Passa ai contenuti principali

IL PIANO 1-9-90 %

Più il piano è importante, con meno scrupoli si fa tutto quello
che serve per attuarlo. Vero, Bertani? E tu che dici, Lameduck?
Quando Orwell scrisse La fattoria degli animali pare avesse in mente l'Unione Sovietica di Stalin, ai tempi peraltro alleata della Gran Bretagna in funzione antinazista. La stessa "vulgata ufficiale", anche se con in mente l'ormai sconfitto totalitarismo hitleriano e con l'URSS ormai diventata il Nemico, vale anche per il suo romanzo più famoso, 1984. Eppure la cosa, come direbbe Montalbano, a mia non mi quatra. E non solo perché la stessa biografia di Orwell lascia intuire un profilo culturale troppo complesso per allegorie così lineari, ma anche perché quand'anche nel suo mirino ci fosse stata un'organizzazione della società che conosceva da lontano e mediatamente, nel suo vissuto ce n'era una che conosceva benissimo e sulla sua pelle, per cui è ragionevole dedurre che per illustrare quella avesse inconsciamente (come minimo, ma io penso di no) usato modelli appartenenti a questa, almeno in nuce.
Se non fosse così, non si sarebbero trovati, a partire dal fatidico 1984, la cui occorrenza scatenò l'industria culturale (tra gli altri, due film uno bellissimo e uno con la colonna sonora bellissima) e una marea di riflessioni, proprio sul fatto che fosse proprio l'Occidente capitalistico alla fin fine ad avere incarnato il modello distopico orwelliano. E ciò proprio alle porte del momento storico in cui l'Est comunista si sarebbe dissolto su se stesso, vittima dell'opposta funzione economica delle spese militari (lì, risorse sottratte ad altro, qui, volano di sviluppo) e quindi in definitiva della escalation reaganiana degli euromissili. E ben prima che la proliferazione delle microcamere portasse alla citazione ironica nel titolo della ben nota trasmissione televisiva, e oggi a dover temere anche gli elicotteri radiocomandati dei bambini (droni a tutti gli effetti, e quelli sotto una certa taglia sfuggono ai comunque patetici tentativi di regolamentazione...).
E' quindi diventato pacifico che con nineteen-eighty-four Orwell intendesse mostrare con la sua metafora ben oltre che i rischi di un totalitarismo, ma quelli di tutti, specie di quelli mascherati, se è vero come è vero che il mestiere del protagonista è quello di ri-scrivere la cronaca e quindi la storia, procedimento che chiunque voglia può notare sia diffusissimo nelle democrazie capitalistiche odierne. Faccio solo un esempio, giusto perché è in cronaca, poi sta a ognuno e alla sua testa e alla sua coscienza trovarne altri tra i millanta disponibili. C'erano una volta le pensioni, mirabile istituto di welfare che per la prima volta nella storia dell'umanità consegnò ad alcune generazioni di vivere un'età avanzata dignitosa in cui anzi potevano aiutare i discendenti. Il sistema previdenziale si è sempre retto benissimo da solo, ma tenendolo mischiato con quello assistenziale si è potuto dire che non reggeva e smantellarlo pezzo a pezzo, fino a che in pratica non è sparita la possibilità di andare in pensione prima della vecchiaia nemmeno avendo già versato magari 40 anni di contributi. Oggi, ti dicono che puoi farlo, accettando una piccola decurtazione o prendendo strani prestiti. E te lo presentano come una innovazione positiva, avendo cancellato i novelli Winston Smith la storiellina che ancora pochi anziani sono in grado di raccontarvi, come infatti ho fatto io adesso. Applicate la sintassi al lavoro (qui ho un altro link da proporvi, ma troppi ce ne sarebbero...), alla democrazia rappresentativa, o a qualunque altra cosa, e buon divertimento.
Ma la cosa non si comprende appieno ("perché tanto odio?", infatti, a uno viene da chiedersi ingenuamente, e d'altra parte non se ne più del Grande vecchio e retropensieri simili...) se non la si inquadra in un ragionamento più ampio, che è proprio Orwell a fornirci. Anche per La fattoria infatti vale il ragionamento appena fatto per 1984 (parla degli altri per parlare di noi, e comunque avendo in mente noi), ma in modo meno intuitivo, e infatti c'è voluto l'enorme intuito artistico (con tanto di aiutini) di Roger Waters e soci per mostrarcelo, già dalla copertina: è tutto l'industrialesimo (qualunque sia la sua traduzione in regimi politici) a sottintendere, e quindi tendere tenacemente (resistendo elasticamente a correzioni di segno opposto, e quindi rendendole prima o poi effimere) a una struttura sociale che riproduce sistemicamente (e quindi oggi, che la tecnologia lo consente, globalmente) la formula del Potere vecchia come l'uomo (o almeno databile alla cacciata dall'Eden, cioè alla fine dell'era matrilineare dei cacciatori/raccoglitori, o se preferite alla condanna di Caino): una piccolissima percentuale di soggetti "più uguali degli altri" (i Pigs, facciamo l'uno per cento), una quota minima indispensabile di soggetti ad essi affluenti, utili in vario modo a fare da cuscinetto (quindi non solo "forza pubblica" ma anche politici, giornalisti, burocrati, banchieri, eccetera: i Dogs, nella lettura orwelliana-pinkfloydiana), e il resto a pascolare e fare da base della piramide ("harmlessly passing your time in the grassland away": Sheep), di cui facciamo parte io e voi e chi non ci sta peggio per lui si troverà il modo per farcelo stare.
Questa tendenza sistemica è talmente potente che appunto ha immediatamente sovrascritto una rivoluzione sedicente comunista, mentre da questa parte del Muro è stata proprio l'esistenza dell'altra parte a consentire alla socialdemocrazia di alzare la voce e scrivere tre o quattro decenni di storia in controtendenza, ma oggi siamo già nel terzo decennio di restaurazione capitalistica, ormai quasi compiuta. Non so se sia inarrestabile in assoluto, ma sicuramente lo risulta se non riconosciuta in quanto tale: tu cerchi di contrastare degli uomini, dei gruppi, delle idee, e invece dovresti puntare alla tendenza sistemica che mentre tu ti affanni sull'obiettivo sbagliato ha già trovato altre strade per affermarsi. Per esempio impadronirsi del partito erede di quello che incarnava l'avversario apparente, e di tutti quelli che votandolo credono ancora di essere progressisti. E poiché la classe media era prevista nel modello sconfitto e non in questo che tende a autorealizzarsi, essa è destinata a sparire con tutto quello che ne deriva, elevazione culturale in primis.
Se teniamo presente, quindi, che di tendenza sistemica si tratta, e qual'è il suo obiettivo (pochi al Vero potere, alcuni a difenderli e a mascherarli, e la massa a dividersi l'erba senza nemmeno essere consapevole della propria pecoraggine), abbiamo lo strumento per leggere gli avvenimenti in cronaca e capire chi sta da che parte. Il sistema Euro e quindi l'UE a guida tedesca sono stati concepiti, e ci stanno riuscendo benissimo, per azzerare il Welfare State, specie nei Paesi subalterni. La brexit lo danneggerebbe, anche se la Gran Bretagna è già fuori dall'Euro? meglio raccogliere ogni occasione per evitarlo, fosse anche fornita da un folle (ma com'è che nella Storia c'è sempre un folle al posto giusto al momento giusto?) da spingere, non fermare, o anche solo strumentalizzare... Il mondo che hanno in mente gli integralisti islamici, invece, se ci pensate bene, a cosa somiglia? A uno con o a uno senza, classe media? E a proposito di Animals, a cosa somigliano le adunate di fedeli in bianco tutti chinati a pregare verso la stessa parte? Indovinato. Ecco perché il terrorismo islamico non solo non è stato fermato, ma è stato fatto tutto quello che si poteva perché crescesse: dal fornirgli le ragioni socioeconomiche (bombardare un popolo e/o distruggerne l'economia non favorisce certo che i suoi giovani superstiti crescano moderati e ragionevoli) al finanziarlo direttamente, passando per la partnership storica con i Paesi che ne hanno già realizzato il modello sociale e non fanno da decenni che favorirlo in ogni modo, tipo Arabia Saudita per capirci.
Rispetto a questo progetto, un certo approccio nei confronti delle migrazioni, cioè non fare niente per rimuovere e anzi fare tutto per aumentare le ragioni per cui sorgono e poi fare leva sulla pietà umana per non arginarle, è ancora perfettamente organico. Per cui è solo in base a un equivoco di fondo che si può essere "per l'Europa, contro il terrorismo, e per l'accoglienza incondizionata degli immigrati", le virgolette sono per la tragica coincidenza in cronaca, equivoco contratto in buona fede, per carità, ma ormai non resta che una chance, per salvare un intero sistema di valori: portare al governo chi si pone come obiettivo di togliere alla radice (ad esempio, ritirandosi dagli scenari di guerra, e aiutando sul serio ogni essere umano a costruirsi la propria felicità senza rischiare la pelle in migrazioni massacranti) le ragioni al terrorismo e all'immigrazione, e disfare questa unione europea.
Per cui speriamo che la tragica uccisione della parlamentare laburista non sia in grado di spostare abbastanza voti, o mobilitare abbastanza astensioni, e quindi che la Gran Bretagna, uscendo dall'UE, ne avvii l'implosione. E questo senza necessariamente sospettare complotti, anche se - come diceva chi di ste cose ne capiva un bel po' - a pensare male si fa peccato ma spesso si indovina, come dimostrano le ultime rivelazioni sul caso Rossi, che chi aveva ancora un cervello tra le orecchie pensò subito fosse un suicidio almeno strano. Perché i Cani non possono farsi venire scrupoli, altrimenti i Porci in un modo o nell'altro gliela fanno pagare....

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

AL BUIO

Questa canzone è molto vecchia, forse ha addirittura 35 anni; oso mantenerla tra quelle non dico attuali, ma che non mi vergogno di presentare sul blog in caso qualcuno ne volesse l'uso (ricordo che il testo è registrato, ma non è certo questione di soldi), perché penso che tratti di questioni senza tempo. Pensata come un valzerotto – il ritornello cantato il resto parlato - ma come le altre rimusicabile liberamente da chi la prendesse, la canzone infatti parla di cose che hanno riguardato gli adolescenti di ogni epoca: i supporti e gli strumenti di comunicazione sono tutto sommato "sovrastruttura", quella età per chi la ricorda davvero (cioè, liberandosi del filtro della nostalgia di essere "tutto per possibilità" - cit.) è difficilissima. Come dimostrano le tante tragedie che si leggono in cronaca. Ai miei tempi molti si teneva un diario, specie le ragazze, a me è capitato a un certo punto di pensare che portasse sfiga (avevo letto "Il mestiere di viver…

I COME INFAMIA

Come ho detto fin dall'inizio, è molto meglio Trump di Obama perché è molto meglio uno che si mostra per quello che è rispetto a uno che pensi che sia una cosa e invece è tutto l'opposto (si, è lo stesso motivo per cui Renzi era molto peggio di Berlusconi...). Trump è un miliardiario cafone che sa che per l'economia del Paese che è chiamato a guidare serve fare le guerre, e quindi si butta a pesce in tutte le situazioni che vanno bene alla bisogna, ovviamente sottobanco trattando perché non diventino davvero troppo pericolose per i suoi.
Israele, a dispetto di quello che vi dicono da sempre, non è altro che un avamposto che l'Occidente ha piazzato in Medio Oriente all'inizio dell'Era petrolifera. Il resto è solo ideologia, cioè fuffa per i boccaloni: tutti, sia i pro che i contro. Della sua storia nel dettaglio ho scritto più volte, oggi se volete un bel ripasso c'è qui Johnstone, e se la volete capire davvero c'è sempre la splendida satira di Mazzucco.…

DA BAMBINI

L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri u…

UN POSTO VICINO L'USCITA, GRAZIE

E così, pare, alla fine di due mesi di pantomime e psicodrammi, il governo, l'unico politico possibile dato il risultato del 4 marzo, si farà. Salvo colpi di scena finali, s'intende, ma sono due mesi che evito accuratamente di scrivere dell'argomento (e meno male che scrivo anche di altro, c'è chi da due mesi non aggiorna il blog...) proprio per non seguire false piste, stavolta mi voglio sbilanciare, e pazienza se toppo non sarà mica la prima né l'ultima volta...
I due soggetti politici che hanno vinto le elezioni, inoltre dimostrando la persistenza di una spaccatura nord/sud nel Paese, alla fine si stanno accordando per un governo la cui linea politica porti avanti il massimo possibile dei programmi di entrambi, partendo dalle non poche cose in comune e lasciando però fuori le cose magari volute dall'uno ma assolutamente aborrite dall'altro. Non sarà facile, ma l'alternativa, che Mattarella ha minacciato di concretizzare altrimenti, è semplicemente a…

SMARTPHONE GENERATION

Mentre c'è ancora chi si chiede se sia il caso di regalare o meno lo smartphone a una ragazzina di 10 anni (e io, detto tra noi, sarei per il no, anche se temo sia difficile resistere...), sempre più studi riferiscono un sempre maggiore utilizzo di questi dispotivi da parte di bambini sempre più piccoli.
Quello in cui mi sono imbattuto io è di Eleonora Cannonia, Teresa Gloria Scalisi e Andrea Giangrande dell'Università della Sapienza di Roma, e si intitola:
Indagine sui bambini di 5-6 anni che usano quotidianamente i dispositivi mobili in ambito familiare: caratteristiche personali e contestuali e problematiche cognitive ed emotive Se volete approfondire potete acquistarlo qui, io poi vi dico cosa mi ha colpito, e qui intanto vi riporto l'abstract:
La diffusione tra i bambini di dispositivi elettronici interattivi (in particolare smartphone e tablet) è un fenomeno recente ma in crescente espansione. In Italia le ricerche si sono concentrate finora sui bambini in età scolar…

PORNO-ARISTON

Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintes…