Passa ai contenuti principali

IL DESERTO DEL TARTARO

Nel virgolettato del Corrierone la didascalia scelta  per la
loro foto da due delle "coraggiose accusatrici" di Weinstein.
Poi se Massimo 
Fini parla di "fica power" è maschilista...
Volevo parlare del nuovo osceno tentativo di bavaglio al web, magari con la stessa identica sintassi che ho usato per la legge elettorale (è peggio di quella che voleva imporci Berlusconi, ma allora con me sulle barricate c'erano tanti, troppi amici che oggi, da bravi piddini e sennò è pure peggio, invece tacciono o approvano), ma mi sembrava di averlo già fatto troppe volte.
Poi volevo parlare anche del coro di "anch'io, anch'io!" con la manina alzata che si è levato all'esplodere del caso Weinstein, il famosissimo e fino a ieri considerato universalmente bravissimo produttore hollywoodiano attorno a cui oggi si è fatto il vuoto, ma non mi veniva niente di meglio che canticchiare Fantoni Cesira: a sintetizzare il  pensiero spesso basta e avanza una canzone (di uno bravo, però).
Entrambi gli argomenti rischiavano di cristallizzarsi nella parte sommersa dell'iceberg degli spunti da cui vengono fuori i pochi post mensili di questo blog, quando, per fortuna ("che culo che ha certa gente" - mi è rimasto in testa il Maestrone), mi sono imbattuto in un post altrui che mi ha schiarito il nesso tra le due cose, e insieme il motivo per cui non riuscivo a scriverne (andavano messe assieme): è una cosa che mi capita ricorrentemente specie con alcuni, questa volta il merito è di Lameduck.
Il punto è, ancora una volta, questo: la sinistra, avendo abbandonato da tempo la difesa dei diritti sostanziali (la marxiana "struttura"), si prodiga a difendere ed estendere i diritti formali (la "sovrastruttura"), e grazie al controllo del mainstream riesce ad imporre una narrazione monocorde della cui contraddizione ci accorgiamo in pochi. Ma siccome anche questi pochi possono fargli danno, il totalitarismo mette le mani avanti e mentre tenta di imporre anche sul web (magari con la scusa delle fake news - fa niente se a guardare bene si scopre vengono soprattutto dalle fonti cosiddette attendibili - o della pirateria brutta e cattiva - fa niente se a guardare bene l'industria culturale la aiuta) la stessa favoletta, si mette in condizioni di poter nuocere a chiunque abbia una voce dissonante, hai visto mai dovesse essere troppo ascoltata. Quadra? Quadra.
Temi come la lotta al razzismo, l'accoglienza degli immigrati (lo stesso sito, cattolico, ospita nella stessa edizione sia la vulgata imperante che la sua ficcante confutazione), la parità dei sessi (che se la intendiamo come annullamento delle differenze fermiamo ogni tensione, come per la corrente elettrica, ce lo deve ricordare l'immensa Franca Valeri) e la dignità della donna, le unioni civili anche omosessuali, l'ecologia e i divieti al trasporto privato, eccetera eccetera, se trattati senza prima aver salvaguardato il diritto al lavoro e a un reddito dignitoso per tutti, a una scuola pubblica gratuita e interclassista, a una sanità pubblica gratuita e avanzata, eccetera eccetera, sono solo una presa per i fondelli, perché di fatto la mancanza dei secondi vanifica la presenza dei primi anche quando fossero reali (e spesso sono solo enunciati). Se continua così, infatti, se cioè non si abbandona definitivamente e drasticamente il credo neoliberista che la sinistra ha sposato da tempo, la situazione economica delle persone sarà presto tale, anzi è già in moltissimi casi tale, che tutte le cose che i diritti civili in teoria ci consentiranno di fare in pratica le potranno fare solo i pochi benestanti. E gli altri, ovviamente, intanto diventeranno (infatti stanno già diventando) razzisti, maschilisti, allergici a ogni diverso, astiosi e diffidenti gli uni degli altri.
Poi, siccome queste battaglie di civiltà sono quello che sono, cioè fumo negli occhi ad uso del popolo bue, è ovvio che si svolgano secondo modalità che sconfinano sempre più frequentemente nel grottesco.
Ad esempio, il caso Weinstein ("tartaro", secondo la traduzione letterale), più montava meno mi quatrava. No, non è solo che potevano dirlo prima, anche se si, potevano. E' che il luridone non è il padrone della filanda (altra canzone storica, questa proprio dickensiana...) che usa senza pudore il suo potere di ricatto, enorme in quanto mette in discussione la sussistenza delle vittime. E' un uomo molto potente a cui piacciono certe cose e così le chiede ad altre a cui piacciono altre cose che lui può dare loro e sono disposte allo scambio, altrimenti vista la sua fama manco ci si accosterebbero, o comunque rifiuterebbero - attenzione che il cambio di paradigma è qualitativo oltre che quantitativo, visto che in gioco non c'è il posto di cassiera sennò a casa non si mangia, ma una si spera sfolgorante carriera nel cinema (che non sarà proprio un trono, ma...). Per definire la fattispecie sarebbe forse il caso di ricorrere alla categoria "prostituzione", se non fosse che si rischia di offendere delle oneste lavoratrici o peggio delle disgraziate davvero sfruttate dai malavitosi che le gestiscono e dai clienti (che dovrebbero avere l'esecrazione sociale unanime che non hanno), e non basta nemmeno aggiungere "d'alto bordo", perché qui offenderemmo delle professioniste che sanno quello che fanno e non si sognano nemmeno di fare le finte tonte meno che meno anni dopo che hanno avuto la loro sostanziosa controprestazione.
Che poi il tipo sia uno schifoso, non si fa fatica a crederlo, in un ambientino così poi... Ma che le santarelline del decennio dopo non sapessero benissimo, essendo appunto dell'ambiente, chi fosse e cosa volesse, e gli si fossero accostate innocentemente, venendo brutalmente aggredite e ricattate, ecco, quello si fa fatica a crederlo. Solo che non si può dire, perché se no sei maschilista, anche se non lo sei mai stato e la tua storia personale lo conferma. Anzi, qualunque cosa scriverai e leggerai sarà conservata per anni e potrà sempre essere usata contro di te, in campana! Un ultrà di calcio (precisare "cretino" è tautologico) mette una maglietta della Roma ad Anna Frank e tu non ti unisci al coro del "dagli all'antisemita" perché non capisci che ci azzecca? Annotato! Occhio, che se insisti e ci ragioni ancora su (l'offesa sarebbe dare del romanista agli ebrei, o dell'ebreo ai romanisti? o è profanazione di immaginetta?) sei schedato come antisemita. Non ne parliamo se metti in discussione il sacro paradigma dei vaccini obbligatori: complottista antiscientifico! Giù per questa china, il libero pensiero deve cedere il passo al pensiero ammissibile, e ad esempio se lavori in una redazione guai a illustrare un'articolo che parla che so di una prova selettiva con un'immagine dove le sagome di chi seleziona e/o di chi viene selezionato siano chiaramente maschili...
Questo è il contesto che ci hanno apparecchiato: la realtà non conta, conta la sua narrazione a modino, e che sia pervasiva (capito, caro Drogo? il nemico esiste e arriverà, non si discute, anche se è tutta la vita che lo aspetti e non ne hai mai visto l'ombra...) e non si sgarri. Ai ragazzi bisogna insegnarlo da subito...

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

AL BUIO

Questa canzone è molto vecchia, forse ha addirittura 35 anni; oso mantenerla tra quelle non dico attuali, ma che non mi vergogno di presentare sul blog in caso qualcuno ne volesse l'uso (ricordo che il testo è registrato, ma non è certo questione di soldi), perché penso che tratti di questioni senza tempo. Pensata come un valzerotto – il ritornello cantato il resto parlato - ma come le altre rimusicabile liberamente da chi la prendesse, la canzone infatti parla di cose che hanno riguardato gli adolescenti di ogni epoca: i supporti e gli strumenti di comunicazione sono tutto sommato "sovrastruttura", quella età per chi la ricorda davvero (cioè, liberandosi del filtro della nostalgia di essere "tutto per possibilità" - cit.) è difficilissima. Come dimostrano le tante tragedie che si leggono in cronaca. Ai miei tempi molti si teneva un diario, specie le ragazze, a me è capitato a un certo punto di pensare che portasse sfiga (avevo letto "Il mestiere di viver…

I COME INFAMIA

Come ho detto fin dall'inizio, è molto meglio Trump di Obama perché è molto meglio uno che si mostra per quello che è rispetto a uno che pensi che sia una cosa e invece è tutto l'opposto (si, è lo stesso motivo per cui Renzi era molto peggio di Berlusconi...). Trump è un miliardiario cafone che sa che per l'economia del Paese che è chiamato a guidare serve fare le guerre, e quindi si butta a pesce in tutte le situazioni che vanno bene alla bisogna, ovviamente sottobanco trattando perché non diventino davvero troppo pericolose per i suoi.
Israele, a dispetto di quello che vi dicono da sempre, non è altro che un avamposto che l'Occidente ha piazzato in Medio Oriente all'inizio dell'Era petrolifera. Il resto è solo ideologia, cioè fuffa per i boccaloni: tutti, sia i pro che i contro. Della sua storia nel dettaglio ho scritto più volte, oggi se volete un bel ripasso c'è qui Johnstone, e se la volete capire davvero c'è sempre la splendida satira di Mazzucco.…

DA BAMBINI

L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri u…

UN POSTO VICINO L'USCITA, GRAZIE

E così, pare, alla fine di due mesi di pantomime e psicodrammi, il governo, l'unico politico possibile dato il risultato del 4 marzo, si farà. Salvo colpi di scena finali, s'intende, ma sono due mesi che evito accuratamente di scrivere dell'argomento (e meno male che scrivo anche di altro, c'è chi da due mesi non aggiorna il blog...) proprio per non seguire false piste, stavolta mi voglio sbilanciare, e pazienza se toppo non sarà mica la prima né l'ultima volta...
I due soggetti politici che hanno vinto le elezioni, inoltre dimostrando la persistenza di una spaccatura nord/sud nel Paese, alla fine si stanno accordando per un governo la cui linea politica porti avanti il massimo possibile dei programmi di entrambi, partendo dalle non poche cose in comune e lasciando però fuori le cose magari volute dall'uno ma assolutamente aborrite dall'altro. Non sarà facile, ma l'alternativa, che Mattarella ha minacciato di concretizzare altrimenti, è semplicemente a…

SMARTPHONE GENERATION

Mentre c'è ancora chi si chiede se sia il caso di regalare o meno lo smartphone a una ragazzina di 10 anni (e io, detto tra noi, sarei per il no, anche se temo sia difficile resistere...), sempre più studi riferiscono un sempre maggiore utilizzo di questi dispotivi da parte di bambini sempre più piccoli.
Quello in cui mi sono imbattuto io è di Eleonora Cannonia, Teresa Gloria Scalisi e Andrea Giangrande dell'Università della Sapienza di Roma, e si intitola:
Indagine sui bambini di 5-6 anni che usano quotidianamente i dispositivi mobili in ambito familiare: caratteristiche personali e contestuali e problematiche cognitive ed emotive Se volete approfondire potete acquistarlo qui, io poi vi dico cosa mi ha colpito, e qui intanto vi riporto l'abstract:
La diffusione tra i bambini di dispositivi elettronici interattivi (in particolare smartphone e tablet) è un fenomeno recente ma in crescente espansione. In Italia le ricerche si sono concentrate finora sui bambini in età scolar…

PORNO-ARISTON

Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintes…