Passa ai contenuti principali

THAT'S TENNIS!

"Occacchio, ma il fratello forte non ero io?"
Si, lo so, con questo post mi farò parecchi nemici, ma signori alla fine bisogna avere il coraggio delle proprie idee, e metterci la faccia, no?
Parliamo di tennis, almeno apparentemente. La notizia è che il numero 50 del mondo ha appena buttato fuori dagli Australian Open il numero 1. Il video degli highlights è ovviamente da quasi subito in rete e magari dopo ve lo guardate tutto (è in fondo al post), ma se prima seguite il mio ragionamento secondo me ve lo godete di più, e ciò vale anche per i profani dei "gesti bianchi".
La notizia, infatti, non è che lo strafavorito ha perso: non è la prima volta che capita e non sarà l'ultima, in qualsiasi sport o altra attività e per qualunque ragione. La notizia è chi ha perso e contro chi e perché e cosa significa e cosa può comportare, magari lo facesse, questa sconfitta.
Andy Murray, infatti, è un pallettaro. Per carità, un bravissimo pallettaro, uno che grazie ai consigli di un altro grandissimo pallettaro a suo tempo anch'egli numero 1 ha saputo crescere fino al punto di saper cogliere il momento giusto, la crisi innanzitutto extratennistica del precedente leader a sua volta tale per aver saputo approfittare dei colpi che acciacchi e anagrafe avevano dato ai numeri uno di prima, per issarsi in cima al mondo. Ma per chi ama il tennis soprattutto per il suo lato estetico, come il sottoscritto si ma soprattutto come il più grande giocatore italiano di tutti i tempi, quando il numero 1 è un pallettaro non è certo una buona cosa.
Ora, intendiamoci (anche grazie a Panatta, se avete seguito il link precedente): chiamiamo pallettaro non uno che non ama scendere a rete. Djokovic e Nadal, ad esempio, come ai loro tempi Borg e Agassi, si trovano più a loro agio lontani dal net, ma non sono pallettari, volendo definirli (ammesso che sia indispensabile) potremmo dirli "attaccanti da fondo", ma il punto è, perdonate il gioco di parole, che si tratta di giocatori che cercano di fare il punto, non di resistere fino a quando il punto lo sbaglia l'avversario. Quest'ultimo è appunto il pallettaro. Vilas, Barazzutti, Lendl, giù giù fino al vostro odiato avversario di torneo amatoriale che vi rimette ogni cosa peggio di un muro, maledetto! Ovviamente, niente di personale: se tu sei consapevole che quello è l'unico modo che hai per battermi, e giustamente vuoi farlo, hai tutto il diritto di giocare così. Ma ti diverti? D'accordo, la domanda è retorica, evidentemente ti diverti, oppure ti interessa solo vincere e non ti poni il problema, ma il punto è che io piuttosto che giocare come te smetterei di giocare. Per pneumotesticolite (questa non la spiego), la stessa che mi fai venire a giocarti contro per cui alla fine magari vinci tu, ma sai che c'è? sticazzi: io so giocare a tennis e tu no, umma umma!
Il pallettaro, infatti, gioca così anche in amichevole, è più forte di lui. Noialtri, che giochiamo invece per divertirci e se ci siamo divertiti siamo contenti anche se abbiamo perso, siamo un'altra specie. Così, quando capita che uno di noi, un mancino fratello scarso di un predestinato dio alto e biondo, riesce a battere il re dei pallettari proprio grazie al fatto, Ubitennis dixit, di essere entrato in campo per godersi la giornata, scusateci tanto ma godiamo anche noi. Una cifra.
E ora la speranza. A un certo punto del filmato vedrete inquadrata tra il pubblico (il fotogramma ve l'ho estratto sopra) la faccia stupita di Alexander, fratello minore di quel Mischa che stava strapazzando Murray sul campo. Il ragazzino studia da numero uno, ha già battuto un paio di volte Federer e in questo torneo è uscito per un pelo a opera del redivivo Nadal, ed è considerato un talento naturale. Molto più alto e potente del fratello maggiore, ci piace credere che la visione di questa partita abbia fatto scattare in lui la molla giusta, gli abbia fatto pensare "ecco quello che mi manca, e per fortuna conosco molto bene chi mi può dire come si fa!". Per scendere a rete con costanza, infatti, occorre introiettare che se hai la padronanza dei colpi di volo e la condizione fisica adeguata a prendere posizione a tempo allora è solo questione di numeri: ci sarà una percentuale di volte che sbaglierai (o il tuo avversario ti passerà nettamente), ma se riesci a sorridere del tuo errore (o goderti quel passante e magari complimentarlo) senza deprimerti o impaurirti, e continui a prendere la rete con costanza, magari perdi, ma ti sarai divertito; e magari vinci, persino con uno più forte di te che se ti ci metti a palleggiare ti schianta. Se Zverevino, e magari con lui tutta la nextgen che tarda ad affermarsi, comprenderà la lezione di oggi, nei prossimi anni ci divertiremo.
...
P.S. Mentre scrivevo si giocava l'ottavo di finale da cui doveva uscire l'avversario di Murray, cioè ora di Mischa Zverev, ai quarti. Ebbene, a proposito di dio del tennis, a proposito di qualità, a proposito di estetica, il 35enne Roger Federer ha battuto al quinto set il corridore giapponese Niskikori. Ci divertiremo anche subito.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

AL BUIO

Questa canzone è molto vecchia, forse ha addirittura 35 anni; oso mantenerla tra quelle non dico attuali, ma che non mi vergogno di presentare sul blog in caso qualcuno ne volesse l'uso (ricordo che il testo è registrato, ma non è certo questione di soldi), perché penso che tratti di questioni senza tempo. Pensata come un valzerotto – il ritornello cantato il resto parlato - ma come le altre rimusicabile liberamente da chi la prendesse, la canzone infatti parla di cose che hanno riguardato gli adolescenti di ogni epoca: i supporti e gli strumenti di comunicazione sono tutto sommato "sovrastruttura", quella età per chi la ricorda davvero (cioè, liberandosi del filtro della nostalgia di essere "tutto per possibilità" - cit.) è difficilissima. Come dimostrano le tante tragedie che si leggono in cronaca. Ai miei tempi molti si teneva un diario, specie le ragazze, a me è capitato a un certo punto di pensare che portasse sfiga (avevo letto "Il mestiere di viver…

I COME INFAMIA

Come ho detto fin dall'inizio, è molto meglio Trump di Obama perché è molto meglio uno che si mostra per quello che è rispetto a uno che pensi che sia una cosa e invece è tutto l'opposto (si, è lo stesso motivo per cui Renzi era molto peggio di Berlusconi...). Trump è un miliardiario cafone che sa che per l'economia del Paese che è chiamato a guidare serve fare le guerre, e quindi si butta a pesce in tutte le situazioni che vanno bene alla bisogna, ovviamente sottobanco trattando perché non diventino davvero troppo pericolose per i suoi.
Israele, a dispetto di quello che vi dicono da sempre, non è altro che un avamposto che l'Occidente ha piazzato in Medio Oriente all'inizio dell'Era petrolifera. Il resto è solo ideologia, cioè fuffa per i boccaloni: tutti, sia i pro che i contro. Della sua storia nel dettaglio ho scritto più volte, oggi se volete un bel ripasso c'è qui Johnstone, e se la volete capire davvero c'è sempre la splendida satira di Mazzucco.…

DA BAMBINI

L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri u…

UN POSTO VICINO L'USCITA, GRAZIE

E così, pare, alla fine di due mesi di pantomime e psicodrammi, il governo, l'unico politico possibile dato il risultato del 4 marzo, si farà. Salvo colpi di scena finali, s'intende, ma sono due mesi che evito accuratamente di scrivere dell'argomento (e meno male che scrivo anche di altro, c'è chi da due mesi non aggiorna il blog...) proprio per non seguire false piste, stavolta mi voglio sbilanciare, e pazienza se toppo non sarà mica la prima né l'ultima volta...
I due soggetti politici che hanno vinto le elezioni, inoltre dimostrando la persistenza di una spaccatura nord/sud nel Paese, alla fine si stanno accordando per un governo la cui linea politica porti avanti il massimo possibile dei programmi di entrambi, partendo dalle non poche cose in comune e lasciando però fuori le cose magari volute dall'uno ma assolutamente aborrite dall'altro. Non sarà facile, ma l'alternativa, che Mattarella ha minacciato di concretizzare altrimenti, è semplicemente a…

SMARTPHONE GENERATION

Mentre c'è ancora chi si chiede se sia il caso di regalare o meno lo smartphone a una ragazzina di 10 anni (e io, detto tra noi, sarei per il no, anche se temo sia difficile resistere...), sempre più studi riferiscono un sempre maggiore utilizzo di questi dispotivi da parte di bambini sempre più piccoli.
Quello in cui mi sono imbattuto io è di Eleonora Cannonia, Teresa Gloria Scalisi e Andrea Giangrande dell'Università della Sapienza di Roma, e si intitola:
Indagine sui bambini di 5-6 anni che usano quotidianamente i dispositivi mobili in ambito familiare: caratteristiche personali e contestuali e problematiche cognitive ed emotive Se volete approfondire potete acquistarlo qui, io poi vi dico cosa mi ha colpito, e qui intanto vi riporto l'abstract:
La diffusione tra i bambini di dispositivi elettronici interattivi (in particolare smartphone e tablet) è un fenomeno recente ma in crescente espansione. In Italia le ricerche si sono concentrate finora sui bambini in età scolar…

PORNO-ARISTON

Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintes…