Passa ai contenuti principali

ME PARE MENGELE

Il grafico, tratto da questo imprescindibile post di Byoblu, mostra come col DL della Lorenzin l'Italia divenga
l'unico Paese dell'Europa occidentale nella fascia dei multivaccinisti obbligarori: quasi tutti gli altri ne impongono
pochi o niente. Forse per capire perché basterebbe correlare il dato con quello del grado di corruzione dei politici...
Ebbene si, torno sui vaccini, ma non è che ho un'ossessione antivaccinista (non ce l'hanno nemmeno i medici radiati, se vi prendete il disturbo di sentire le loro argomentazioni scoprite che è solo un'etichetta giornalistica), è che non credevo che alla fine avrebbero avuto il coraggio di farlo, il decreto-legge della vergogna, pensavo che la materia era così importante che una volta tanto i contrasti dentro la "maggioranza" (non dimentichiamolo mai, ottenuta grazie a un meccanismo dichiarato incostituzionale, in un parlamento che pertanto avrebbe dovuto essere sciolto all'istante e invece sono ancora qua che ce la menano con la nuova legge elettorale e intanto fanno una porcheria dietro l'altra, non dimentichiamolo) erano veri e non una recita per i gonzi intanto che si trova la formula per incularci tutti.
Si, perché la levata di scudi della ministra dell'istruzione, di cui parlavamo qualche giorno addietro, alla fine si è risolta in una schifezza peggiore, e di molto, della proposta già profondamente ingiusta, incostituzionale e illogica della sua collega della salute. Ingiusto è rendere obbligatori dei vaccini non a valle di una sperimentazione medica dai risultati certi e ampiamente divulgati, bensì di una decisione governativa trascinata da un allarme pompato artatamente a mezzo stampa: se le autorità sanitarie decidono che dei trattamenti sono obbligatori e altri solo facoltativi, significa che una differenza nel bilancio tra certezza dell'utilità e possibili controindicazioni è stata ponderata, e per i primi è nettamente migliore che per i secondi, le autorità politiche non possono introdurre l'obbligo nemmeno in maniera surrettizia (legandolo a quello scolastico) figurarsi altrimenti. Incostituzionale è costringere chicchessia a un trattamento sanitario che lui (o se è minore, chi ha la sua tutela) non vuole, l'articolo 32 parla chiaro, ed è come minimo incoerente che la stessa "maggioranza" invochi questa norma quando si parla di testamento biologico e se ne scordi in tema di vaccini. Illogico è parlare a vanvera di rischi per la collettività procurati da chi non si vaccina, perché al massimo si potrebbe parlare di rischi per la platea dei non vaccinati: se il vaccino funziona, chi è già vaccinato non rischia niente, e se invece forse rischia allora si deve dedurre che il vaccino non funziona poi così bene. Ma fin qui sto ridicendo in piano cose già dette. Il decreto introduce profili di illegittimità e tirannia ancora, e di molto, peggiori.
Fingendo di accontentare le obiezioni sul diritto allo studio, infatti, vi si dice che i vaccini non sono obbligatori per frequentare la scuola dell'obbligo (l'asilo si), ma i genitori dissidenti possono essere multati fino a 7500 euro e denunciati all'autorità giudiziaria per l'eventuale sottrazione della patria potestà. Quindi chi avesse dei dubbi sull'efficacia di alcune pratiche vaccinali, anche solo perché pensa che ci sarà una ragione se sono solo raccomandate e non obbligatorie dal punto di vista sanitario, figurarsi perché ha letto qualcosa su Internet (ad esempio Barnard) o magari visto Vaxxed, in pratica non può proteggere i propri figli come meglio crede pena un salasso che possono permettersi in pochi e una sanzione intollerabile per chiunque. Quindi dovrà sopportare l'atroce violenza di vedere il sangue del suo sangue essere insozzato con qualcosa che magari potrebbe rovinarlo per sempre, per vile imposizione di uno Stato che francamente definire nazista a questo punto non è esagerato. Certo, non siamo alle cavie umane, quelle magari le stesse case farmaceutiche se le procurano in altri continenti, per ora, magari con la sponsorship di noti imprenditori filantropi spalleggiati da star imbolsite del rock o di Hollywood. Ma sotto l'aspetto psicologico, i sentimenti di un genitore nell'accompagnare il proprio bambino a subire qualcosa che teme possa fargli del male, non sono diversi a quelli di un lager 2.0: terrore, rabbia repressa, odio verso il tiranno, pena per il piccolo, speranza che la legge della probabilità lo risparmi (ammesso che le probabilità di problemi siano quelle note e non peggiori). Ma, tenetevi forte, c'è ancora di peggio.
Non avendo introdotto direttamente l'obbligo, perché l'incostituzionalità sarebbe stata troppo palese sia in se che in rapporto all'obbligo scolastico, i genitori ora non solo devono far fare fino a 8 vaccini ai propri figli in aggiunta ai 4 obbligatori, ma nel farlo devono sottoscrivere il considdetto consenso informato, si proprio quel foglietto che di solito si firma prima di un'intervento chirurgico non privo di rischi. Il quale in teoria sposta sul firmatario la responsabilità in caso di eventuali problemi. Responsabilità che invece con l'obbligo ricade in capo all'obbligante. E il tutto con Decreto-Legge, cioè con un procedimento d'urgenza del tutto ingiustificato visti i numeri in ballo (non c'è nessuna epidemia di niente, come le stesse autorità si precipitano a dichiarare, magari dopo avere con l'altra mano imbeccato i giornali a farlo sembrare) che, con un problema collaterale di organizzazione temporale da qui a settembre, va subito in vigore, senza uno straccio di discussione parlamentare, e quando anche quest'ultima dovesse portare a una mancata conversione in Legge, il Decreto avrebbe avuto intanto l'effetto di smaltire le dosi volute e ingrassare le tasche dovute - figurarsi in caso di conversione quando arriverebbe (dopo anni, come al solito) la probabile pronuncia di incostituzionalità della suprema Corte (non servirà a niente, ma qui si può firmare per tirarla in ballo da prima, io l'ho fatto).
Visto tutto questo, immaginate un genitore (immaginatevelo come Bruce Willis o Liam Neeson così è più facile) che, dopo essersi rifiutato di firmare il consenso in quanto cosciente di non essere abbastanza informato, avere avuto un multone e magari la patria potestà tolta, ma facciamo anche dopo aver firmato sia pure con riluttanza, vede il suo bambino o la sua bambina vaccinati a forza contrarre l'autismo o altro guaio equivalente; allora chiede conto alle autorità, anche solo per avere un aiuto economico e logistico a gestire la nuova emergenza, e queste gli sventolano sotto il naso il consenso informato che ha firmato e in pratica gli rispondono che sono cazzi suoi; ecco, se costui a questo punto si arma come il Punitore e va a fare una strage dove deve, voi pensate che sia un pazzo assassino o tifate per lui esultando alla Tardelli mentre si vendica? Io, temo, la seconda, e ho fatto obiezione di coscienza alla leva in tempi in cui la cosa si pagava cara....
I piddini che sui social inneggiano alle bassezze del loro governo, anche quando se le stesse cose le avesse fatte Berlusconi avrebbero sputato veleno da tutti i post, non li considero più neanche degni di risposta. Sostenere che il decreto sui vaccini è per la sicurezza di tutti, senza nemmeno prendere in considerazione di discuterne pacatamente nel merito, è da subumani, e quando pensi questo di persone che consideri amici è un dramma nel dramma, che fa ancora più tristezza che rabbia. Ci fosse una giustizia a questo mondo, lo zero virgola per cento di effetti collaterali colpirebbe solo i loro cari, invece sono costretto a toccarmi le palle mentre penso che invece come sempre in questi casi non sarà così. E già che mi trovo in zona superstizione, mia mamma diceva che le bestemmie giuste arrivano sempre, in un modo o nell'altro. Unitevi a me, esseri ancora pensanti, mandiamone un po' a tutti gli esecutori e i mandanti di questo orrore. Che siano maledetti, nei secoli dei secoli.
P.S. - Se i grillini tengono botta, ancora una volta sono gli unici ad avere una posizione politica decente sulla questione. Se fossero stati gli unni, o i tartari, o i marziani, o i cannibali cacciatori di teste, sarebbero stati comunque da preferire al resto della classe politica PD in testa.
P.S.2 - Ha ragione Mazzucco, basta solo un emendamento e il DL si può convertire: al posto della firma da parte dei genitori del consenso informato, ci mettiamo la firma della ministra in calce a una dichiarazione pubblica tipo
"Io sottoscritta Beatrice Lorenzin, in qualità di Ministro della Salute della Repubblica Italiana, mi assumo personalmente ogni responsabilità che potesse derivare dall'inoculazione vaccinale obbligatoria ad un qualunque bambino italiano, qualora questo bambino dovesse subire dei gravi danni di tipo neurologico, certificati da un tribunale della repubblica italiana, in seguito a tale inoculazione"
Voi che dite, accetta?

Commenti

Post popolari in questo blog

DALLA PARTE DEI NEGRIERI

Dei migranti ho parlato molte volte, pure troppe: violando una delle regole autoinflittemi per questo blog, che è evitare di seguire argomenti troppo di tendenza e soprattutto di farlo con le sparate di poche righe incentivate dai social media. Ragion per cui NON posto commenti a post non ragionati e argomentati, e anzi ho smesso di seguire su Facebook amici anche carissimi che hanno preso il vizio di adottare gli stilemi di moda: vomitare di continuo spot di pensieri come vengono, magari scritto bello grande. Non io. Non vi leggo più. Se volete ragionare con me, abbiate la pazienza di seguirmi, che io qui impiego tempo e fatica a elaborare ogni singola riga, e semmai di commentarmi con lo stesso impegno paziente, e allora è benvenuta anche una confutazione totale. E pazienza, anzi come si dice a Roma sticazzi, se così facendo i click non decollano.
Dicevo, la questione migranti l'ho già affrontata più volte, e non potevo da buon meridionale non farlo, all'inizio non discosta…

EPPUR SI MUOVE

Ho iniziato a definirmi "ateo" da adolescente. Da adulto avrei smesso, preferendo il termine "agnostico" non so se per prudenza mia o maggiore precisione sua, o in genere per la considerazione elementare che anche l'ateo è un credente: crede che Dio non esista, e la cosa non è più dimostrabile del contrario. Cmq, al liceo ero ateo, e però avevo "ottimo" in Religione. Perché l'insegnante, Gernaldo Conti (uno che è rimasto un mito presso i ragazzi di tutte le città in cui ha operato, uno che ancora oggi, che è diversamente giovane e variamente acciaccato, ha una marea di followers dei suoi videomessaggi social, per dire...), un prete a dir poco sui generis al punto che la sua parrocchia di periferia durante le sue funzioni traboccava letteralmente di ragazzi perché era per loro un fratello maggiore che parlava la loro lingua e conosceva i loro problemi, riusciva a dialogare anche con un caprone come me, che lo ricambiava passando le ore di religion…

DEMOCRAZIA SOTTO TUTELA?

Al momento che scrivo ancora non sappiamo se ci hanno definitivamente sancito che non siamo in democrazia imponendoci l'ennesimo governo fantoccio di Bruxelles oppure se avremo finalmente il governo gialloverde anche se in versione light per non allarmare troppo i pupari. E' dalle elezioni che scrivo poco di politica per via del quadro troppo mutevole per le possibilità di aggiornamenti di un sito amatoriale, ma la questione Mattarella impone un commento a se stante a prescindere dagli sviluppi successivi, per cui ci provo.
Il nocciolo non è se sia o meno legittimo che un PdR rifiuti di nominare un ministro (in passato è stato fatto, anche se mai con la conseguenza di impedire il varo di un governo), è per le motivazioni che ha ritenuto di usare (della serie, era meglio per lui se taceva): tutelare i risparmi degli italiani e non accettare al MEF chi abbia posizioni critiche verso l'Euro. Due questioni eminentemente politiche che pertanto esulano dalle prerogative di chi …

19 - EVERGREEN

Per apprezzare meglio il racconto numero 19 (coraggio, ne mancano due o tre) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) bisogna ricordarsi che è uscito nel 1999 ed è stato scritto l'anno prima. Non era di moda il superamento delle identità sessuali. Che, tra parentesi, è cavalcato in questi anni bui da chi vuole farsi spacciare per progressista mentre ci rispedisce in massa nel sottoproletariato. L'astronauta il cui sogno è intercettato dal geestre che ci ha letto tutti i racconti è un anziano biologo brasiliano gay non dichiarato, ma per mezzo racconto la cosa non si capisce, come per Stella di mare di Lucio Dalla manco dopo la millesima volta che la senti.

(Abbiate pazienza, del governo parlerò solo se lo fanno, o se invece hanno la faccia tosta di non farlo, con il primo Presidente della Repubblica della storia italiana che usa davvero le sue prerogative sulla scelta dei ministri per mettere i bastoni…

CI SI POTREBBE GRATTARE...

Alla fine il governo gialloverde è partito, e il fatto che sia comunque una buona notizia è certificato persino dai famigerati mercati finanziari, oltre che ammesso onestamente anche da chi era stato chiamato all'ultimo momento a rimpiazzarlo, o chissà forse solo a fare da spauracchio per ammorbidirne certi aspetti.
Sia chiaro, non solo (come avevo peraltro predichiarato) non è certo "il mio governo ideale", ma non fatico ad ammettere che sono molti gli aspetti che non possono che procurare orticaria, a me come sicuramente a molti grillini sia militanti che politicamente attivi, da semplice eccessiva vicinanza a gente che predica valori incompatibili con chi si sente di sinistra. Ma la politica è arte empirica, bisogna fare il meglio con le carte che si hanno a disposizione, e una legge elettorale così farlocca francamente non poteva dare all'Italia un governo migliore, anzi: si ricordi che era stata concepita per avere il Renzusconi come unico sbocco possibile (non…

20 - OMICIDIALI ASSASSIMILI

Il penultimo racconto (terzultimo, col cappello finale, quartultimo, se pensiamo che il cappello finale in realtà è almeno doppio) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) è ancora oggi uno dei miei preferiti. Chiunque abbia scritto qualcosa sa che a rileggersela dopo tanto tempo (e qui è tanto: il libro è uscito nel 1999) il sentimento che prevale è la vergogna, e io non faccio eccezione, nel mio rapporto con questi racconti, alcuni dei quali hanno origini ancora più remote, peraltro. Ma con questo qua no, non so se perché è uno degli ultimi ad essere stato scritto, o perché non so nemmeno io come mi è venuto di inventarmi che una degli astronauti a bordo della navicella mandata nello spazio profondo come ennesimo tentativo di perpetuare la specie di un pianeta ormai avviato all'autodistruzione, la giovane thailandese che narra, sia in realtà una clandestina, non vi dico come e perché solo per via del fa…

CARNE DI PORCO

Il titolo lo volevo lasciare in dialetto riggitano, carn'i porcu, che tanto si capiva lo stesso, ma mi pare che in italiano assuma un tono se possibile ancora più volgare. I dialetti secondo Bernstein utilizzano un "codice ristretto", cioè usano per rappresentare tutti i significati un numero limitato di segni, quindi necessariamente ad elevato alone semantico, presupponendo quindi tra chi li usa un'elevata "competenza comunicativa" comune. In altri termini, non puoi parlare in dialetto con una persona con cui non condividi un vasto substrato culturale, un parente un amico uno della zona in cui sei nato o cresciuto, altrimenti le parole sono insufficienti ad esprimere quello che vuoi dire. A contrario, ed io spesso utilizzo il dialetto in questa funzione di test, se riesci ad esprimere un concetto parlandone in dialetto con un amico ricevi un doppio feedback, di conferma dell'amicizia e della veridicità rispetto alla tua anima del concetto che volevi es…