CARNI A GGENUÌSA

Sugo alla genovese
Friggi le patate tagliate a spicchi molto grandi.
In una casseruola larga e bassa, soffriggi leggermente la cipolla, aggiungi e rosola la carne (se pollo o capretto, meglio precedentemente sbollentata, in ogni caso alla fine sfumala col vino), quindi poca passata di pomodoro e le patate fritte; copri con acqua, metti sale e pepe.
Cuoci a fuoco lentissimo e senza coperchio, fino a che il sugo non si restringe.
Le linguine vanno cotte a parte e condite al piatto con il sugo, un paio di patate, ed eventualmente dei piselli.
...
Ingredienti
  • pollo, oppure capretto, o anche fettine di manzo
  • patate
  • passata di pomodoro
  • cipolla
  • olio extravergine d’oliva
  • 10 cl di vino bianco
  • sale
  • pepe nero
Frìi i patati tagghiati rossi e mentili ‘i latu.
Nta na cassarola larga e mbascia, suffrìi ‘a cipuddha, ma no assai, menti ‘a carni, e votala e girala nzina a quandu si faci, ma no assai chi ddiventa rura; si è ‘u pollu chi ti rristau r’u bbroru, è già bbugghiutu: megghiu, cusì s’avi a fari ‘i menu.
Si ti pari chi puzza, speci si è crapettu, spumala c’u vinu.
Mentici a pumaroru (pocu: tipu ddui o tri pelati passati a setacciu) e ppoi sistema belli puliti i patati an giru an giru, e cumbogghia tuttucòsi cull’acqua.
Mentinci sali e spezzi e lassulu cunsumari scumbigghiatu a focu lentu lentu.
‘A pasta è bella linguini, megghiu ancora c’a pisella ‘i supra.

Nessun commento:

RI-CRESCITA

ok, lo ammetto: dato il risultato estetico, non è l'esempio migliore Il titolo avrà evocato a circa il 50% dei (pochi) lettori qualc...