Passa ai contenuti principali

L'ESTREMA JASTIMA

Il titolo mezzo in riggitano (jastìma, letteralmente bestemmia, usato
spesso per imprecazione) è giustificato anche dalla somiglianza della
Promenade des anglais col lungomare Falcomatà (che però è più bello)
La narrazione retorica è "l'Isis è riuscita tramite il terrorismo a portare la guerra in Europa", e viene sussunta, intimamente o esplicitamente che sia, senza nemmeno rendersi conto di ciò che comporta: se siamo in guerra, dobbiamo combattere. Cioè, esattamente quello che volevano sia i terroristi, sia chi li manda, o anche semplicemente approfitta della loro attività dopo averli magari armati, forse creati, sicuramente creato i presupposti per la loro esistenza. In altre parole, arrendersi alla logica della guerra e apprestarsi a combatterla equivale a darla vinta a tutti coloro che volevano la guerra, quindi ai terroristi e purtroppo non solo a loro. E' comprensibile, certo, ad ogni nuovo attentato percepire sempre più evanescente ogni altra strategia. Ma è comprensibile anche, anche se con meno immediatezza, che da sempre è esattamente questo lo scopo degli attentati: convincere i popoli dell'ineluttabilità del conflitto. E che quindi l'unico modo di sconfiggere i terroristi è svincolarsi da questo imbuto logico.
Poi, certo, potrebbe anche darsi che ciò non sia sufficiente a impedire la deflagrazione del conflitto in guerra aperta. E in quel caso non resta che combattere, ciascuno come può, dal lato che corrisponde al proprio sistema di valori e di vita. Ma compiere il proprio dovere di "patriota" non toglie che si possa nello stesso tempo mantenere la propria dignità e libertà di giudizio. Faccio un esempio che proprio Nizza evoca, essendo stata assieme alla Savoia uno dei pretesti della propaganda fascista per l'entrata in guerra accanto a Hitler contro la Francia, 76 (non 760, 76: stiamo parlando dei nostri nonni) anni fa. A Mussolini servivano "un pugno di morti da gettare sul tavolo dei vincitori", e invece ne causò milioni, e forse pure (ma questo è incidentale, solo tragicomicamente incidentale) la sconfitta militare dell'alleato germanico (che è dovuto accorrere in nostro aiuto nei disastrosi fronti greco e africano). Il fenomeno partigiano era ancora molto al di là da venire, e senza cambi di alleati e fronti interni forse non sarebbe arrivato mai, ma c'è da scommetterci che fin dall'inizio, sia tra i combattenti che tra i loro cari a casa, già prima che la guerra arrivasse nel nostro suolo e la casa magari andasse giù per le bombe, serpeggiasse il sentimento profondo, in alcuni più sordo in altri già consapevole, di chi fosse la responsabilità di quella guerra. Nella misura della sua consistenza, è la sussistenza di questo sentimento che salva l'anima di quel combattente che mentre compie il suo dovere patrio NON dimentica di stramaledire chi ha la vera responsabilità del conflitto. Mussolini e Hitler allora, i governanti guerrafondai occidentali oggi (a cominciare dalla famiglia Bush, petrolieri compromessi con i signori della guerra sin dai tempi delle industrie che armarono Hitler) e chi gli regge il gioco della propaganda. Se non ne eravate ancora convinti, la dinamica dei fatti di Nizza lo conferma: non esiste livello di sicurezza (compatibile con la democrazia, ma a prescindere) che possa prevenire il gesto di un folle (fomentato o meno, armato o meno, spalleggiato o meno) che lancia il suo camion "a bomba contro l'ingiustizia" (si, anche l'eroe gucciniano cantato a squarciagola da generazioni di progressisti voleva uccidere "un treno pieno di signori" innocenti - e si, i morti sono tutti innocenti, e il saldo tra i "danni collaterali" dell'occidente e le vittime del terrorismo mediorentale è così sbilanciato che non potrà pareggiarsi mai). Quando toccherà a noi, morire di una cosa del genere, facciamo che il nostro ultimo pensiero, la nostra estrema jastìma (che magari arriva) vada, piuttosto che a un dio che non esiste e al poveraccio che crede di andare in paradiso uccidendo e morendo in nome suo, marionetta inconsapevole di una recita che nemmeno capisce, a chi di quel teatrino tiene le fila.
...
Fin qui il ragionamento liscio liscio. Da qui in poi, per chi abbia bisogno e voglia di convincersi, e fantasia di leggere, alcune delle considerazioni che ci stanno dietro, assieme ad alcuni link di approfondimento:
  • se persino Repubblica, il più allineato alla narrazione standard dei quotidiani, parla dell'attentatore della promenade come di un emarginato con tanti problemi che non ha trovato altra via di redenzione a quella suggerita dal califfato (e non è l'unica incongurenza, vedi anche qui il Fatto), allora vuol dire che si tratta di una ipotesi con davvero molte probabilità di essere la più aderente alla realtà, e quindi il folle franco-tunisino sarebbe maggiormente comprensibile con le categorie di pensiero con cui si analizzano i suoi omologhi statunitensi che con quelle del terrorismo islamico (e chi usa queste ultime da subito e a prescindere, magari per rinfocolare il razzismo e/o l'interventismo bellico in medio oriente, non è che un ignobile sciacallo);
  • ad esempio, questo esperto di terrorismo intervistato dal Fatto quotidiano, nell'incasellare l'eccidio in una strategia volta a trasformare l'Europa in una grande Israele, dove i cittadini hanno imparato a convivere con il rischio quotidiano di morire vittima di un attentato e quindi immersi nella loro normalità in un apparato di sicurezza estremamente pervasivo, non si accorge che il parallelo funziona fin troppo bene: Israele, infatti, è causa con il suo stesso esistere (gratuito - si, è un artificioso avamposto occidentale nelle terre del petrolio, la religione è come sempre solo una scusa, il senso di colpa per l'olocausto non c'entra nulla tanto è vero che la decisione di crearlo è precedente alla II guerra mondiale - ma il concetto funziona anche con "gratuito" tra parentesi) e poi con il suo comportamento storico e continuo, non solo delle azioni disperate di cui è vittima, ma anche di tutta l'instabilità mediorientale senza la quale il terrorismo non avrebbe radici né terreno né acqua;
  • quindi, se non la cancellazione di Israele, o almeno il suo ritiro ai confini ante 67, è il ritiro con ignominia dell'occidente, simile a quello yankee dal Vietnam, da tutti i teatri di guerra aperti dal 1991 ad oggi, con tanto di indennizzi profumati alle popolazioni civili massacrate, l'unica iniziativa capace, forse e con un po' di pazienza, di disinnescare il terrorismo rimuovendone le cause (e con esso le migrazioni di massa);
  • proseguire con l'azione bellica, invece, magari intensificandola, è ormai stradimostrato che è del tutto controproducente; se proprio si volesse praticarla con possibilità di vittoria, infatti, si dovrebbe avere lo stomaco di sterminare con l'atomica una miliardata di innocenti dal Marocco all'Iran, e pazienza per il fallout in sud Europa e Balcani, o se non si vuole arrivare a tanto almeno scegliere con cura il nemico: con un paradosso ben illustrato qui da Bertani, basterebbe mandare un ultimatum all'Arabia Saudita, della serie "al prossimo attentato islamico di chiunque e dovunque, senza neanche cercare di capire chi siano i mandanti e se voi c'entrate, vi radiamo al suolo", per farla finita con il terrorismo islamico - d'altronde, non sono sauditi i soldi con cui prospera? e non sono sauditi tutti i suoi capi storici (Bin Laden in testa: principe arabo di famiglia di petrolieri amici storici dei Bush...)? e non erano sauditi quasi tutti gli attentatori dell'11 settembre? che cavolo c'entrava l'Afghanistan?

Commenti

Post popolari in questo blog

DALLA PARTE DEI NEGRIERI

Dei migranti ho parlato molte volte, pure troppe: violando una delle regole autoinflittemi per questo blog, che è evitare di seguire argomenti troppo di tendenza e soprattutto di farlo con le sparate di poche righe incentivate dai social media. Ragion per cui NON posto commenti a post non ragionati e argomentati, e anzi ho smesso di seguire su Facebook amici anche carissimi che hanno preso il vizio di adottare gli stilemi di moda: vomitare di continuo spot di pensieri come vengono, magari scritto bello grande. Non io. Non vi leggo più. Se volete ragionare con me, abbiate la pazienza di seguirmi, che io qui impiego tempo e fatica a elaborare ogni singola riga, e semmai di commentarmi con lo stesso impegno paziente, e allora è benvenuta anche una confutazione totale. E pazienza, anzi come si dice a Roma sticazzi, se così facendo i click non decollano.
Dicevo, la questione migranti l'ho già affrontata più volte, e non potevo da buon meridionale non farlo, all'inizio non discosta…

EPPUR SI MUOVE

Ho iniziato a definirmi "ateo" da adolescente. Da adulto avrei smesso, preferendo il termine "agnostico" non so se per prudenza mia o maggiore precisione sua, o in genere per la considerazione elementare che anche l'ateo è un credente: crede che Dio non esista, e la cosa non è più dimostrabile del contrario. Cmq, al liceo ero ateo, e però avevo "ottimo" in Religione. Perché l'insegnante, Gernaldo Conti (uno che è rimasto un mito presso i ragazzi di tutte le città in cui ha operato, uno che ancora oggi, che è diversamente giovane e variamente acciaccato, ha una marea di followers dei suoi videomessaggi social, per dire...), un prete a dir poco sui generis al punto che la sua parrocchia di periferia durante le sue funzioni traboccava letteralmente di ragazzi perché era per loro un fratello maggiore che parlava la loro lingua e conosceva i loro problemi, riusciva a dialogare anche con un caprone come me, che lo ricambiava passando le ore di religion…

DEMOCRAZIA SOTTO TUTELA?

Al momento che scrivo ancora non sappiamo se ci hanno definitivamente sancito che non siamo in democrazia imponendoci l'ennesimo governo fantoccio di Bruxelles oppure se avremo finalmente il governo gialloverde anche se in versione light per non allarmare troppo i pupari. E' dalle elezioni che scrivo poco di politica per via del quadro troppo mutevole per le possibilità di aggiornamenti di un sito amatoriale, ma la questione Mattarella impone un commento a se stante a prescindere dagli sviluppi successivi, per cui ci provo.
Il nocciolo non è se sia o meno legittimo che un PdR rifiuti di nominare un ministro (in passato è stato fatto, anche se mai con la conseguenza di impedire il varo di un governo), è per le motivazioni che ha ritenuto di usare (della serie, era meglio per lui se taceva): tutelare i risparmi degli italiani e non accettare al MEF chi abbia posizioni critiche verso l'Euro. Due questioni eminentemente politiche che pertanto esulano dalle prerogative di chi …

19 - EVERGREEN

Per apprezzare meglio il racconto numero 19 (coraggio, ne mancano due o tre) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) bisogna ricordarsi che è uscito nel 1999 ed è stato scritto l'anno prima. Non era di moda il superamento delle identità sessuali. Che, tra parentesi, è cavalcato in questi anni bui da chi vuole farsi spacciare per progressista mentre ci rispedisce in massa nel sottoproletariato. L'astronauta il cui sogno è intercettato dal geestre che ci ha letto tutti i racconti è un anziano biologo brasiliano gay non dichiarato, ma per mezzo racconto la cosa non si capisce, come per Stella di mare di Lucio Dalla manco dopo la millesima volta che la senti.

(Abbiate pazienza, del governo parlerò solo se lo fanno, o se invece hanno la faccia tosta di non farlo, con il primo Presidente della Repubblica della storia italiana che usa davvero le sue prerogative sulla scelta dei ministri per mettere i bastoni…

CI SI POTREBBE GRATTARE...

Alla fine il governo gialloverde è partito, e il fatto che sia comunque una buona notizia è certificato persino dai famigerati mercati finanziari, oltre che ammesso onestamente anche da chi era stato chiamato all'ultimo momento a rimpiazzarlo, o chissà forse solo a fare da spauracchio per ammorbidirne certi aspetti.
Sia chiaro, non solo (come avevo peraltro predichiarato) non è certo "il mio governo ideale", ma non fatico ad ammettere che sono molti gli aspetti che non possono che procurare orticaria, a me come sicuramente a molti grillini sia militanti che politicamente attivi, da semplice eccessiva vicinanza a gente che predica valori incompatibili con chi si sente di sinistra. Ma la politica è arte empirica, bisogna fare il meglio con le carte che si hanno a disposizione, e una legge elettorale così farlocca francamente non poteva dare all'Italia un governo migliore, anzi: si ricordi che era stata concepita per avere il Renzusconi come unico sbocco possibile (non…

20 - OMICIDIALI ASSASSIMILI

Il penultimo racconto (terzultimo, col cappello finale, quartultimo, se pensiamo che il cappello finale in realtà è almeno doppio) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) è ancora oggi uno dei miei preferiti. Chiunque abbia scritto qualcosa sa che a rileggersela dopo tanto tempo (e qui è tanto: il libro è uscito nel 1999) il sentimento che prevale è la vergogna, e io non faccio eccezione, nel mio rapporto con questi racconti, alcuni dei quali hanno origini ancora più remote, peraltro. Ma con questo qua no, non so se perché è uno degli ultimi ad essere stato scritto, o perché non so nemmeno io come mi è venuto di inventarmi che una degli astronauti a bordo della navicella mandata nello spazio profondo come ennesimo tentativo di perpetuare la specie di un pianeta ormai avviato all'autodistruzione, la giovane thailandese che narra, sia in realtà una clandestina, non vi dico come e perché solo per via del fa…

CARNE DI PORCO

Il titolo lo volevo lasciare in dialetto riggitano, carn'i porcu, che tanto si capiva lo stesso, ma mi pare che in italiano assuma un tono se possibile ancora più volgare. I dialetti secondo Bernstein utilizzano un "codice ristretto", cioè usano per rappresentare tutti i significati un numero limitato di segni, quindi necessariamente ad elevato alone semantico, presupponendo quindi tra chi li usa un'elevata "competenza comunicativa" comune. In altri termini, non puoi parlare in dialetto con una persona con cui non condividi un vasto substrato culturale, un parente un amico uno della zona in cui sei nato o cresciuto, altrimenti le parole sono insufficienti ad esprimere quello che vuoi dire. A contrario, ed io spesso utilizzo il dialetto in questa funzione di test, se riesci ad esprimere un concetto parlandone in dialetto con un amico ricevi un doppio feedback, di conferma dell'amicizia e della veridicità rispetto alla tua anima del concetto che volevi es…