Passa ai contenuti principali

QUESTA MONETA SERVONO...

Uno dei vantaggi dell'era Internet è che uno può dimostrare, che "l'aveva detto", quelle volte che aveva azzeccato qualcosa. Certo, l'altra faccia della medaglia è che le tue parole restano sempre lì anche le volte che toppi... Ma insomma, se le prime sono più delle seconde, è "carta" che lo "canta" non tu che lo affermi apoditticamente.
Sulla moneta io ho il vantaggio di avere studiato quando all'università ancora l'economia veniva trattata come la scienza empirica che è, cioè presentando le varie macroteorie come frutto di approcci politici diversi, da confrontare sia sul piano teorico che su quello dei risultati nelle diverse realtà spaziotemporali in cui si potevano applicare. Negli ultimi decenni, invece, si è affermato un monopensiero ultraliberista/monetarista, che presenta se stesso come un dogma e l'economia politica come la scienza esatta che non è.
Con questo background, ho approfittato del mio piccolo pulpito per fornire, a chi lo volesse, qualche strumento di comprensione della realtà:
  • gennaio 2011 (doveva ancora arrivare Monti) - Money money, analisi divulgativa della teoria della moneta con già dentro l'evidenza che i trattati europei impedendoci di perseguire la piena occupazione di fatto ci impedivano di rispettare la nostra stessa Costituzione;
  • giugno 2012 (ancora non c'era il m5s) - Io c'Euro, individuazione del "colpevole", ma ancora con speranze che potesse cambiare qualcosa a livello europeo;
  • agosto 2012 (idem) - Due + due, che potremmo ribatezzare keynesismo for dummies, con tanto di dimostrazione aritmetica in illustrazione;
  • luglio 2015 (già grillino da tempo, era arrivato Renzi a darmene ulteriore ragione) - La papera non galleggia, l'UE è ormai un sogno sepolto, bisogna uscirne al più presto, e mettere in mano a una nuova (e onesta) classe politica nazionale la leva monetaria.
Per questa ragione, piuttosto che mettermi a ripetere la solfa, preferisco lasciare a chi vuole l'onere di andarsi a rifare tutto il ragionamento, e invece riportarne qui solo le conclusioni:
  1. la moneta in circolazione deve essere quella che serve, non di più e non di meno, a garantire che un sistema economico intanto sopravviva e poi magari anche prosperi;
    quindi
  2. l'Euro è stato concepito come (ed è ancora) un'arma tedesca per uccidere il sistema economico dei Paesi del mediterraneo e in special modo della pericolosissima Italia, ed è al 90% del raggiungimento del suo obiettivo (gli italiani che hanno contribuito a questa sconfitta bellica in tempo di pace, politici economisti e giornalisti in primis, se fossimo in guerra dovrebbero essere fucilati come collaborazionisti, i consapevoli, e rieducati come manco ai tempi di Mao gli inconsapevoli). 
A suffragio delle stesse, metto la solita nutrita serie di spunti di approfondimento per volenterosi - dopodichè, comunque vadano le elezioni, in futuro ogni volta che mi verrà di dire "ve l'avevo detto" farò un link a questo post, come a una sorta di compendio, e nessuna ignoranza verrà più scusata:
  • Giacchè, ovvero come e perché è in corso la suddetta guerra e la stiamo perdendo, spiegato non da me ma da uno bravo; 
  • Pamio, ovvero un po' di cifre sullo stato in cui con questa guerra hanno ridotto il Paese, condite con un po' di ironia sulle questioncine con cui ci distraggono;
  • Bagnai (che continuo a citare anche se "si porta" con la Lega, perché uno può sbagliare conclusioni anche partendo da partenze giuste), ovvero la deflazione permanente è una delle due armi con cui è combattuta questa guerra, l'altra è l'immigrazione;
  • Verga, ovvero hanno ridotto il lavoro a uno stato tale che comincia a essere legittimo chiedersi se non sia meglio, cioè più conveniente per i lavoratori, reintrodurre la schiavitù. E badate bene che l'articolo è su Il Sole 24 ore, non su un sito di controinformazione dei miei, che dire? forse ora che sta per chiudere comincia a dire la verità...
  • Cavalleri, ovvero una bella rinfrescata sulla teoria della moneta con incursioni fino al Bitcoin e al Sardex, ma leggete con attenzione soprattutto i passaggi su Keynes e la politica monetaria hitleriana (che niente nasce per caso e ignorare le cause storiche del successo del nazifascismo equivale a preparare il terreno per la sua rinascita - e, visto che ci siamo, andate al cinema a vedere Sono tornato, e poi ne parliamo).
  • Filocamo, ovvero se volete un buon esempio di quello che ha fatto l'Euro, guardate all'unificazione italiana e alla nascita della Questione meridionale.
  • Cabras, ovvero ma quei pazzi (come chiamavamo gli illusi inguaribili quando non c'era la sciagurata moda del politically correct ad ogni costo?) che ancora straparlano di "più Europa" o "Stati Uniti d'Europa", come fanno a non rendersi conto che se venisse sancita una unione politica non farebbe che ripetere, e stavolta in modo definitivamente ineluttabile, il paradigma UE/Euro, cioè perseguire non certo interessi comuni ma solo interessi di alcune nazioni (e qui Streeck ci spiega come e perché la democrazia è possibile solo all'interno dello Stato-Nazione) a danno di interessi di altre (tra cui la nostra)? 
  • Leonardo, ovvero mi rispondo subito: anche uno intelligente e serio può ricadere nel vizio di continuare a spiegare la realtà con paradigmi vecchi e non più adeguati. Nella fattispecie, lui parla del centrosinistra come di "partito della realtà", contrapposto ai "partiti del piacere" berlusconiano e grillino, ricicciando la metafora che ci fece digerire anni in cui noi davamo le batoste ai lavoratori e il centrodestra vinceva le elezioni beneficiando però di un bilancio risanato da noi, e dimenticando però che: 1) siamo in avanzo primario dal 1991 e il debito continua a peggiorare, cosa che almeno qualche dubbio sul funzionamento degli assiomi monetaristi dovrebbe farlo venire, e 2) è da mò che il PD è anch'esso un partito del piacere, dall'inizio dell'era renziana almeno. Il fatto è, ed è estremamente significativo, che a sinistra ormai i comandamenti dell'ultraliberismo, che non sono che dogmi di una delle religioni possibili, vengono considerati "la Realtà". Ed è a questo che serve questo link, a capire come anche uno intelligente e serio possa finire in questa trappola, così magari ve ne tirate fuori voi, almeno qualcuno dai...
  • Pagni, addirittura su Repubblica, ovvero laddove questi dogmi sono nati si è preso a metterli in discussione, e seriamente, al punto che a parlare di ri-nazionalizzazioni non è più solo Corbin - tanto per fare un confronto, da noi sia centrodestra che centrosinistra propongono ancora, come mezzo per fare rientrare il debito sotto il 100% del PIL (tra l'altro, del tutto illusorio, perché in una frazione c'è anche il denominatore, e perché l'ammontare della spesa per interessi sul debito pregresso continua a crescere), privatizzazioni e svendita di patrimonio statale;
  • Micalizzi, ovvero il fortino da cui potrebbe iniziare la riscossa è la Cassa Depositi e Prestiti, ecco perché l'hanno messa nel mirino, ed ecco perché bisognerebbe difenderla ad ogni costo;
  • Cillis, sempre su Repubblica, ovvero se è il debito il problema, com'è che il Giappone che ce l'ha il doppio del nostro non ha spread e nemmeno disoccupazione?
  • Bertani, ovvero vi siete mai chiesti come funzionano le lobby e che razza di tassa per l'economia e di vulnus per la democrazia siano?
  • Fusaro, ovvero dato tutto ciò è appena consequenziale il 4 marzo prossimo votare per chi "più nuoce all'aristocrazia finanziaria", e pazienza se la scelta, visto che le scelte sovraniste della Lega sono contraddette dalle sue alleanze, finisce per diventare obbligata, stavolta. A meno che non vogliamo davvero affidarci, come descrive Barnard in questo post solo apparentemente paradossale, alla mafia e alla nuova Arabia Saudita...

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

AL BUIO

Questa canzone è molto vecchia, forse ha addirittura 35 anni; oso mantenerla tra quelle non dico attuali, ma che non mi vergogno di presentare sul blog in caso qualcuno ne volesse l'uso (ricordo che il testo è registrato, ma non è certo questione di soldi), perché penso che tratti di questioni senza tempo. Pensata come un valzerotto – il ritornello cantato il resto parlato - ma come le altre rimusicabile liberamente da chi la prendesse, la canzone infatti parla di cose che hanno riguardato gli adolescenti di ogni epoca: i supporti e gli strumenti di comunicazione sono tutto sommato "sovrastruttura", quella età per chi la ricorda davvero (cioè, liberandosi del filtro della nostalgia di essere "tutto per possibilità" - cit.) è difficilissima. Come dimostrano le tante tragedie che si leggono in cronaca. Ai miei tempi molti si teneva un diario, specie le ragazze, a me è capitato a un certo punto di pensare che portasse sfiga (avevo letto "Il mestiere di viver…

I COME INFAMIA

Come ho detto fin dall'inizio, è molto meglio Trump di Obama perché è molto meglio uno che si mostra per quello che è rispetto a uno che pensi che sia una cosa e invece è tutto l'opposto (si, è lo stesso motivo per cui Renzi era molto peggio di Berlusconi...). Trump è un miliardiario cafone che sa che per l'economia del Paese che è chiamato a guidare serve fare le guerre, e quindi si butta a pesce in tutte le situazioni che vanno bene alla bisogna, ovviamente sottobanco trattando perché non diventino davvero troppo pericolose per i suoi.
Israele, a dispetto di quello che vi dicono da sempre, non è altro che un avamposto che l'Occidente ha piazzato in Medio Oriente all'inizio dell'Era petrolifera. Il resto è solo ideologia, cioè fuffa per i boccaloni: tutti, sia i pro che i contro. Della sua storia nel dettaglio ho scritto più volte, oggi se volete un bel ripasso c'è qui Johnstone, e se la volete capire davvero c'è sempre la splendida satira di Mazzucco.…

DA BAMBINI

L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri u…

UN POSTO VICINO L'USCITA, GRAZIE

E così, pare, alla fine di due mesi di pantomime e psicodrammi, il governo, l'unico politico possibile dato il risultato del 4 marzo, si farà. Salvo colpi di scena finali, s'intende, ma sono due mesi che evito accuratamente di scrivere dell'argomento (e meno male che scrivo anche di altro, c'è chi da due mesi non aggiorna il blog...) proprio per non seguire false piste, stavolta mi voglio sbilanciare, e pazienza se toppo non sarà mica la prima né l'ultima volta...
I due soggetti politici che hanno vinto le elezioni, inoltre dimostrando la persistenza di una spaccatura nord/sud nel Paese, alla fine si stanno accordando per un governo la cui linea politica porti avanti il massimo possibile dei programmi di entrambi, partendo dalle non poche cose in comune e lasciando però fuori le cose magari volute dall'uno ma assolutamente aborrite dall'altro. Non sarà facile, ma l'alternativa, che Mattarella ha minacciato di concretizzare altrimenti, è semplicemente a…

SMARTPHONE GENERATION

Mentre c'è ancora chi si chiede se sia il caso di regalare o meno lo smartphone a una ragazzina di 10 anni (e io, detto tra noi, sarei per il no, anche se temo sia difficile resistere...), sempre più studi riferiscono un sempre maggiore utilizzo di questi dispotivi da parte di bambini sempre più piccoli.
Quello in cui mi sono imbattuto io è di Eleonora Cannonia, Teresa Gloria Scalisi e Andrea Giangrande dell'Università della Sapienza di Roma, e si intitola:
Indagine sui bambini di 5-6 anni che usano quotidianamente i dispositivi mobili in ambito familiare: caratteristiche personali e contestuali e problematiche cognitive ed emotive Se volete approfondire potete acquistarlo qui, io poi vi dico cosa mi ha colpito, e qui intanto vi riporto l'abstract:
La diffusione tra i bambini di dispositivi elettronici interattivi (in particolare smartphone e tablet) è un fenomeno recente ma in crescente espansione. In Italia le ricerche si sono concentrate finora sui bambini in età scolar…

PORNO-ARISTON

Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintes…