SEI UNO SEI ZERO

Oggi ho vinto un bel set a tennis contro un giocatore più forte di me, per carità giocando bene anche se a dire il vero come sempre capita in questi casi lui era leggermente sottotono, ma la bottiglia di spumante che stappava il gestore del circolo appena uscivo dal campo mi è sembrata esagerata. Per un attimo, perché l'attimo dopo ho realizzato che (meno male) era per festeggiare non già una presunta impresa ma una vera batosta, che in termini tennistici non descrivo con un doppio seizero solo grazie agli sciagurati riggitani, cui non è bastato che gli abbiano portato il comune oltre l'orlo della bancarotta per mandare a casa i Peppe boys.
Domani sarà il tempo delle analisi, delle previsioni, della Lega che ormai ce l'ha al massimo barzotto, della resa dei conti parlamentare, della costruzione di un vero partito di sinistra a partire dal Frankenstein-PD, anche per evitare che si finisca per l'ennesima volta al governo quando c'è da imporre lacrime e sangue e così lasciare magari alla delfina Marina il ruolo della buona che toglie la mano dalle tasche degli italiani...
Domani: oggi se permettete ce lo godiamo, questo quasi-cappotto nel caldo di fine maggio. E sperando nella Cassazione ci apprestiamo ad infliggere il colpo di grazia a questo governo senza pudore, raggiungendo il quorum ai referendum del 12 e 13 giugno, e seppellendo il cadavere politico del Nano di Arcore (a proposito, ha perso pure lì: per celebrare l'evento ricordiamone la fedina penale con Marco Travaglio) sotto una valanga di SI.
Chiudo con una domanda: De Magistris a Napoli ha preso il 65%, secondo voi Grillo ha perso un'occasione di tacere quando attaccò il vecchio compagno di battaglia anziché sostenerne la candidatura, oppure il mancato appoggio dei grillini è una delle cause di un successo di questa portata?

Nessun commento:

LA VITA COMINCIA...

Come fare quando vuoi mandare un pensiero pubblico a qualcuno che non ama i social , non è nemmeno su facebook , e forse nemmeno più segue ...