Passa ai contenuti principali

IN NOME DEL POPOLO SOVRANO

CIAONE
(non so se avete notato, ma, nonostante
sia stato necessariamente citato spesso,
in questo blog non c'è il tag "Renzi"...)
La scoppola, per essere, è bella forte. Ma non so se basta: mi viene in mente Totò ne I due colonnelli che al tenente nazista che comandava il plotone d'esecuzione, che vedeva accanto a lui i suoi sottoposti perchè si erano rifiutati di fucilarlo loro, diceva più o meno "tenente, per me basta una pallottola sola, per questi ce ne vogliono due, perché sono cretini!". Il ragazzo infatti è giovine, e non è affatto detto che si ritiri definitivamente dalla scena politica accontentandosi, dopo aver pianto un po' nell'angolino per le sberle prese, della remunerativa carriera di congressista o altro brillantissimo venditore di fuffa che gli resta aperta. Anzi, è probabile che con una sconfitta di misura minore avrebbe persino tentato di restare in sella (urlando a reti unificate la bugia che la personificazione non l'aveva fatta lui), ed è certo che anche così lui creda di potersi attribuire tutto il 40% dei votanti (mentre il 60% andrebbe diviso per l'"accozzaglia del NO") come zoccolo duro per le prossime politiche.
Verrebbe anche da sperarci, anzi, che abbia voglia di rilanciare l'azzardo (cos'era, infatti, se non un azzardo, pretendere di cambiare mezza costituzione con una maggioranza nata per un pelo da una legge incostituzionale, cambiata in corsa, e comunque non sufficiente all'approvazione diretta, tentandole tutte - anche ben sporche - per vincere un plebiscito che sanasse il bluff iniziale?) e chiedere al Colle di sciogliere subito le Camere. Purtroppo forse non è così fesso: con l'Italicum oggi vince Grillo a mani basse, quindi prima di votare forse è il caso di rimangiarsi una legge così squilibrata a favore del partito di maggioranza relativa (anche se a riequilibrare in parte le cose resta il Senato, per il quale oggi si voterebbe col Consultellum, quello che resta del Porcellum dopo il rimaneggiamento da parte della Corte Costituzionale). Non so però se al momento ci sia lo spazio di manovra fuori e dentro il PD per riformare la legge elettorale. Di sicuro dentro in molti stanno affilando i coltelli, per una guerra che speriamo sia più sanguinosa possibile: magari si concludesse (finalmente!) con la (ri)scissione delle due inconciliabili anime del partito-bestemmia, così quella democrista potrebbe ricucire coi parisiani dopo essersi unita con gli alfaniani, e quella postcomunista riunirsi con la sinistra-sinistra a riformare un soggetto vicino al 20% capace di fare da sidecar al prossimo governo a guida grillina. Più probabile è che trascorra nelle paludi il tempo tra qui e la pronuncia della Consulta che a questo punto casserà impietosamente l'Italicum, e si voti a primavera col Consultellum anche alla Camera.
Lo scenario più auspicabile e razionale (e perciò stesso meno probabile, si capisce) è però quello odifreddiano, per cui Mattarella affidi l'incarico a Stefano Rodotà, o altro (se si trova: Prodi si è autosputtanato in extremis) personaggio del PD non renziano cui il Movimento 5 Stelle non potrebbe dire di no, che partendo dalla proposta grillina di proporzionale appena corretto partorisca una legge decente con cui andare a votare a primavera.
Insomma, si apre un periodo di incertezze e non siamo affatto sicuri che cambierà qualcosa e che lo faccia in meglio. Ma siamo sicuri che se avesse vinto il si sarebbe cambiato tanto e in peggio, rovinati per sempre quegli equilibri che le migliori menti dei nostri Padri hanno architettato per traghettarci in democrazia tanti decenni fa. Equilibri che ci hanno salvato il culo ancora una volta, dopo già tante, se pensiamo che la schiforma avrebbe reso inutile quell'articolo 138 grazie al quale ci siamo potuti esprimere urlando in faccia il nostro NO a questo ragazzino presuntuoso e alla torma di ignoranti traffichini da cui si fa accompagnare. Un pensiero commosso ai Costituenti, quindi, e voltiamo pagina, che di minchiate è troppo tempo che se ne parla e ci sarebbe da fare per salvare un Paese.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

AL BUIO

Questa canzone è molto vecchia, forse ha addirittura 35 anni; oso mantenerla tra quelle non dico attuali, ma che non mi vergogno di presentare sul blog in caso qualcuno ne volesse l'uso (ricordo che il testo è registrato, ma non è certo questione di soldi), perché penso che tratti di questioni senza tempo. Pensata come un valzerotto – il ritornello cantato il resto parlato - ma come le altre rimusicabile liberamente da chi la prendesse, la canzone infatti parla di cose che hanno riguardato gli adolescenti di ogni epoca: i supporti e gli strumenti di comunicazione sono tutto sommato "sovrastruttura", quella età per chi la ricorda davvero (cioè, liberandosi del filtro della nostalgia di essere "tutto per possibilità" - cit.) è difficilissima. Come dimostrano le tante tragedie che si leggono in cronaca. Ai miei tempi molti si teneva un diario, specie le ragazze, a me è capitato a un certo punto di pensare che portasse sfiga (avevo letto "Il mestiere di viver…

I COME INFAMIA

Come ho detto fin dall'inizio, è molto meglio Trump di Obama perché è molto meglio uno che si mostra per quello che è rispetto a uno che pensi che sia una cosa e invece è tutto l'opposto (si, è lo stesso motivo per cui Renzi era molto peggio di Berlusconi...). Trump è un miliardiario cafone che sa che per l'economia del Paese che è chiamato a guidare serve fare le guerre, e quindi si butta a pesce in tutte le situazioni che vanno bene alla bisogna, ovviamente sottobanco trattando perché non diventino davvero troppo pericolose per i suoi.
Israele, a dispetto di quello che vi dicono da sempre, non è altro che un avamposto che l'Occidente ha piazzato in Medio Oriente all'inizio dell'Era petrolifera. Il resto è solo ideologia, cioè fuffa per i boccaloni: tutti, sia i pro che i contro. Della sua storia nel dettaglio ho scritto più volte, oggi se volete un bel ripasso c'è qui Johnstone, e se la volete capire davvero c'è sempre la splendida satira di Mazzucco.…

DA BAMBINI

L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri u…

UN POSTO VICINO L'USCITA, GRAZIE

E così, pare, alla fine di due mesi di pantomime e psicodrammi, il governo, l'unico politico possibile dato il risultato del 4 marzo, si farà. Salvo colpi di scena finali, s'intende, ma sono due mesi che evito accuratamente di scrivere dell'argomento (e meno male che scrivo anche di altro, c'è chi da due mesi non aggiorna il blog...) proprio per non seguire false piste, stavolta mi voglio sbilanciare, e pazienza se toppo non sarà mica la prima né l'ultima volta...
I due soggetti politici che hanno vinto le elezioni, inoltre dimostrando la persistenza di una spaccatura nord/sud nel Paese, alla fine si stanno accordando per un governo la cui linea politica porti avanti il massimo possibile dei programmi di entrambi, partendo dalle non poche cose in comune e lasciando però fuori le cose magari volute dall'uno ma assolutamente aborrite dall'altro. Non sarà facile, ma l'alternativa, che Mattarella ha minacciato di concretizzare altrimenti, è semplicemente a…

SMARTPHONE GENERATION

Mentre c'è ancora chi si chiede se sia il caso di regalare o meno lo smartphone a una ragazzina di 10 anni (e io, detto tra noi, sarei per il no, anche se temo sia difficile resistere...), sempre più studi riferiscono un sempre maggiore utilizzo di questi dispotivi da parte di bambini sempre più piccoli.
Quello in cui mi sono imbattuto io è di Eleonora Cannonia, Teresa Gloria Scalisi e Andrea Giangrande dell'Università della Sapienza di Roma, e si intitola:
Indagine sui bambini di 5-6 anni che usano quotidianamente i dispositivi mobili in ambito familiare: caratteristiche personali e contestuali e problematiche cognitive ed emotive Se volete approfondire potete acquistarlo qui, io poi vi dico cosa mi ha colpito, e qui intanto vi riporto l'abstract:
La diffusione tra i bambini di dispositivi elettronici interattivi (in particolare smartphone e tablet) è un fenomeno recente ma in crescente espansione. In Italia le ricerche si sono concentrate finora sui bambini in età scolar…

PORNO-ARISTON

Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintes…