Passa ai contenuti principali

VIDEO KILLED...

E' che dobbiamo metterci in testa che ormai è come
se andassimo in giro tutti armati, di telefono, stereo,
cinema, TV, segretaria, sveglia, ecc. E videocamera.
Non mi piace partecipare alla cagnara mediatica attorno ai cadaveri (e dire che quella volta che l'ho fatto ho registrato un picco di contatti alto decine di volte la media, il che conferma le peggiori analisi sul popolo del web...), ma se il governo più inqualificabile della storia patria ne approfitta per ritoccare in senso ulteriormente liberticida l'ennesimo subdolo tentativo di bavaglio alla libertà di espressione, qualcosa bisogna dirla, prima che per evitare guai peggiori non resti che chiudere baracca.
Devo quindi premettere che non mi permetto, non mi permetterei mai, di entrare nel merito del caso singolo in cronaca, di tale portata tragica che astenersi da ogni commento è la sola forma di rispetto possibile. Ma è proprio l'ampiezza della tragedia a imporre il dovere, a ciascuno secondo quanto può, di fare il possibile perché cose del genere non si ripetano. E ciò è possibile solo tentando di ricavarne una qualche lezione, specie perché se invece ti abbandoni all'andazzo imposto dai padroni del vapore ricavi invece al massimo qualche misura quantomeno inefficace.
Il cyberbullismo è una cosa orrenda, infatti, ma - come dimostra proprio la vicenda Cantone - a nulla serve agire sul versante della tutela ex-post: o si chiude Internet punto e basta (è vero che è una cretinosfera, ma tutti ormai dovremmo saperlo, come che se metti la mano sul fuoco ti scotti), oppure puoi anche ottenere la rimozione di un video da un sito, e quello continua a girare ovunque, e quand'anche la ottieni si continua a parlarne per ogni dove, magari coprendo con una maschera di sdegno il voyeurismo mediatico di fondo. E i processi costano, e non sempre ti danno ragione del tutto... Come per molti altri fenomeni gravi, per sconfiggerlo bisogna agire sulle cause, e qui se ne rintracciano almeno due che bisogna sottolineare in quanto paradigmatiche, e quindi potenzialmente riguardanti tutti, entrambe di natura culturale profonda:
  1. dal momento che la Rete è ormai a disposizione di tutti, urge provvedere a una alfabetizzazione generalizzata, almeno per quanto riguarda l'abc (appunto) del suo funzionamento, con un occhio alla propria sicurezza personale;
  2. dal momento che certi codici comportamentali hanno smesso di imperare, occorre smantellare il complesso valoriale con cui vengono giudicati i comportamenti, sia socialmente che individualmente (ossia, da ciascuno per tutti gli altri e prima ancora da ciascuno per se stesso - perchè è vero che la bigottaggine altrui non è il problema, ma lo è il bigotto che è in noi).
L'obiettivo di ciò, deve essere, per fare un esempio aderente alla cronaca, che i nostri figli sappiano:
  1. che è matematicamente certo che oggi se ti fai fare un video è altamente probabile che quello sarà visto dovunque e per sempre (in proporzione all'interesse che è in grado di suscitare quel video, ovviamente...), quindi in quel video tu farai solo quello che non ti crea problemi che lo vedano tutti e per sempre;
  2. che se per te va bene, visto quanto appena detto, girare un filmato porno di qualunque tipo, significa anche che la tua risposta alla sua diffusione deve essere più o meno "embè?" (individualmente) anche perché (socialmente) tutti gli altri, a cominciare dai tuoi genitori, avranno nel contempo pensato e detto "ah c'è un tuo filmato porno sul web? embè? com'è venuto meglio o peggio di quello di tua cugina?".
Da questa griglia valoriale, finalmente adeguata ai tempi, restano ovviamente fuori i casi di mancato consenso, di qualunque natura (droga, alcol, violenza, minore età...). Ma anche qui, senza il discredito sociale della vittima, e l'autodiscredito soggettivo che gliene deriva dall'averlo introiettato, le contromisure necessarie si riducono al campo penale, col web da valutare come contesto specifico di reati generici (sempre commessi nella storia dell'umanità, con Internet cambiano solo modalità ed eco) e non da attaccare in quanto tale. A meno di non essere in cerca di una scusa....

Commenti

Post popolari in questo blog

DALLA PARTE DEI NEGRIERI

Dei migranti ho parlato molte volte, pure troppe: violando una delle regole autoinflittemi per questo blog, che è evitare di seguire argomenti troppo di tendenza e soprattutto di farlo con le sparate di poche righe incentivate dai social media. Ragion per cui NON posto commenti a post non ragionati e argomentati, e anzi ho smesso di seguire su Facebook amici anche carissimi che hanno preso il vizio di adottare gli stilemi di moda: vomitare di continuo spot di pensieri come vengono, magari scritto bello grande. Non io. Non vi leggo più. Se volete ragionare con me, abbiate la pazienza di seguirmi, che io qui impiego tempo e fatica a elaborare ogni singola riga, e semmai di commentarmi con lo stesso impegno paziente, e allora è benvenuta anche una confutazione totale. E pazienza, anzi come si dice a Roma sticazzi, se così facendo i click non decollano.
Dicevo, la questione migranti l'ho già affrontata più volte, e non potevo da buon meridionale non farlo, all'inizio non discosta…

EPPUR SI MUOVE

Ho iniziato a definirmi "ateo" da adolescente. Da adulto avrei smesso, preferendo il termine "agnostico" non so se per prudenza mia o maggiore precisione sua, o in genere per la considerazione elementare che anche l'ateo è un credente: crede che Dio non esista, e la cosa non è più dimostrabile del contrario. Cmq, al liceo ero ateo, e però avevo "ottimo" in Religione. Perché l'insegnante, Gernaldo Conti (uno che è rimasto un mito presso i ragazzi di tutte le città in cui ha operato, uno che ancora oggi, che è diversamente giovane e variamente acciaccato, ha una marea di followers dei suoi videomessaggi social, per dire...), un prete a dir poco sui generis al punto che la sua parrocchia di periferia durante le sue funzioni traboccava letteralmente di ragazzi perché era per loro un fratello maggiore che parlava la loro lingua e conosceva i loro problemi, riusciva a dialogare anche con un caprone come me, che lo ricambiava passando le ore di religion…

DEMOCRAZIA SOTTO TUTELA?

Al momento che scrivo ancora non sappiamo se ci hanno definitivamente sancito che non siamo in democrazia imponendoci l'ennesimo governo fantoccio di Bruxelles oppure se avremo finalmente il governo gialloverde anche se in versione light per non allarmare troppo i pupari. E' dalle elezioni che scrivo poco di politica per via del quadro troppo mutevole per le possibilità di aggiornamenti di un sito amatoriale, ma la questione Mattarella impone un commento a se stante a prescindere dagli sviluppi successivi, per cui ci provo.
Il nocciolo non è se sia o meno legittimo che un PdR rifiuti di nominare un ministro (in passato è stato fatto, anche se mai con la conseguenza di impedire il varo di un governo), è per le motivazioni che ha ritenuto di usare (della serie, era meglio per lui se taceva): tutelare i risparmi degli italiani e non accettare al MEF chi abbia posizioni critiche verso l'Euro. Due questioni eminentemente politiche che pertanto esulano dalle prerogative di chi …

19 - EVERGREEN

Per apprezzare meglio il racconto numero 19 (coraggio, ne mancano due o tre) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) bisogna ricordarsi che è uscito nel 1999 ed è stato scritto l'anno prima. Non era di moda il superamento delle identità sessuali. Che, tra parentesi, è cavalcato in questi anni bui da chi vuole farsi spacciare per progressista mentre ci rispedisce in massa nel sottoproletariato. L'astronauta il cui sogno è intercettato dal geestre che ci ha letto tutti i racconti è un anziano biologo brasiliano gay non dichiarato, ma per mezzo racconto la cosa non si capisce, come per Stella di mare di Lucio Dalla manco dopo la millesima volta che la senti.

(Abbiate pazienza, del governo parlerò solo se lo fanno, o se invece hanno la faccia tosta di non farlo, con il primo Presidente della Repubblica della storia italiana che usa davvero le sue prerogative sulla scelta dei ministri per mettere i bastoni…

CI SI POTREBBE GRATTARE...

Alla fine il governo gialloverde è partito, e il fatto che sia comunque una buona notizia è certificato persino dai famigerati mercati finanziari, oltre che ammesso onestamente anche da chi era stato chiamato all'ultimo momento a rimpiazzarlo, o chissà forse solo a fare da spauracchio per ammorbidirne certi aspetti.
Sia chiaro, non solo (come avevo peraltro predichiarato) non è certo "il mio governo ideale", ma non fatico ad ammettere che sono molti gli aspetti che non possono che procurare orticaria, a me come sicuramente a molti grillini sia militanti che politicamente attivi, da semplice eccessiva vicinanza a gente che predica valori incompatibili con chi si sente di sinistra. Ma la politica è arte empirica, bisogna fare il meglio con le carte che si hanno a disposizione, e una legge elettorale così farlocca francamente non poteva dare all'Italia un governo migliore, anzi: si ricordi che era stata concepita per avere il Renzusconi come unico sbocco possibile (non…

20 - OMICIDIALI ASSASSIMILI

Il penultimo racconto (terzultimo, col cappello finale, quartultimo, se pensiamo che il cappello finale in realtà è almeno doppio) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) è ancora oggi uno dei miei preferiti. Chiunque abbia scritto qualcosa sa che a rileggersela dopo tanto tempo (e qui è tanto: il libro è uscito nel 1999) il sentimento che prevale è la vergogna, e io non faccio eccezione, nel mio rapporto con questi racconti, alcuni dei quali hanno origini ancora più remote, peraltro. Ma con questo qua no, non so se perché è uno degli ultimi ad essere stato scritto, o perché non so nemmeno io come mi è venuto di inventarmi che una degli astronauti a bordo della navicella mandata nello spazio profondo come ennesimo tentativo di perpetuare la specie di un pianeta ormai avviato all'autodistruzione, la giovane thailandese che narra, sia in realtà una clandestina, non vi dico come e perché solo per via del fa…

CARNE DI PORCO

Il titolo lo volevo lasciare in dialetto riggitano, carn'i porcu, che tanto si capiva lo stesso, ma mi pare che in italiano assuma un tono se possibile ancora più volgare. I dialetti secondo Bernstein utilizzano un "codice ristretto", cioè usano per rappresentare tutti i significati un numero limitato di segni, quindi necessariamente ad elevato alone semantico, presupponendo quindi tra chi li usa un'elevata "competenza comunicativa" comune. In altri termini, non puoi parlare in dialetto con una persona con cui non condividi un vasto substrato culturale, un parente un amico uno della zona in cui sei nato o cresciuto, altrimenti le parole sono insufficienti ad esprimere quello che vuoi dire. A contrario, ed io spesso utilizzo il dialetto in questa funzione di test, se riesci ad esprimere un concetto parlandone in dialetto con un amico ricevi un doppio feedback, di conferma dell'amicizia e della veridicità rispetto alla tua anima del concetto che volevi es…