Passa ai contenuti principali

IO SONO FRANCESCA

Ma chi beddha faccia i rriggitana!
Ebbene si, nel titolo di questo post cito la famosissima canzone di Tricarico, si proprio quella in cui impreca contro la maestra. Sono ben altri i soggetti contro cui dovrebbero imprecare i ragazzi di oggi, e invece sarà perché sono pochini, sarà perché la malmostosità viene con l'età, loro riescono ancora ad avere facce come questa.
Francesca Musolino è figlia di un mio vecchio amico, quindi questo non è esattamente un post obiettivo. Ma la sua storia è quella di tanti altri suoi coetanei: una laurea che all'estero ha un mercato che noi manco ci immaginiamo, e un progetto che passa per una delle iniziative social più alla moda, esatto il crowdfunding, scelto in questo caso - viste le cifre - più che per bisogno per volontà di autonomia e assieme socialità. Questo non ho avuto bisogno di chiederglielo, ma gli ho fatto altre domande.
---
Chi sei e di che ti occupi, Francesca?
Ho 24 anni e sono una studentessa della magistrale in filosofia a Trento. Sono molto appassionata di comunicazione web e digital marketing, campi in cui cerco di tenermi continuamente informata sulle ultime novità e strategie, attraverso articoli di settore e corsi specifici. Ciò mi ha portata sia a lavorare come social media manager, sia ad avviare una startup, con altri quattro ragazzi: una piattaforma web di intrattenimento, roba tipo serie TV per intenderci.
Qual'è il tuo progetto, e come è nato?
Frequentando un corso all'università di Trento, ho saputo di un progetto italiano che ogni anno porta degli studenti selezionati in Silicon Valley, per creare un ponte culturale e imprenditoriale. Si chiama Silicon Valley Study Tour, mi sono iscritta al loro forum e, dopo una discussione sul tema dei big data e del loro ruolo nelle elezioni americane, mi hanno presa! Quindi quest'estate, dal 20 al 26 agosto andrò a visitare le più grandi aziende al mondo di innovazione tecnologica: Cisco, Dropbox, Logitech, Google, Facebook, e tante altre. Anche le università di Stanford e Berkeley. Sono davvero contenta di questa opportunità e non vedo l'ora di partire: partecipare al tour non solo mi consentirà di esplorare le grandi aziende e incontrare di persona chi ci lavora, ma anche di trovare nuovi stimoli per continuare a lavorare alla mia startup e lanciarla nel modo migliore.
Perché hai pensato al crowdfunding, e come funziona?
Semplicemente, ho pensato che sarebbe stato molto bello condividere questa mia avventura coi miei amici italiani; per questo il mio progetto si chiama Francigogo, e ho creato un profilo Instagram e un blog apposta per raccontare ciò che mi accade e accadrà prima, durante e dopo il viaggio in California. Coi finanziamenti mi pagherei le spese del viaggio aereo. La colletta, chiamiamola col suo nome italiano, parte il 17 maggio su Indiegogo, uno dei più grandi siti al mondo, che ne fa di qualsiasi tipo e dimensione. La mia è piccola, ed è "reward-based", cioè ad ognuna delle cifre che si possono donare sulla piattaforma (NdR: è questa, e ovviamente si paga tramite paypal o carta di credito) corrisponde un piccolo "premio" di ringraziamento, chiamato "perk", che va dalla vecchia cartolina di carta che spedirò personalmente al donatore dalla Silicon Valley, all'offerta di consulenza personalizzata per la sua azienda al mio ritorno, passando per girare per l'America con addosso la maglietta col suo marchio. L'obiettivo è di raccogliere 1300€, ma il mio progetto può essere finanziato anche più del 100%.
Ma cosa ci fa una "filosofa" nel mondo dell'alta innovazione tecnologica?
Ve lo spiegherò sul mio blog. Intanto il viaggio in sé, non essendo mai stata né negli Stati Uniti né in aziende di quelle dimensioni, sarà tutto una scoperta dopo l'altra, e metterà alla prova le mie capacità in strade non convenzionali o già tracciate. Ma soprattutto voglio dare il mio contributo proprio a far si che in Italia finalmente si superi lo stereotipo della poca concretezza che marchia tutti noi studenti di materie umanistiche.
---
Non le ho chiesto se parte per tornare o per invece magari cogliere una qualche occasione per restare lì, a realizzarsi. Non lo voglio sapere e forse al momento non lo sa neanche lei, anche se magari crede di saperlo. Di certo Trento è una delle pochissime realtà italiane che ancora offrono speranze di futuro ai suoi ragazzi, per cui lei potrà probabilmente scegliere. Se fosse cresciuta in Calabria non sarebbe stato così.
Due considerazioni finali sul crowdfunding in sé. E' una buona idea dare alla vecchia colletta una strutturazione che le toglie le connotazioni negative e assieme consente a ciascuno di partecipare liberamente secondo le sue possibilità o anche di non partecipare senza sentirsi in colpa, come quando ti doveva rifiutare l'aiuto che gli chiedevi a voce perché magari proprio non ce li aveva. Si sta diffondendo tanto, il che significa che alla lunga tutti ci andremo a pari. Più o meno come se nessuno desse mai niente a nessuno. Ma con una ricaduta positiva sulla felicità di ciascuno e complessiva della società. Proprio come quando con gli amici a Reggio nessuno mai badava a chi metteva la miscela o a cosa aveva mangiato in pizzeria prima di pagare il conto, e il mondo era migliore...

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

AL BUIO

Questa canzone è molto vecchia, forse ha addirittura 35 anni; oso mantenerla tra quelle non dico attuali, ma che non mi vergogno di presentare sul blog in caso qualcuno ne volesse l'uso (ricordo che il testo è registrato, ma non è certo questione di soldi), perché penso che tratti di questioni senza tempo. Pensata come un valzerotto – il ritornello cantato il resto parlato - ma come le altre rimusicabile liberamente da chi la prendesse, la canzone infatti parla di cose che hanno riguardato gli adolescenti di ogni epoca: i supporti e gli strumenti di comunicazione sono tutto sommato "sovrastruttura", quella età per chi la ricorda davvero (cioè, liberandosi del filtro della nostalgia di essere "tutto per possibilità" - cit.) è difficilissima. Come dimostrano le tante tragedie che si leggono in cronaca. Ai miei tempi molti si teneva un diario, specie le ragazze, a me è capitato a un certo punto di pensare che portasse sfiga (avevo letto "Il mestiere di viver…

I COME INFAMIA

Come ho detto fin dall'inizio, è molto meglio Trump di Obama perché è molto meglio uno che si mostra per quello che è rispetto a uno che pensi che sia una cosa e invece è tutto l'opposto (si, è lo stesso motivo per cui Renzi era molto peggio di Berlusconi...). Trump è un miliardiario cafone che sa che per l'economia del Paese che è chiamato a guidare serve fare le guerre, e quindi si butta a pesce in tutte le situazioni che vanno bene alla bisogna, ovviamente sottobanco trattando perché non diventino davvero troppo pericolose per i suoi.
Israele, a dispetto di quello che vi dicono da sempre, non è altro che un avamposto che l'Occidente ha piazzato in Medio Oriente all'inizio dell'Era petrolifera. Il resto è solo ideologia, cioè fuffa per i boccaloni: tutti, sia i pro che i contro. Della sua storia nel dettaglio ho scritto più volte, oggi se volete un bel ripasso c'è qui Johnstone, e se la volete capire davvero c'è sempre la splendida satira di Mazzucco.…

DA BAMBINI

L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri u…

UN POSTO VICINO L'USCITA, GRAZIE

E così, pare, alla fine di due mesi di pantomime e psicodrammi, il governo, l'unico politico possibile dato il risultato del 4 marzo, si farà. Salvo colpi di scena finali, s'intende, ma sono due mesi che evito accuratamente di scrivere dell'argomento (e meno male che scrivo anche di altro, c'è chi da due mesi non aggiorna il blog...) proprio per non seguire false piste, stavolta mi voglio sbilanciare, e pazienza se toppo non sarà mica la prima né l'ultima volta...
I due soggetti politici che hanno vinto le elezioni, inoltre dimostrando la persistenza di una spaccatura nord/sud nel Paese, alla fine si stanno accordando per un governo la cui linea politica porti avanti il massimo possibile dei programmi di entrambi, partendo dalle non poche cose in comune e lasciando però fuori le cose magari volute dall'uno ma assolutamente aborrite dall'altro. Non sarà facile, ma l'alternativa, che Mattarella ha minacciato di concretizzare altrimenti, è semplicemente a…

SMARTPHONE GENERATION

Mentre c'è ancora chi si chiede se sia il caso di regalare o meno lo smartphone a una ragazzina di 10 anni (e io, detto tra noi, sarei per il no, anche se temo sia difficile resistere...), sempre più studi riferiscono un sempre maggiore utilizzo di questi dispotivi da parte di bambini sempre più piccoli.
Quello in cui mi sono imbattuto io è di Eleonora Cannonia, Teresa Gloria Scalisi e Andrea Giangrande dell'Università della Sapienza di Roma, e si intitola:
Indagine sui bambini di 5-6 anni che usano quotidianamente i dispositivi mobili in ambito familiare: caratteristiche personali e contestuali e problematiche cognitive ed emotive Se volete approfondire potete acquistarlo qui, io poi vi dico cosa mi ha colpito, e qui intanto vi riporto l'abstract:
La diffusione tra i bambini di dispositivi elettronici interattivi (in particolare smartphone e tablet) è un fenomeno recente ma in crescente espansione. In Italia le ricerche si sono concentrate finora sui bambini in età scolar…

PORNO-ARISTON

Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintes…