FAVI E PISELLA

Accomuno questi due legumi perché le ricette con cui nonna Carmela li preparava sono molto simili, al punto che talvolta osava una qualche contaminazione reciproca. Sono due pastasciutte, laddove le fave in Italia si mangiano più spesso a minestra, e i piselli alquanto spesso di contorno. Per "la pisella" vale il discorso sul plurale latino fatto per i ceci, ma ora lascio la lingua per passare ai ricordi: per noi bambini era un momento importante, riconoscimento che stavi crescendo, essere chiamati al rito social-familiare della sbucciatura di fave o piselli. Difficile da riprodurre in tempi e luoghi in cui si ricorre al surgelato....
...
Fave
Sbuccia le fave e togli loro i cappuccetti, quelle grosse inoltre incidile appena.
In un tegame metti olio e 4 o 5 scalogni tritati, soffriggi un po’, aggiungi acqua, le fave, sale e pepe.
Cuocile a fuoco lento e coperte, eventualmente aggiungendo acqua se quando è evaporata non sono ancora cotte.
La pasta (corta) va cotta a parte.

Ingredienti
  • fave
  • 4 o 5 scalogni
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe nero
Munda i favi e caccici ‘a birrittedda; si su rossi fanci na ttacca c’u cuteddhu aundi cacciasti ‘a birritta e rristau na ‘nzinga nira, m’i spacculìi na stampa.
Nta cassarola suffrìi i scalogni, ma no assai! Poi menti nu biccheri r’acqua, i favi, na pizzicata ‘i spezzi e ‘u sali, e falli a ffocu lentu e cumbigghiati.
Quandu l’acqua si vai cunsumandu provili si su fatti, annunca ggiungici na stampa r’acqua e ggiustili ‘i sali.
‘A pasta, jiritali, si cala a pparti e poi si scula e si ‘mbrischia.

...
Piselli
In un tegame metti olio e 4 o 5 scalogni tritati, soffriggi un po’, aggiungi i piselli, acqua a coprirli, sale e pepe.
Cuocili coperti fino al consumo dell’acqua, se non sono cotti aggiungine un po’ e continua.
La pasta (corta) o il riso vanno cotti a parte.

Ingredienti
  • piselli
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe nero
  • 4 o 5 scalogni
Nt’a cassarola ‘mbascia suffrìi quattru scalogni, ma no assai non mi si bruciunu!
Apoi menti nu biccheri r’acqua, ‘a pisella (si nci menti na scorcia, veni cchiù bbella), sali, spezzi, e falli cumbigghiati a ffocu lentu.
Si quandu l’acqua si cunsuma iddhi non su fatti, nci ndi ggiungi n’atra ‘uccia, ‘i ggiusti ‘i sali, e i fa’ fari n’atru pocu.
A pisella è bella c’a pasta jiritali, chi ll’ha fari a pparti, ma l’urtimu bugghiu cci ll’ha fari fari ddha intra, o puramenti mintuta i supra a’ pasta c’a genuisa o c’u rraù.

Nessun commento:

LA SCELTA (COLUI CHE ODIA, COLUI CHE AMA)

No, non l'ho letto in tedesco, è che la copertina di questa edizione è davvero molto ma molto figa... Continuo imperterrito nella p...