Passa ai contenuti principali

DI MAIO O DI POIO?

Breve avviso ai naviganti: in colonna destra si è aggiunto un nuovo link. Ma non è, come potrebbe sembrare al primo sguardo, quello a Il blog delle stelle, perché quello è il vecchio sito beppegrillo.it che fa redirect, ma quello a Beppe Grillo, che invece è un sito tutto nuovo.
L'Espresso qualche settimana fa, evidentemente avendo avuto da qualche gola profonda l'anticipazione dello scoop della separazione tra gli spazi web del moVimento e del suo fondatore, aveva inteso, magari eseguendo una disposizione del suo editore o magari anche solo interpretandone un desiderio, presentare la notizia come una presa di distanza politica di Beppe Grillo dalla sua creatura, costringendo quest'ultimo a una lunga e articolata smentita. Di tutto ciò non vi linko niente perché è francamente poco interessante, tanto chi vuole trova tutto, la Rete in questo è tremenda. Ma anche se non è, come non è, credibile la lettura dei dipendenti di De Benedetti, è ugualmente piuttosto singolare che Grillo senta l'esigenza di recuperare una sua voce, uno spazio che gli consenta di spaziare tra tutti gli argomenti a cui tiene, proprio alla vigilia delle elezioni più importanti della vita del movimento 5 stelle. Vero è che è proprio in questo periodo che il blog doveva concentrarsi sulle tematiche inerenti la campagna elettorale e quindi lasciava ben poco spazio ad altro, ma è vero anche che probabilmente l'esigenza di Beppe è probabilmente annosa e comunque poteva aspettare un altro mese e mezzo per essere soddisfatta. Non può dunque essere un caso, e se pure rigettiamo con sdegno le maldicenze piddine, può essere percepito come un dovere cercare una spiegazione alternativa, per chi sostiene apertamente seppur dall'esterno il movimento grillino fin da dicembre 2012 come fa questo blog.
Non essendo nella testa di Grillo, provo a ragionare con la mia, hai visto mai la perplessità che mi viene sia anche la sua, e sennò comunque l'ho detta. Quando Virginia Raggi cominciò a correre per sindaco di Roma, la mia opinione esplicita fu che i grillini erano caduti in una trappola: Roma era infatti un buco nero di proporzioni tali, ben oltre il dichiarato e ancora oltre quanto scoperto in questi anni, che nemmeno un supereroe ottenuto mischiando Cristo Buddha Gandhi e Roosevelt avrebbe avuto una chance di otturarlo. Infatti, gli altri stavano evidentemente correndo a perdere. Adesso hai voglia a ripetere sul blog i risultati ottenuti, mentre tra l'altro tutto il mainstream sguazza su quelli non ottenuti magari anche mentendo ma comunque tacendo sul fatto che non erano umanamente ottenibili, il vulnus iniziale è ancora lì a pesare come un macigno: non si può governare una metropoli coi problemi di Roma, creati e aggravati da altri quanto si vuole, se non hai in mano la leva della sovranità monetaria nazionale per trovare le risorse con un fiat e la leva della giustizia per mettere fuori gioco i corrotti e disincentivarne l'ulteriore proliferazione. Cioè, se non vai prima al governo nazionale. Questo lo scrissi allora, e anche se avrei preferito avere torto, purtroppo avevo ragione. Ora la cosa si ripresenta.
Di Maio infatti è stato eletto candidato premier con una votazione che, per quanti aspetti discutibili abbia, è di gran lunga la più democratica del panorama politico, le primarie del PD essendo null'altro che una pagliacciata talmente colossale da far rimpiangere le tessere della DC delle correnti, e gli altri partiti essendo tutti verticistici nessuno escluso (vedi bacchettate di Grasso alla Boldrini, ad esempio). Ed è stato scelto probabilmente proprio perché, se l'obiettivo è portare il moVimento dal 30 per cento alla quota che serve per, e dall'isolamento all'apertura che serve per, governare, è lui probabilmente il personaggio più adatto. Con ogni probabilità, infatti, riuscirà nel miracolo di mantenere quasi tutti i voti dei grillini della prima e della seconda ora, me compreso, e però magari raccogliere dei voti da dove senza di lui non arriverebbero mai, sinistra forse destra probabilmente astensione magari (che è da li che possono arrivare le vere sorprese, e questo ad esempio un volpone come Silvio lo sa benissimo sennò si godeva la vecchiaia alla finestra). Quello che non si sa, e non si saprà fino al 5 marzo, e se ciò avverrà in misura sufficiente a costringere Mattarella a conferirgli l'incarico, e a far bastare a Di Maio l'appoggio di una formazione piccola per avere la fiducia del Parlamento, il che agevolerebbe non poco le consultazioni (leggi: le trattative). Se le cose stanno così, però, qual'è il problema, allora?
Il problema è che Giggino, per ottenere ciò, ha concesso, tra le tante cose che poteva concedere, una cosa che non poteva, perché comporta darsi un limite pratico invalicabile. Lo stesso con cui è andata a sbattere Virginia. Non si può, infatti, attuare neanche una frazione del programma espansivo che è necessario all'Italia adesso, e infatti gli elettori vogliono (al punto che anche tutti gli altri schieramenti ne hanno uno, sennò chi li vota?), quindi nemmeno i 20 punti di Giggino, senza riprendersi la sovranità monetaria. Le coperture di cui parla Giggino non si allontanano abbastanza dalle consuete fesserie che rabberciano i politici di ogni tempo, e massimamente quelli dell'era Euro, per pigliare per il culo i gonzi che vogliono credere alle loro promesse elettorali. Io lo voto, e voi dovreste votarlo, per due ragioni:
  1. perché spero vivamente, anche nel timore che il mio sia solo un wishful thinking, che abbia detto quello che ha detto sull'Euro (più o meno: non è più tempo di uscirne, l'asse franco-tedesco si è incrinato, noi rinegozieremo i parametri UE e solo come ultima ratio ricorreremo al referendum) soltanto per da un lato raccattare qualche voto anche tra i tanti terrorizzati dagli scenari apocalittici agitati ad arte dai propagandisti di regime (e del tutto irrealistici) e dall'altro perché l'unico fattore che può effettivamente favorire quegli scenari è annunciare con largo anticipo di voler uscire, da un sistema di cambi fissi - si tratta invece di una cosa che va fatta e basta, magari nottetempo, e smentendo con fermezza l'intenzione fino alla sera prima;
  2. perché uno degli argomenti forti a favore della cessione di sovranità era che ciò avrebbe creato un ambiente sfavorevole alla corruzione in politica, considerata da noi fenomeno endemico - l'argomento è ormai da tempo sputtanato, se è vero come è vero che in trent'anni di avanzi primari, cioè di sottrazione di ricchezza netta ai cittadini, l'unica voce che non ha conosciuto crisi è la corruzione, i soldi per riparare un binario non ci sono, quelli per le mazzette, connesse o meno a grandi opere, si trovano sempre, e in questo, ancora e fino a prova contraria, i grillini sono gli unici a distinguersi.
Detto questo, non basta essere onesti se non si riprendono in mano le leve della politica monetaria e quindi economica. Grillo lo sa. E Di Maio? Sta solo tentando di finalmente andare a governare, o si sta adeguando al monopensiero ultraliberista? Lo vedremo dopo il 4 marzo, dopo aver fatto il nostro dovere di patrioti concedendogli un'apertura di credito.

Commenti

Post popolari in questo blog

DALLA PARTE DEI NEGRIERI

Dei migranti ho parlato molte volte, pure troppe: violando una delle regole autoinflittemi per questo blog, che è evitare di seguire argomenti troppo di tendenza e soprattutto di farlo con le sparate di poche righe incentivate dai social media. Ragion per cui NON posto commenti a post non ragionati e argomentati, e anzi ho smesso di seguire su Facebook amici anche carissimi che hanno preso il vizio di adottare gli stilemi di moda: vomitare di continuo spot di pensieri come vengono, magari scritto bello grande. Non io. Non vi leggo più. Se volete ragionare con me, abbiate la pazienza di seguirmi, che io qui impiego tempo e fatica a elaborare ogni singola riga, e semmai di commentarmi con lo stesso impegno paziente, e allora è benvenuta anche una confutazione totale. E pazienza, anzi come si dice a Roma sticazzi, se così facendo i click non decollano.
Dicevo, la questione migranti l'ho già affrontata più volte, e non potevo da buon meridionale non farlo, all'inizio non discosta…

EPPUR SI MUOVE

Ho iniziato a definirmi "ateo" da adolescente. Da adulto avrei smesso, preferendo il termine "agnostico" non so se per prudenza mia o maggiore precisione sua, o in genere per la considerazione elementare che anche l'ateo è un credente: crede che Dio non esista, e la cosa non è più dimostrabile del contrario. Cmq, al liceo ero ateo, e però avevo "ottimo" in Religione. Perché l'insegnante, Gernaldo Conti (uno che è rimasto un mito presso i ragazzi di tutte le città in cui ha operato, uno che ancora oggi, che è diversamente giovane e variamente acciaccato, ha una marea di followers dei suoi videomessaggi social, per dire...), un prete a dir poco sui generis al punto che la sua parrocchia di periferia durante le sue funzioni traboccava letteralmente di ragazzi perché era per loro un fratello maggiore che parlava la loro lingua e conosceva i loro problemi, riusciva a dialogare anche con un caprone come me, che lo ricambiava passando le ore di religion…

DEMOCRAZIA SOTTO TUTELA?

Al momento che scrivo ancora non sappiamo se ci hanno definitivamente sancito che non siamo in democrazia imponendoci l'ennesimo governo fantoccio di Bruxelles oppure se avremo finalmente il governo gialloverde anche se in versione light per non allarmare troppo i pupari. E' dalle elezioni che scrivo poco di politica per via del quadro troppo mutevole per le possibilità di aggiornamenti di un sito amatoriale, ma la questione Mattarella impone un commento a se stante a prescindere dagli sviluppi successivi, per cui ci provo.
Il nocciolo non è se sia o meno legittimo che un PdR rifiuti di nominare un ministro (in passato è stato fatto, anche se mai con la conseguenza di impedire il varo di un governo), è per le motivazioni che ha ritenuto di usare (della serie, era meglio per lui se taceva): tutelare i risparmi degli italiani e non accettare al MEF chi abbia posizioni critiche verso l'Euro. Due questioni eminentemente politiche che pertanto esulano dalle prerogative di chi …

19 - EVERGREEN

Per apprezzare meglio il racconto numero 19 (coraggio, ne mancano due o tre) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) bisogna ricordarsi che è uscito nel 1999 ed è stato scritto l'anno prima. Non era di moda il superamento delle identità sessuali. Che, tra parentesi, è cavalcato in questi anni bui da chi vuole farsi spacciare per progressista mentre ci rispedisce in massa nel sottoproletariato. L'astronauta il cui sogno è intercettato dal geestre che ci ha letto tutti i racconti è un anziano biologo brasiliano gay non dichiarato, ma per mezzo racconto la cosa non si capisce, come per Stella di mare di Lucio Dalla manco dopo la millesima volta che la senti.

(Abbiate pazienza, del governo parlerò solo se lo fanno, o se invece hanno la faccia tosta di non farlo, con il primo Presidente della Repubblica della storia italiana che usa davvero le sue prerogative sulla scelta dei ministri per mettere i bastoni…

CI SI POTREBBE GRATTARE...

Alla fine il governo gialloverde è partito, e il fatto che sia comunque una buona notizia è certificato persino dai famigerati mercati finanziari, oltre che ammesso onestamente anche da chi era stato chiamato all'ultimo momento a rimpiazzarlo, o chissà forse solo a fare da spauracchio per ammorbidirne certi aspetti.
Sia chiaro, non solo (come avevo peraltro predichiarato) non è certo "il mio governo ideale", ma non fatico ad ammettere che sono molti gli aspetti che non possono che procurare orticaria, a me come sicuramente a molti grillini sia militanti che politicamente attivi, da semplice eccessiva vicinanza a gente che predica valori incompatibili con chi si sente di sinistra. Ma la politica è arte empirica, bisogna fare il meglio con le carte che si hanno a disposizione, e una legge elettorale così farlocca francamente non poteva dare all'Italia un governo migliore, anzi: si ricordi che era stata concepita per avere il Renzusconi come unico sbocco possibile (non…

20 - OMICIDIALI ASSASSIMILI

Il penultimo racconto (terzultimo, col cappello finale, quartultimo, se pensiamo che il cappello finale in realtà è almeno doppio) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) è ancora oggi uno dei miei preferiti. Chiunque abbia scritto qualcosa sa che a rileggersela dopo tanto tempo (e qui è tanto: il libro è uscito nel 1999) il sentimento che prevale è la vergogna, e io non faccio eccezione, nel mio rapporto con questi racconti, alcuni dei quali hanno origini ancora più remote, peraltro. Ma con questo qua no, non so se perché è uno degli ultimi ad essere stato scritto, o perché non so nemmeno io come mi è venuto di inventarmi che una degli astronauti a bordo della navicella mandata nello spazio profondo come ennesimo tentativo di perpetuare la specie di un pianeta ormai avviato all'autodistruzione, la giovane thailandese che narra, sia in realtà una clandestina, non vi dico come e perché solo per via del fa…

CARNE DI PORCO

Il titolo lo volevo lasciare in dialetto riggitano, carn'i porcu, che tanto si capiva lo stesso, ma mi pare che in italiano assuma un tono se possibile ancora più volgare. I dialetti secondo Bernstein utilizzano un "codice ristretto", cioè usano per rappresentare tutti i significati un numero limitato di segni, quindi necessariamente ad elevato alone semantico, presupponendo quindi tra chi li usa un'elevata "competenza comunicativa" comune. In altri termini, non puoi parlare in dialetto con una persona con cui non condividi un vasto substrato culturale, un parente un amico uno della zona in cui sei nato o cresciuto, altrimenti le parole sono insufficienti ad esprimere quello che vuoi dire. A contrario, ed io spesso utilizzo il dialetto in questa funzione di test, se riesci ad esprimere un concetto parlandone in dialetto con un amico ricevi un doppio feedback, di conferma dell'amicizia e della veridicità rispetto alla tua anima del concetto che volevi es…