FRITTATA 'I PATATI

Come per tante altre cose del nostro Sud, questa semplicissima ricetta ha origini spagnole, risultando infatti più simile a una tortilla che ad altre frittate italiane con magari ascendenze nella omelette francese. E come per tante altre cose semplici, è molto facile sbagliarla: basta tagliare le patate troppo piccole o troppo grandi, oppure cuocerle troppo o poco, o mettere troppe uova o troppo poche, o non saperla girare o non girarla al momento giusto, per trasformare l'esito da potenzialmente ottimo a tendenzialmente pessimo. Inutile dire che la pratica è tutto, basta non scoraggiarsi e prima o poi verrà perfetta: olè!
Frittata di patate
Taglia a dadini 3 patate, e friggile, salandole, in poco olio.
A parte, sbatti 3 uova, e una volta montate aggiungi sale, pepe, prezzemolo tritato e parmigiano.
Quando le patate sono fritte, versa le uova, e smuovi la padella per non farle attaccare, aiutandoti con la forchetta, spostandola sul fornello per una cottura più uniforme.
Pochi minuti, ti avvisa l’odore, ed è il momento di girarla, capovolgendola con l’aiuto di un coperchio o di un piatto piano, e cuocerla dall’altro lato come sopra.

Ingredienti
  • 3 patate medie
  • 3 uova
  • sale
  • pepe
  • prezzemolo
  • parmigiano
  • olio extravergine d’oliva
Munda i patati, lavali, e tagghiali a morsriceddhi quatrati, non troppu picciriddhi ma mancu rossi assai annunca non si fannu, e sciugali nti ‘na sirbietta.
Menti ‘na stampa r’ogghiu nt’a pareddha, e quandu è caddu menti ‘e patati, cu na pizzicata ‘i sali.
Nt’o stramenti sbatti l’ova, e quandu su fatti nci ggiungi ‘na stampiceddha i sali, ‘u spezzi, ‘u putrusinu tagghiatu finu finu, e ‘nu bellu pocu ‘i parmigianu rattatu.
Non ti sperdiri mi mìsciti sempri ‘e patati, cusì si fannu tutti i stessi, annunca quali si brucia e quali resta crura.
Quandu su fatti, menti l’ova, e c’a forchetta vai tornu tornu non mi si 'mpiccia, a iasi e ci fai sculari l’ovu i sutta annunca ndi rresta assai cruru i supra nto menzu, e intantu movi a pareddha i ccà e i ddhà mi si faci tutta a stessa, e ogni tantu ‘a smovi non mi si mpigghia ‘a frittata.
Quandu senti ‘u sciauru soi, voli diri chi ll’ha girari. Allura nci menti un cumbogghiu o puramenti un piattu chianu i supra, ‘u teni c’a manu ntò mentri cu l’autra manu teni ‘u manicu r’a pareddha, ‘a voti viatu viatu, ‘a fai sciddicari nt’a pareddha ill’autru latu, e ‘a fai a’ stessa manera ‘ill’autru latu.

Nessun commento:

LA SCELTA (COLUI CHE ODIA, COLUI CHE AMA)

No, non l'ho letto in tedesco, è che la copertina di questa edizione è davvero molto ma molto figa... Continuo imperterrito nella p...