SATIZZU CH'I PATATI

Mio nonno Luigi diceva "Satizzu? Malu ti mbizzu!"
che sintetizzava il concetto che fare mangiare la
salsiccia a noi bambini era indurci a abitudini non
sane dal punto di vista nutrizionale, peraltro non
certo economiche da sostenere regolarmente...
Salsiccia in padella con patate
La salsiccia reggina è grossa, e impastata con semi di finocchio, perciò particolarmente aromatica.
Fritte le patate, mettile da parte e asciuga la padella, quindi sistemavi la salsiccia a spirale riempiendo la padella con acqua fino a metà dello spessore della salsiccia. Quando l’acqua arriva ad ebollizione, abbassa la fiamma e comincia a bucherellare la salsiccia con la forchetta, rigirandola più volte da un lato e dall’altro fino a che l’acqua non evapora completamente: nella padella rimarrà il grasso fuoriuscito dalla salsiccia stessa, che a quel punto sarà ben cotta anche dentro, e basterà rigirarla un paio di volte nel suo stesso grasso perché acquisti la croccantezza della frittura.
A quel punto rimetti dentro le patate, dài una rapida mescolata al tutto e servi.

Ingredienti
  • due nodi di salsiccia reggina a testa
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • una patata media a testa
‘U nostru satizzu è bellu rossu, e mi si faci bellu pulitu puru r’intra non s’avi a frìiri nt’all’ogghiu.
Nt’all’ogghiu frìi i patati, e poi mentili ‘i parti e pulizza ‘a pareddha, mentinci ‘u satizzu an tundulu, e ggiungici ddu iirita r’acqua. Quandu bbugghi, purtusalu c’a forchetta e votalu, dopu un pocu purtusalu puru ill’autru latu e rrivotalu, e accussì ghiendu e vinendu si faci puru r’intra. Quandu l’acqua si struri, rresta l’ogghiu soi: nci runi na vutata e na girata e è fatta.
Prima m’a stuti, però, zzicchici ddha r’intra i patati, e ddanci l’urtima miscitata.

Nessun commento:

IN CANTINA

Terminato con Chi c'è c'è , la funzione di tappabuchi è lasciata in esclusiva ai miei  testi di canzoni , che ho registrato ma ced...