DA BAMBINI

Proposta di sottotitolo: Thanos stermina tutti...
L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri umani l'angoscia derivante dalla consapevolezza di dover morire, e chi ha cresciuto dei bambini o si ricorda di se stesso bambino capisce al volo la metafora. Allora, ma ero giovane, pensavo che se e solo se l'umanità "crescesse" si sarebbero risolti la maggior parte dei problemi. Era un'ingenuità, ma ce lo possiamo dire solo tra anziani. Se fosse adulta, razionale, la soluzione ai nostri problemi, avrebbe ragione Thanos (e qui capisce solo chi ha visto l'ultimo film degli Avengers, un pastrocchio di intreccio dove però si salva forse il messaggio filosofico di fondo, o almeno quello che ci ho visto io): dimezziamo i viventi e così diamo ai sopravvissuti un bel po' di spazio (e quindi tempo per riorganizzarsi) in più. Invece ha torto. Vero che ha torto?...
DA BAMBINI
Per la prima volta almeno per qualche generazione si è invecchiato senza avere fatto guerre in gioventù
almeno
qui
in Italia,
ma dal novantuno le danno in televisione e le puoi seguire ovunque, all’ufficio, al bar, in strada,
e pare
sia come
in un qualsiasi film.
Da bambini noialtri cinquantenni abbiamo avuto padri che parlavan della guerra
spesso triturandoci i coglioni quasi fosse colpa nostra di non averla fa
tta ta ta
Per la prima volta abbiamo avuto un occhio li sul fronte a dirci le bugie in diretta prima e meglio della volta prima
col fronte
tra gli occhi,
ma la foto di quel tale che si sta imbarcando con la faccia deformata dall’abbraccio della madre
è di ieri
o
di settant’anni fa?
Il successo è stato tale che dieci anni dopo hanno fatto lo stesso con gli attacchi terroristi
per giustificare tante bombe su chi non c’entrava un cazzo: beato a chi ci cre
e e de!
Le facce
di quelli che partono
sono tutte uguali,
i regimi
tornano
protagonisti reali,
la tv
incide sulla realtà
più di ogni altra volta,
molti italiani
sono invecchiati
senza far la guerra
e
tra un po’
si sentiranno in colpa
Liberati e ancora non del tutto dai disastri che la stessa esistenza della fede nella religione cristiana
ha
procurato al mondo
dobbiamo subire sfortunatamente ancora altri integralismi e ancora altre guerre bimbe senza razionalità
e
senza scuse
Non ho mai creduto in nessun Dio: chi potrei ammazzare io nel nome di me stesso
se non per suicidio o per difesa a prezzo della coscienza? Fate come me…
…glio non c’è
Da bambini tutti i credenti ai loro padri onnipotenti obbediscono ululanti
se i cristiani sono un po’ cresciuti non c’è da meravigliarsi se accade ora agli altri ciò:
ci odiano!

Nessun commento:

LA VERA CAUSA

No, senza ricorrere a studenti.it la formula non me la sarei mai ricordata... A scuola e all'università si studiano tante cose, ma ...