Passa ai contenuti principali

COME SE PIOVESSE

Apprendo solo adesso che, in un colpo di coda di ragionevolezza degli attori di questa commedia, è evitato, (almeno per ora, ma forse definitivamente: prima o poi dovrà pur ripiovere), il razionamento dell'acqua a Roma. Essendo nato e cresciuto a Reggio Calabria, avevo però una certa esperienza sia della gestione pratica che delle cause di situazioni come quella romana odierna.
Per quanto riguarda la prima, noi si riempiva la vasca da bagno quando l'acqua c'era e si usava una bacinella di plastica per prelevarla da lì e fare almeno le più indispensabili abluzioni e l'imprescindibile scarico del wc. Per bere e cucinare, si faceva la fila alle fonti, abitudine che resta, anche se in molte zone della città oggi l'acqua è potabile, perché per decenni non lo è stata in tutta la città. Per cui, mi sono attrezzato di fiaschi e bottiglie in quantità che ora giacciono in giro per casa sia mai il razionamento lo fanno davvero.
Per le seconde, tenete presente che Reggio ha una montagna di 2000 metri alle spalle, con fonti di acqua buonissima e cristallina che sgorgano in ogni dove. Non è la sicilia centrale dove forse si può parlare di scarso approvvigionamento con qualche ragione. L'acqua non arriva(va) - la parentesi c'è perché i problemi non sono risolti in tutta la città - nelle case perché si perdeva prima. Poi i lavori della ferrovia hanno fatto il patatrac: falde salinizzate e acqua del tutto inutilizzabile per bere o cucinare, e poco gradevole per lavarsi, per trent'anni almeno. Con questa esperienza, bisogna ammetterlo, si parte avvantaggiati. Ci sarà anche il riscaldamento globale e quest'anno avrà anche piovuto meno del solito, ma le ragioni bisogna cercarle altrove. Nelle perdite lungo il cammino. Nelle beghe politiche per fregare la sindaca grillina. Nelle manovre sabotatorie del referendum sull'acqua pubblica. Non entro nel dettaglio perché alle volte a guardare il quadro troppo da vicino non si capisce cosa rappresenta. Ma soprattutto perché non volevo parlare di questo, poi ho letto dello scampato razionamento e ho pensato che ci azzecca.
Volevo parlare della porcheria appena subita da parte della Francia coi cantieri navali, e di cosa significhi e comporti.
Sono trent'anni che ci sfracagnano i cosiddetti che statalizzare è peccato e proprio non si può, e che l'Europa liberista è un'occasione imperdibile di crescita per un'imprenditoria italiana che però sappia rendersi competitiva, e altrettanti che m'incavolo e mi danno per spiegare come e perché sono assunti fasulli e ingannatori, ed ecco che arriva un esempio mirabile, più efficace di mille parole: quando sono gli altri che comprano pezzi di imprese italiani (magari appena privatizzate a bella posta, o non statalizzate perché non si può) tutto bene, quando è una impresa italiana che può e vuole fare la stessa cosa con gli altri, questi nazionalizzano. Dal nodo logico risultante, sia se si veda o non si voglia vedere la contraddizione, si deduce che:
  1. l'Europa non esiste ma è solo una giungla in cui i furbi mangiano i fessi tenendoli fermi con un teatrino per gonzi;
  2. allora pure noi potremmo nazionalizzare ad esempio le banche in sofferenza o perché no l'Alitalia, cosa che peraltro costerebbe meno degli aiuti a fondo perso con tanto di incamerazione della bad company (la strada praticata da noi sempre) comportando inoltre un aumento del patrimonio pubblico:
  3. tutti quelli che si sono spesi per mettere su il teatrino e propugnare le privatizzazioni osteggiando le nazionalizzazioni sono traditori prezzolati che andrebbero sottoposti a legge marziale. Tutti.
Ho detto che i grillini a Roma avrebbero passato i guai qualche mese prima delle elezioni, sulla base della semplice considerazione che non si può amministrare un mostro come Roma senza avere in mano le leve del governo nazionale. E, di più, non si può amministrare più nessuna realtà locale se prima non si capovolge radicalmente l'impianto aziendalistico che purtroppo ancora si espande e mira ad assaltare la roccaforte dei Ministeri e delle poche altre amministrazioni pubbliche rimaste, e se prima non si recupera la piena sovranità monetaria in parallelo alla induzione per via legislativa e giudiziaria al mutamento radicale dell'etica pubblica. I Comuni non hanno più un soldo, il territorio è stato abbandonato, incendi alluvioni sete terremoti non sono eventi diversi o magari opposti, sono le facce che assume lo Stato che non c'è più. Bisogna ricostituirlo. Subito. Stampare tutti i soldi che servono per sistemare acquedotti, fiumi, coste, case, eccetera, e ridare alla giustizia il ruolo di impedire che la corruzione esuli la quota fisiologica delle cose umane, per impedire che serva stampare il doppio dei soldi necessari perché la metà tanto se la ruba qualcuno, come sempre si è fatto in Italia. Prima un governo così, poi qualunque sindaco va bene. Senza un governo così, invece, non la Raggi, manco Gandhi riuscirebbe in qualcosa, manco gesucristo.
Buona estate, per un paio di settimane ci sentiremo soltanto per racconti o testi di canzoni. Buonanotte, vado a farmi una doccia.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

AL BUIO

Questa canzone è molto vecchia, forse ha addirittura 35 anni; oso mantenerla tra quelle non dico attuali, ma che non mi vergogno di presentare sul blog in caso qualcuno ne volesse l'uso (ricordo che il testo è registrato, ma non è certo questione di soldi), perché penso che tratti di questioni senza tempo. Pensata come un valzerotto – il ritornello cantato il resto parlato - ma come le altre rimusicabile liberamente da chi la prendesse, la canzone infatti parla di cose che hanno riguardato gli adolescenti di ogni epoca: i supporti e gli strumenti di comunicazione sono tutto sommato "sovrastruttura", quella età per chi la ricorda davvero (cioè, liberandosi del filtro della nostalgia di essere "tutto per possibilità" - cit.) è difficilissima. Come dimostrano le tante tragedie che si leggono in cronaca. Ai miei tempi molti si teneva un diario, specie le ragazze, a me è capitato a un certo punto di pensare che portasse sfiga (avevo letto "Il mestiere di viver…

I COME INFAMIA

Come ho detto fin dall'inizio, è molto meglio Trump di Obama perché è molto meglio uno che si mostra per quello che è rispetto a uno che pensi che sia una cosa e invece è tutto l'opposto (si, è lo stesso motivo per cui Renzi era molto peggio di Berlusconi...). Trump è un miliardiario cafone che sa che per l'economia del Paese che è chiamato a guidare serve fare le guerre, e quindi si butta a pesce in tutte le situazioni che vanno bene alla bisogna, ovviamente sottobanco trattando perché non diventino davvero troppo pericolose per i suoi.
Israele, a dispetto di quello che vi dicono da sempre, non è altro che un avamposto che l'Occidente ha piazzato in Medio Oriente all'inizio dell'Era petrolifera. Il resto è solo ideologia, cioè fuffa per i boccaloni: tutti, sia i pro che i contro. Della sua storia nel dettaglio ho scritto più volte, oggi se volete un bel ripasso c'è qui Johnstone, e se la volete capire davvero c'è sempre la splendida satira di Mazzucco.…

DA BAMBINI

L'ho capito, che non vi interessano le mie canzoni: sono i post meno cliccati, e nessuno mi ha mai contattato per chiedermi l'uso di un testo, eppure l'ho detto e ridetto che non lo cedo per soldi ma per il piacere di sentirlo musicato e cantato da qualcuno (tra l'altro, sicuramente meglio di come avrei potuto farlo io, che non posso per ragioni fisiche da un po' e per limiti d'età intercorsi nel frattempo).
Oramai ci sono, però, e continuo, un po' perché non si sa mai, un po' perché trovo sia un buon modo per tenere vivo il blog quando so che gli impicci mi impediscono di aggiornarlo con costanza, come nei prossimi giorni.
Questa la pensai come una specie di rap a corrente alternata, per intenderci le strofe lunghe sono quasi parlate quelle brevi quasi cantate sulla melodia, poi vabbé che chi la volesse la può musicare come crede, ma insomma è per spiegare la stranezza della struttura.
La tesi è che le religioni, tutte, servono a sedare negli esseri u…

UN POSTO VICINO L'USCITA, GRAZIE

E così, pare, alla fine di due mesi di pantomime e psicodrammi, il governo, l'unico politico possibile dato il risultato del 4 marzo, si farà. Salvo colpi di scena finali, s'intende, ma sono due mesi che evito accuratamente di scrivere dell'argomento (e meno male che scrivo anche di altro, c'è chi da due mesi non aggiorna il blog...) proprio per non seguire false piste, stavolta mi voglio sbilanciare, e pazienza se toppo non sarà mica la prima né l'ultima volta...
I due soggetti politici che hanno vinto le elezioni, inoltre dimostrando la persistenza di una spaccatura nord/sud nel Paese, alla fine si stanno accordando per un governo la cui linea politica porti avanti il massimo possibile dei programmi di entrambi, partendo dalle non poche cose in comune e lasciando però fuori le cose magari volute dall'uno ma assolutamente aborrite dall'altro. Non sarà facile, ma l'alternativa, che Mattarella ha minacciato di concretizzare altrimenti, è semplicemente a…

SMARTPHONE GENERATION

Mentre c'è ancora chi si chiede se sia il caso di regalare o meno lo smartphone a una ragazzina di 10 anni (e io, detto tra noi, sarei per il no, anche se temo sia difficile resistere...), sempre più studi riferiscono un sempre maggiore utilizzo di questi dispotivi da parte di bambini sempre più piccoli.
Quello in cui mi sono imbattuto io è di Eleonora Cannonia, Teresa Gloria Scalisi e Andrea Giangrande dell'Università della Sapienza di Roma, e si intitola:
Indagine sui bambini di 5-6 anni che usano quotidianamente i dispositivi mobili in ambito familiare: caratteristiche personali e contestuali e problematiche cognitive ed emotive Se volete approfondire potete acquistarlo qui, io poi vi dico cosa mi ha colpito, e qui intanto vi riporto l'abstract:
La diffusione tra i bambini di dispositivi elettronici interattivi (in particolare smartphone e tablet) è un fenomeno recente ma in crescente espansione. In Italia le ricerche si sono concentrate finora sui bambini in età scolar…

PORNO-ARISTON

Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintes…