jannacci. Poco dopo, un cugino più grande, che conosceva anche i 5 anarchici del sud che nel quadro di quella rivolta e dei suoi risvolti più oscuri persero la vita, mi disse ironico guardandomi fisso negli occhi: "ancora non divintasti comunista?" dando per scontato l'an anche se non il quandum (che vuol dire aver studiato...). Mi aveva letto dentro quella "necessità di una morale diversa", per dirla con Gaber, per cui qualcuno era comunista, qualunque cosa questo termine mai significasse. Pochi anni ancora, non avevo ancora la barba, e forse 13 o 14 anni, e avevo compiuto il guado. E, per completare l'opera, mi dicevo anche "ateo" disquisendo di teologia con l'insegnante di religione mentre i miei compagni credenti uscivano a giocare a pallone. Altri tempi. Altri tempi anche l'Italia del "45. Ma in ogni tempo in ogni luogo, non appena uscito "r'a scorcia ill'ovu" (letteralmente "dalla buccia dell'uovo", il significato si intuisce), ogni uomo è tale se capisce che può, e deve, scegliere. Anche da che parte morire. Per dirla con Frassica, non è uguaglio.
Il 25 aprile è la nostra festa. Giù le mani, carogne.

Nessun commento:

È IL CAPITALISMO, STUPÌDO!

Visto al cinema il biopic su Stanlio e Ollio , divertente e commovente al tempo stesso, grazie anche alla scelta di inquadrare un piccolo ...