BBROCCULI E CAULUSCIURI

Broccoli
Dopo averli lavati con cura, metti a lessare in acqua e sale i soli boccioli dei broccoli siciliani, con solo qualche foglia tra le più tenere.
Quando sono teneri, li puoi mangiare così, aggiungendo al piatto un cucchiaio d’olio oliva e qualche goccia di succo di limone, oppure cuocerci dentro le penne lisce. In quest’ultimo caso, l’olio crudo ci va, il limone no.

Ingredienti:
  • broccoli siciliani
  • sale
  • olio extravergine d’oliva
  • un limone
Pigghia i bbrocculi, caccici i fogghi e i trussa cchiù rossi, lava i ggiumbi belli puliti non mi nci sù papuzzi, e mentili mi bbugghiunu cu na stampa ‘i sali.
Quandu i trussiceddha si ndi venunu suli suli quandu ‘i tocchi c’a forchetta, su ffatti. Calaci ddhà intra ‘a pasta rossa, e quandu ‘a cacci nci menti na cucchiara r’ogghiu all’unu. S’i voi a ssuli, mentinci puru na ‘uccia ‘i limuni.
Ho scritto "broccoli siciliani" ma non sono sicuro che in italiano si chiamino così. Sono simili alle cime di rapa, ma il loro verde è scuro, quasi petrolio, e non hanno affatto quel retrogusto amarognolo. Per i reggini sono semplicemente "i brocculi", chi vuole specificare aggiunge "nustrani", da qualche parte in Sicilia li chiamano sparacelli, forse. Non li ho mai trovati a nord della Calabria. Li pubblico assieme al cavolfiore bianco, oltre che per l'affinità di genere, perché mia nonna quando li faceva in padella usava la stessa ricetta (la terza in fondo: ffuàti), e anzi talvolta li cuoceva assieme.

Cavolfiore
Dopo avere tagliato a pezzetti e lavato bene il cavolfiore, soffriggi uno spicchio di aglio, aggiungi i pomodori e lascia restringere il sughetto.
A quel punto, togli l’aglio, metti il cavolfiore, aggiungi acqua fino a coprirlo, sale e pepe, e lascia a fuoco lento fino al consumo dell’acqua.
Se non è cotto aggiungi acqua e aggiusta di sale. E’ ottimo con le penne, cotte a parte.

Ingredienti
  • un cavolfiore medio
  • uno spicchio di aglio
  • 3 pomodori pelati
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
Pigghia ‘u caulusciuri, cacciaci i macchi c’u cuteddu, cacciaci ‘u trussu, rrumpilu a pezza, lavalu e sculalu.
‘Nta na cassarola larga e ‘mbascia, suffrìi n’agghiu, menti tri pelati e scacciali c’a forchetta, e fai mi si cunsumanu un pocu, poi caccia l’agghiu e menti ‘u cau-lusciuri, cumbogghhialu cull’acqua, mentici ‘u sali, na stampa ‘i spezzi, e fallu a focu lentu, c’u cumbogghiu. Ogni tantu toccalu, quandu si rumpi sulu sulu è quasi fattu: scumbogghialu e iasa ‘a fiamma mi si cunsuma l’acqua. Si ambeci l’acqua si cunsumàu e iddhu è cruru, ‘ggiungindi iautra (ma poi ‘ggiustulu ‘i sali).
‘A pasta, longa, falla a parti e apoi ‘mbrischiala.
...
Broccoli affogati
Prendi i soli boccioli (eliminando foglie e torsoli grandi) dei broccoli siciliani e lavali in abbondante acqua corrente (se preferisci puoi aggiungere ai broccoli del cavolfiore bianco, o utilizzare solo quest’ultimo).
In una padella, soffriggi uno spicchio d’aglio, quindi con molta attenzione tuffaci dentro i broccoli e una tazza d’acqua, metti il sale e copri subito con un grande coperchio.
Di tanto in tanto, scopri per mescolare e tentare di rompere i broccoli: quando ci riesci, togli l’aglio, e continua a rompere mescolare e ricoprire fino a cottura completata (broccoli teneri): se l’acqua è finita e i broccoli sono ancora duri, aggiungine due dita, eventualmente aggiusta di sale, e così via (alla fine, volendo, aggiungere del peperoncino, pepe nero se sono solo cavolfiori bianchi).
Si tratta di un ottimo contorno che fa quasi pietanza, ma se sono solo broccoli è ottimo anche come condimento per gli spaghetti.

Ingredienti
  • broccoli siciliani (e/o cavolfiore)
  • uno spicchio d’aglio
  • sale
  • olio extravergine d’oliva
  • peperoncino (o pepe nero)
Lava i ggiumbi r’i bbrocculi belli puliti non mi nci su papuzzi.
Suffrìi n’agghiu e mentinci a iddhi cu na tazza r’acqua, e cumbogghili subbitu non mi ti bbruci.
Mentinci ‘u sali, e quandu ‘i scumbogghi m’i ggiri, viri si si ‘ndi venunu suli suli quandu i tocchi c’a cucchiara ‘i lignu: quandu su ffatti, caccia l’agghiu, cassarìali un pocu e stutali.
Si non su fatti e l’acqua si cunsumau, ggiungindi un pocu e si è ggiustili ‘i sali. Si ti piaci, mentinci ‘u pipi ‘i rasta.
A’ stessa manera si faci ‘u caulusciuri, però c’u spezzi. O puramenti, si voi, ‘i po’ fari mbrischiati.
Si fai sulu i bbrocculi, però, t’i poi mangiari c’a pasta vermicelli.

Nessun commento:

IN CANTINA

Terminato con Chi c'è c'è , la funzione di tappabuchi è lasciata in esclusiva ai miei  testi di canzoni , che ho registrato ma ced...