Passa ai contenuti principali

PORNO-ARISTON

"Questa è una canzone intelligente..."
Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintesi dei due suddetti post in occasione dell'ipogeo costituito dalla vittoria di Mengoni.
In questo 2018, la molla è rappresentata dalla copresenza (che non stupisce, vista la cifra stilistica da sempre stucchevole del direttore/conduttore - e per carità non sto criticando né lui né il suo festival, che in pratica essendo consistito in una specie di suo lungo concerto di duetti, inframezzato ogni tanto dalle canzoni in gara, è stato mediamente di qualità migliore del solito, anche lui avendo potuto, volendo, vincere col piede sinistro ogni volta che avesse voluto, negli anni...) di troppe canzoni ruffiane, quasi tutte peraltro variamente premiate.
Fabrizio Moro, autore della canzone vincente come della identica canzone di un paio d'anni fa, fa della ruffianeria la sua cifra stilistica, se pensiamo all'ingenuo appello alla mafia e sciacallaggio dei suoi morti di Pensa, con cui si è fatto conoscere proprio a Sanremo 11 anni fa. Oggi "si porta" il terrorismo e infatti il pezzo su quello fa leva e ottiene il successo anche popolare, in ciò aiutato dal teatrino dell'esclusione rientrata, che infatti ha come si dice azzerato le quote dei bookmakers. La cosa peggiore dell'operazione è avere neutralizzato proprio lo spirito del testo da cui prende spunto, la lettera del familiare della vittima che ci fece riflettere sul fatto che l'unica risposta sensata al terrorismo era non fare quello che ci voleva costringere a fare (rinunciare alla nostra libertà quotidiana, anche di divertirci), trasformandolo in un refrain retorico da un lato ridicolo (facile rispondere ironizzando "e certo, non c'eravate" al "non ci avete fatto niente") e dall'altro imbarazzante (se facciamo una seria contabilità si che non sono niente, le vittime occidentali del terrorismo a paragone delle vittime delle guerre occidentali). Detta in piano, è vero che per non dargliela vinta ai terroristi l'unica risposta possibile di ogni persona che si possa dire democratica e libera è non rinunciare al proprio modello di vita, ma ciò assume dignità se e solo se si accompagna a una scelta politica precisa, che tolga le responsabilità di governo a chi ha creato la situazione internazionale che costituisce il terreno fertile del terrorismo. In altre parole, se voto per chi propone il ritiro immediato dell'occidente dalle zone di guerra che ha acceso e fomentato negli ultimi trent'anni, con tanto di riparazione dei danni e risarcimento, allora poi, se ancora serve, posso avere un atteggiamento fiero di fronte a chi usa la violenza contro di noi. Altrimenti la mia fierezza è protervia. E alla mia frase ad effetto non potrò che attendermi una risposta del tipo "tranquilli, vi faremo qualcosa la prossima volta...".
Un discorso solo apparentemente di segno opposto può essere fatto per Mirkoeilcane (che forse andrebbe scritto "Mirko, e il cane?"): va bene che ti devi fare conoscere, ma sciacallare sulle vittime altrui, peraltro causate ancora dalla strategia politica dell'impero di cui siamo sudditi (sia quella militare già citata che quella economica che tende all'appiattimento in basso della retribuzione del fattore lavoro), senza fare nessun accenno a quest'ultima, equivale sostanzialmente a fargli da fiancheggiatore, assumendosi il compito di soffiare sul fuoco dei nostri sensi di colpa. Un lavoro che a gente come la Boldrini e company è da tempo molto ben retribuito, per cui peraltro il nostro deve mettersi in una ormai lunga coda (ah, ecco il cane!...), con la sua canzoncina che per capire quanto vale basta che la senti dopo Mio fratello che guardi il mondo, senza dire niente.
Insomma, non dico che era meglio quando dominavano le canzoni "amore e cuore", o quando per vincere dovevi essere almeno cieco (muto era troppo, trattandosi di canzoni), e niente è peggio delle canzoni tutte uguali di quelli che escono dai talent, ma questa sorta di "pornografia valoriale" è francamente insopportabile.
Poi, come sempre, c'erano alcune belle canzoni anche quest'anno: quella di Gazzè, ad esempio, romantica ma senza retorica, come pure quella di Barbarossa. Ma il momento migliore secondo me è stato quello in cui, volendo riempire il buco in attesa della proclamazione con una canzone di un collega scomparso, Baglioni ne cita tanti ma sceglie Jannacci, uno che la retorica la schifava e però aveva il repertorio pieno di cose estremamente commoventi, oltre che di divertenti (nel mio coccodrillo ne trovate molte: il grande Enzo era da sempre costantemente sottovalutato - e la cosa gli piaceva non poco, sono sicuro).
Chiudo tornando ai vincitori, e approfittando che proprio stasera e domani danno in TV un biopic su un altro gigante, De André (peraltro i due ebbero un contatto artistico insospettabile): se vi serve toccare con mano la distanza tra il loro motivetto paraculo (che non riuscite a togliervi dalla testa, lo so, càpita...) e un vero capolavoro che mette in scena, guardandola però dal lato giusto, la stessa tragedia, ripassatevi Sidùn. Anzi, qualcuno la faccia ascoltare bene pure a loro, così magari Moro si vergogna e si ritira, e Meta chiude tra parentesi e rimuove questo episodio di una carriera che prometteva bene e ancora forse fa a tempo a rimettere sui giusti binari.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

AL BUIO

Questa canzone è molto vecchia, forse ha addirittura 35 anni; oso mantenerla tra quelle non dico attuali, ma che non mi vergogno di presentare sul blog in caso qualcuno ne volesse l'uso (ricordo che il testo è registrato, ma non è certo questione di soldi), perché penso che tratti di questioni senza tempo. Pensata come un valzerotto – il ritornello cantato il resto parlato - ma come le altre rimusicabile liberamente da chi la prendesse, la canzone infatti parla di cose che hanno riguardato gli adolescenti di ogni epoca: i supporti e gli strumenti di comunicazione sono tutto sommato "sovrastruttura", quella età per chi la ricorda davvero (cioè, liberandosi del filtro della nostalgia di essere "tutto per possibilità" - cit.) è difficilissima. Come dimostrano le tante tragedie che si leggono in cronaca. Ai miei tempi molti si teneva un diario, specie le ragazze, a me è capitato a un certo punto di pensare che portasse sfiga (avevo letto "Il mestiere di viver…

I COME INFAMIA

Come ho detto fin dall'inizio, è molto meglio Trump di Obama perché è molto meglio uno che si mostra per quello che è rispetto a uno che pensi che sia una cosa e invece è tutto l'opposto (si, è lo stesso motivo per cui Renzi era molto peggio di Berlusconi...). Trump è un miliardiario cafone che sa che per l'economia del Paese che è chiamato a guidare serve fare le guerre, e quindi si butta a pesce in tutte le situazioni che vanno bene alla bisogna, ovviamente sottobanco trattando perché non diventino davvero troppo pericolose per i suoi.
Israele, a dispetto di quello che vi dicono da sempre, non è altro che un avamposto che l'Occidente ha piazzato in Medio Oriente all'inizio dell'Era petrolifera. Il resto è solo ideologia, cioè fuffa per i boccaloni: tutti, sia i pro che i contro. Della sua storia nel dettaglio ho scritto più volte, oggi se volete un bel ripasso c'è qui Johnstone, e se la volete capire davvero c'è sempre la splendida satira di Mazzucco.…

DA BAMBINI

L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri u…

UN POSTO VICINO L'USCITA, GRAZIE

E così, pare, alla fine di due mesi di pantomime e psicodrammi, il governo, l'unico politico possibile dato il risultato del 4 marzo, si farà. Salvo colpi di scena finali, s'intende, ma sono due mesi che evito accuratamente di scrivere dell'argomento (e meno male che scrivo anche di altro, c'è chi da due mesi non aggiorna il blog...) proprio per non seguire false piste, stavolta mi voglio sbilanciare, e pazienza se toppo non sarà mica la prima né l'ultima volta...
I due soggetti politici che hanno vinto le elezioni, inoltre dimostrando la persistenza di una spaccatura nord/sud nel Paese, alla fine si stanno accordando per un governo la cui linea politica porti avanti il massimo possibile dei programmi di entrambi, partendo dalle non poche cose in comune e lasciando però fuori le cose magari volute dall'uno ma assolutamente aborrite dall'altro. Non sarà facile, ma l'alternativa, che Mattarella ha minacciato di concretizzare altrimenti, è semplicemente a…

SMARTPHONE GENERATION

Mentre c'è ancora chi si chiede se sia il caso di regalare o meno lo smartphone a una ragazzina di 10 anni (e io, detto tra noi, sarei per il no, anche se temo sia difficile resistere...), sempre più studi riferiscono un sempre maggiore utilizzo di questi dispotivi da parte di bambini sempre più piccoli.
Quello in cui mi sono imbattuto io è di Eleonora Cannonia, Teresa Gloria Scalisi e Andrea Giangrande dell'Università della Sapienza di Roma, e si intitola:
Indagine sui bambini di 5-6 anni che usano quotidianamente i dispositivi mobili in ambito familiare: caratteristiche personali e contestuali e problematiche cognitive ed emotive Se volete approfondire potete acquistarlo qui, io poi vi dico cosa mi ha colpito, e qui intanto vi riporto l'abstract:
La diffusione tra i bambini di dispositivi elettronici interattivi (in particolare smartphone e tablet) è un fenomeno recente ma in crescente espansione. In Italia le ricerche si sono concentrate finora sui bambini in età scolar…