RISU C'U CAPPUCCIU (O PURAMENTI C'A SCALORA)

Riso col cavolo cappuccio (o con la scarola)
In una pentola alta, soffriggi l’aglio e schiacciaci dentro due pomodori pelati con un pizzico di sale.
Togli l’aglio e aggiungi la scarola ben lavata e tagliata approssimativamente, oppure il cavolo cappuccio tagliato sottilissimo, copri con acqua e aggiungi sale pepe e un pezzetto di scorza di parmigiano ben pulita.
Cuoci coperto e a fiamma bassissima: la scarola è pronta in venti minuti, il cappuccio ne chiede una quarantina ed eventualmente aggiunte di acqua.
Dopo dieci minuti per la scarola, una mezz'oretta per il cappuccio, aggiungi il riso e scopri, mescola spesso per non farlo attaccare al fondo della pentola, e a cottura del riso impiatta.
E’ più buono se servito non caldissimo, con abbondante parmigiano grattugiato.
...
Ingredienti
  • un cavolo cappuccio (o una testa di scarola)
  • due pomodori pelati
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe nero
  • un pezzetto di scorza di parmigiano
  • due tazzine da caffè di riso superfino arborio a persona
Nta na cassarola jata suffrìi n’agghiuzzu e scaccia ddù pelati cu na pizzicata ‘i sali.
‘A scarola o ‘u cappucciu ll’ha pulizzari prima, chi cci voli: ‘a scalora s’avi a lavari bbona e poi a po’ tagghiari a mmuzzu c’u cuteddhu nte mani, u’ cappucciu è fittu fittu e si pulizza facili, ma s’avi a tagghiari finu finu annunca mi si faci nci vonnu i paranculi (e si t’u mangi menzu cruru ti venunu i matruni ‘i panza).
I pumaroru s’hannu sulu a mmaccari, quindi dopu ddù minuti caccia l’agghiu e menti u cappucciu (o a scalora), na scorcia i furmaggiu bella pulizzata, sali e spezzi; cumbogghia tuttucòsi cull’acqua, mentici ‘u cumbogghiu e mbascia ‘u gassi.
‘A scalora si faci nta nnenti, ‘u cappucciu ci voli cchiù ssai; quandu su quasi fatti nci cali ddà rintra ‘u rrisu, scumbogghialu e mentiti ddhà ravanti chi l’ha mmiscitari paru paru annunca si mpigghia.
Quandu è ffattu ‘u rrisu aìssi a ghiessiri pocu acquusu, cacciulu e mangiattillu cu nu bellu pocu ‘i parmiggianu, ma si spetti e ‘u fai rifriddari na stampa è cchiù bellu.

Nessun commento:

LA SCELTA (COLUI CHE ODIA, COLUI CHE AMA)

No, non l'ho letto in tedesco, è che la copertina di questa edizione è davvero molto ma molto figa... Continuo imperterrito nella p...