Passa ai contenuti principali

SCEMI E PIU' SCEMI

Si può restarlo, scemi, per aver contratto la meningite, malattia
dall'incidenza rarissima nonostante a sentire la TV sia in atto una
epidemia, o esserlo da sé e dare ascolto a chi fa terrorismo
In quanto meridionale premetto che, pur continuando a ritenermi persona razionale, scrivo questo post facendo continui scongiuri, e vi ritengo autorizzati a fare altrettanto, della serie "non ci credo, ma non costa niente, e non si sa mai...".
Della meningite ricordo che ne sentìi parlare da bambino, a proposito di un parente un po' tocco ma buono di cui si spiegava il problema con una meningite giovanile, non so se era vero (a leggere Wikipedia pare di si, ma pare anche che i virus siano solo una delle cause possibili...) ma l'associazione di idee mi è rimasta.
Del vaccino contro questa terribile malattia allora non se ne parlava, dovevi solo sperare di non avere sfiga. Si, ma quanta, sfiga? Pare che le statistiche dell'insorgenza della malattia siano bassissime, molto al di sotto della soglia di rischio minima che possa giustificare l'allerta delle istituzioni preposte alla salute pubblica. La cosa è talmente risaputa che, se ci fate caso, nel corpo degli stessi articoli o nel testo degli stessi servizi televisivi il cui titolo o strillo solleva l'allarme, viene precisato doverosamente che le autorità non ritengono si possa parlare di epidemia o anche solo di incidenza insolita dei casi. Non possono dire altrimenti e mettono le mani avanti, così nessuno può dirgli niente, ma le modalità in cui dicono la verità, rispetto all'enfasi e alla frequenza con cui sollevano il falso problema a notizia del momento, fanno si che la percezione comune sia che è in corso una pericolosa escalation di casi di meningite e quindi è proprio il caso di correre a vaccinarsi (qui Reggio Calabria, qui Roma). Anche pagando gli 80 euro che costa la dose a chi non fa parte delle categorie a rischio per cui dovrebbe essere passata dalla sanità pubblica, ma dal punto di vista dell'introito delle case produttrici cambia poco chi caccia i soldi: è un business così succulento da creare uno sfrido tale che non è peccato sospettare unzioni e unti.
Ma Occam ci dice che tutto ciò che non è necessario è superfluo, e quindi io non indulgerei a postulare un giro di corruzione, quando basta sapere come funziona la stampa oggi per spiegarsi il fenomeno. Non c'è quasi più nessuno con un contratto di dipendente da una testata, e non c'è praticamente nessuno che abbia bisogno di andare in giro a cercarsi le notizie: ci sono dei software che accorpano il flusso delle agenzie da tutto il mondo e li filtrano secondo i parametri impostati, di territorio, di materia, o di parole chiave. Se è di moda l'aviaria, metto la query "uccello morto" e avrò in tempo reale la ciccia da cucinare per il mio pubblico, sicuro di essere letto. Poi, un qualche furbone può approfittarne per vendere migliaia di dosi del suo vaccino al Ministero, e pazienza se il caso giustamente si sgonfia e quelle restano inutilizzate, ormai i soldi li ha fatti. Ecco, in questo momento è di moda la meningite. Moda in senso statistico, per tranquillizzare gli ipersensibili.
Dei vaccini in genere ho già parlato: sono un universo così complesso che nessuno può sensatamente rigettarli o accoglierli in toto. Infatti, neanche le autorità sanitarie lo fanno: alcuni sono considerati obbligatori per tutti o per fasce di popolazione, altri solo raccomandati, altri ammessi ma del tutto facoltativi. Evidentemente, nel bilanciare i rischi sempre connessi con questa pratica con i benefici portati dalla sua diffusione capillare, ciascun vaccino offre un risultato diverso, ed è ragionevole dedurre che solo quelli dichiarati obbligatori possano vantare un bilancio sicuramente e nettamente positivo. Se ti fidi di quelle autorità, puoi tranquillamente vaccinarti quando è obbligatorio, e altrettanto tranquillamente decidere di non farlo se ti lasciano del margine decisionale. Se non ti fidi, non si capisce perché dovresti non fidarti a senso unico, ma anche se postuli il dolo e la corruzione devi dedurre che, se nemmeno questa ha potuto far dichiarare quel prodotto obbligatorio, vuol dire davvero che o non fa sempre bene come dicono o magari qualche volta fa davvero male come dicono i cosiddetti complottisti e spesso anche i bugiardini dei prodotti stessi.
Ma oggi l'argomento non è i vaccini, è la stampa, bellezza! Che se ci rovisti in mezzo qualche pezzo serio e ponderato lo trovi. Ma nel complesso ha montato un fenomeno vergognoso, una vera bufala sesquipedale, un vero e proprio terrorismo psicologico al limite col reato penale di procurato allarme.
Che questo sia successo proprio mentre l'ansia censoria di una classe politica da basso impero, che le tenterà tutte prima di eventualmente mollare l'osso, sta tornando alla carica per imbavagliare la Rete, con tanto di autorevole intervento della massima carica dello Stato, è solo una occasione troppo ghiotta per chi ha tutte le ragioni del mondo a rispondere con "una giuria popolare per le balle dei media". A cui i giornali in coro rimproverano scarsa coerenza se nel proprio codice di autoregolamentazione ha finalmente escluso l'automatismo tra avviso di garanzia e dimissioni, che era una emerita fesseria e in pratica metteva il futuro del moVimento nelle mani dei suoi nemici per tramite di magistrati che su denuncia non possono non indagare e avvisano l'indagato appunto solo a sua garanzia, mantenendo però conseguenze serie per il rinvio a giudizio e serissime per la condanna anche solo di primo grado, laddove se quel codice fosse Legge dello Stato gli altri partiti ne uscirebbero forse dimezzati, per quanti condannati hanno ancora in sella.

Commenti

Post popolari in questo blog

DALLA PARTE DEI NEGRIERI

Dei migranti ho parlato molte volte, pure troppe: violando una delle regole autoinflittemi per questo blog, che è evitare di seguire argomenti troppo di tendenza e soprattutto di farlo con le sparate di poche righe incentivate dai social media. Ragion per cui NON posto commenti a post non ragionati e argomentati, e anzi ho smesso di seguire su Facebook amici anche carissimi che hanno preso il vizio di adottare gli stilemi di moda: vomitare di continuo spot di pensieri come vengono, magari scritto bello grande. Non io. Non vi leggo più. Se volete ragionare con me, abbiate la pazienza di seguirmi, che io qui impiego tempo e fatica a elaborare ogni singola riga, e semmai di commentarmi con lo stesso impegno paziente, e allora è benvenuta anche una confutazione totale. E pazienza, anzi come si dice a Roma sticazzi, se così facendo i click non decollano.
Dicevo, la questione migranti l'ho già affrontata più volte, e non potevo da buon meridionale non farlo, all'inizio non discosta…

EPPUR SI MUOVE

Ho iniziato a definirmi "ateo" da adolescente. Da adulto avrei smesso, preferendo il termine "agnostico" non so se per prudenza mia o maggiore precisione sua, o in genere per la considerazione elementare che anche l'ateo è un credente: crede che Dio non esista, e la cosa non è più dimostrabile del contrario. Cmq, al liceo ero ateo, e però avevo "ottimo" in Religione. Perché l'insegnante, Gernaldo Conti (uno che è rimasto un mito presso i ragazzi di tutte le città in cui ha operato, uno che ancora oggi, che è diversamente giovane e variamente acciaccato, ha una marea di followers dei suoi videomessaggi social, per dire...), un prete a dir poco sui generis al punto che la sua parrocchia di periferia durante le sue funzioni traboccava letteralmente di ragazzi perché era per loro un fratello maggiore che parlava la loro lingua e conosceva i loro problemi, riusciva a dialogare anche con un caprone come me, che lo ricambiava passando le ore di religion…

DEMOCRAZIA SOTTO TUTELA?

Al momento che scrivo ancora non sappiamo se ci hanno definitivamente sancito che non siamo in democrazia imponendoci l'ennesimo governo fantoccio di Bruxelles oppure se avremo finalmente il governo gialloverde anche se in versione light per non allarmare troppo i pupari. E' dalle elezioni che scrivo poco di politica per via del quadro troppo mutevole per le possibilità di aggiornamenti di un sito amatoriale, ma la questione Mattarella impone un commento a se stante a prescindere dagli sviluppi successivi, per cui ci provo.
Il nocciolo non è se sia o meno legittimo che un PdR rifiuti di nominare un ministro (in passato è stato fatto, anche se mai con la conseguenza di impedire il varo di un governo), è per le motivazioni che ha ritenuto di usare (della serie, era meglio per lui se taceva): tutelare i risparmi degli italiani e non accettare al MEF chi abbia posizioni critiche verso l'Euro. Due questioni eminentemente politiche che pertanto esulano dalle prerogative di chi …

19 - EVERGREEN

Per apprezzare meglio il racconto numero 19 (coraggio, ne mancano due o tre) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) bisogna ricordarsi che è uscito nel 1999 ed è stato scritto l'anno prima. Non era di moda il superamento delle identità sessuali. Che, tra parentesi, è cavalcato in questi anni bui da chi vuole farsi spacciare per progressista mentre ci rispedisce in massa nel sottoproletariato. L'astronauta il cui sogno è intercettato dal geestre che ci ha letto tutti i racconti è un anziano biologo brasiliano gay non dichiarato, ma per mezzo racconto la cosa non si capisce, come per Stella di mare di Lucio Dalla manco dopo la millesima volta che la senti.

(Abbiate pazienza, del governo parlerò solo se lo fanno, o se invece hanno la faccia tosta di non farlo, con il primo Presidente della Repubblica della storia italiana che usa davvero le sue prerogative sulla scelta dei ministri per mettere i bastoni…

CI SI POTREBBE GRATTARE...

Alla fine il governo gialloverde è partito, e il fatto che sia comunque una buona notizia è certificato persino dai famigerati mercati finanziari, oltre che ammesso onestamente anche da chi era stato chiamato all'ultimo momento a rimpiazzarlo, o chissà forse solo a fare da spauracchio per ammorbidirne certi aspetti.
Sia chiaro, non solo (come avevo peraltro predichiarato) non è certo "il mio governo ideale", ma non fatico ad ammettere che sono molti gli aspetti che non possono che procurare orticaria, a me come sicuramente a molti grillini sia militanti che politicamente attivi, da semplice eccessiva vicinanza a gente che predica valori incompatibili con chi si sente di sinistra. Ma la politica è arte empirica, bisogna fare il meglio con le carte che si hanno a disposizione, e una legge elettorale così farlocca francamente non poteva dare all'Italia un governo migliore, anzi: si ricordi che era stata concepita per avere il Renzusconi come unico sbocco possibile (non…

20 - OMICIDIALI ASSASSIMILI

Il penultimo racconto (terzultimo, col cappello finale, quartultimo, se pensiamo che il cappello finale in realtà è almeno doppio) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) è ancora oggi uno dei miei preferiti. Chiunque abbia scritto qualcosa sa che a rileggersela dopo tanto tempo (e qui è tanto: il libro è uscito nel 1999) il sentimento che prevale è la vergogna, e io non faccio eccezione, nel mio rapporto con questi racconti, alcuni dei quali hanno origini ancora più remote, peraltro. Ma con questo qua no, non so se perché è uno degli ultimi ad essere stato scritto, o perché non so nemmeno io come mi è venuto di inventarmi che una degli astronauti a bordo della navicella mandata nello spazio profondo come ennesimo tentativo di perpetuare la specie di un pianeta ormai avviato all'autodistruzione, la giovane thailandese che narra, sia in realtà una clandestina, non vi dico come e perché solo per via del fa…

CARNE DI PORCO

Il titolo lo volevo lasciare in dialetto riggitano, carn'i porcu, che tanto si capiva lo stesso, ma mi pare che in italiano assuma un tono se possibile ancora più volgare. I dialetti secondo Bernstein utilizzano un "codice ristretto", cioè usano per rappresentare tutti i significati un numero limitato di segni, quindi necessariamente ad elevato alone semantico, presupponendo quindi tra chi li usa un'elevata "competenza comunicativa" comune. In altri termini, non puoi parlare in dialetto con una persona con cui non condividi un vasto substrato culturale, un parente un amico uno della zona in cui sei nato o cresciuto, altrimenti le parole sono insufficienti ad esprimere quello che vuoi dire. A contrario, ed io spesso utilizzo il dialetto in questa funzione di test, se riesci ad esprimere un concetto parlandone in dialetto con un amico ricevi un doppio feedback, di conferma dell'amicizia e della veridicità rispetto alla tua anima del concetto che volevi es…