Passa ai contenuti principali

DOVE STA LO ZAR?

Se volete farvi un'idea di come funziona il giornalismo in Italia oggi, o anche se ce l'avete già ma volete un esempio per poterla illustrare facilmente a qualche amico da svegliare, dovete interessarvi un po' di pallavolo. Che poi è anche possibile che lo facciate già: stiamo parlando di uno degli sport più seguiti e soprattutto più praticati in Italia, anche se a leggere i giornali, appunto, non si direbbe.
Io normalmente non lo seguo, gli preferisco di molto il tennis e il basket, ma insomma ci sono gli europei, lo fanno in diretta in chiaro, gli butto un occhio, e subito mi accorgo che manca qualcosa, o meglio qualcuno. Il tipo in questione vuoi per l'aspetto fisico, vuoi per la personalità a pacchi, vuoi per il ruolo di "goleador" (per dirla ai calciofili), si fa notare, per cui anche solo avendo plaudito di sguincio all'argento olimpico dell'anno scorso, se quest'anno non lo vedo in campo prima penso che è un attimo in panca, poi quando non lo vedo entrare penso a un infortunio (mannaggia!), infine, visto che la cronaca va avanti e nessuno dice niente, benedico mentalmente l'era Internet e ci vado a guardare. E scopro una vicenda quantomeno surreale.
Pare che il tipo sia stato estromesso dalla squadra per una vicenda legata alla marca delle scarpe: una roba di sponsor personali e di squadra. Non ve la racconto nel dettaglio, vi metto il link, perché non è entrando nel merito che vi dico quello che vi volevo dire. La faccenda è stata gestita male, vergognosamente male, da tutti gli attori della stessa, dal giocatore al neopresidente federale passando per l'allenatore e i compagni della nazionale, tanto peggio quanto il livello di responsabilità del ruolo sale, ovviamente. Per cui, oggi, se i soggetti in questione avessero un minimo di pudore, dovrebbero dimettersi e andarsi a vergognare di se stessi da qualche parte di nascosto. Ma tutto questo è ancora un affare della pallavolo italiana, ad essa interno, e potrebbe tutto sommato non fregarcene niente. Senonché...
Senonché il punto è un altro. E' che per avere una qualche idea della vicenda ti devi appunto sbattere su Internet, e - provateci - manco è semplice. Ci si mette un po', per trovare l'unico pezzo che mette in relazione la disfatta, per come è maturata (il Belgio seleziona i suoi giocatori in una platea di praticanti inferiore a quella di una regione italiana. ma non di quelle grandi, e l'Italia ci ha perso male e per limiti caratteriali e di squadra ancor più che tecnici), con le assenze importanti e chi ne è stato causa, devi atterrare su OAsport, sul mainstream te lo scordi. In TV poi, non ne parliamo. Già dopo il primo contatto con la nazionale senza "zar", ho atteso invano che uno dei commentatori RAI dicesse qualcosa: niente, né all'inizio, né dopo la sconfitta con la Germania, né - figurarsi! - dopo le vittorie successive, né tantomeno durante la debacle ai quarti. Alla fine, l'episodio più istruttivo: uno dei due telecronisti attacca il pippone finale sul fare tesoro dell'esperienza per ripartire in vista dei prossimi mondiali che si giocheranno in Italia, "magari con qualche rientro...", e l'altro appena lo sente su quella china si affanna a bloccarlo parlandogli sopra "magari anche guardando avanti con qualche nuovo innesto" e cambia discorso.
Ecco dove volevo arrivare. Il muro di gomma che ha fatto di Zaytsev un innominabile sia in TV che sulla stampa generalista, persino mentre si mostrava l'evidenza della mancanza del suo apporto tecnico e caratteriale alla squadra, non può essere un caso. Le veline dei partiti della Prima Repubblica, come pure il quasi monopolio berlusconiano dell'informazione, al confronto del monoblocco attuale piddino impallidiscono. Se siano prezzolati, ricattati, impauriti o semplicemente conformisti non lo so, e non so peraltro cosa sia peggio. Ma è uno schifo, comunque. Ora, stiamo parlando di un torneo di pallavolo, e dietro c'è al massimo la nomina della persona sbagliata a capo di una federazione sportiva. Immaginate con quale autonomia questa stampa agisce quando in ballo ci sono interessi ben maggiori, come quelli delle banche o delle case farmaceutiche. Immaginatevelo, e se ancora siete tranquilli, ad esempio sulla faccenda dei vaccini, good night and good luck.

Commenti

Post popolari in questo blog

DALLA PARTE DEI NEGRIERI

Dei migranti ho parlato molte volte, pure troppe: violando una delle regole autoinflittemi per questo blog, che è evitare di seguire argomenti troppo di tendenza e soprattutto di farlo con le sparate di poche righe incentivate dai social media. Ragion per cui NON posto commenti a post non ragionati e argomentati, e anzi ho smesso di seguire su Facebook amici anche carissimi che hanno preso il vizio di adottare gli stilemi di moda: vomitare di continuo spot di pensieri come vengono, magari scritto bello grande. Non io. Non vi leggo più. Se volete ragionare con me, abbiate la pazienza di seguirmi, che io qui impiego tempo e fatica a elaborare ogni singola riga, e semmai di commentarmi con lo stesso impegno paziente, e allora è benvenuta anche una confutazione totale. E pazienza, anzi come si dice a Roma sticazzi, se così facendo i click non decollano.
Dicevo, la questione migranti l'ho già affrontata più volte, e non potevo da buon meridionale non farlo, all'inizio non discosta…

EPPUR SI MUOVE

Ho iniziato a definirmi "ateo" da adolescente. Da adulto avrei smesso, preferendo il termine "agnostico" non so se per prudenza mia o maggiore precisione sua, o in genere per la considerazione elementare che anche l'ateo è un credente: crede che Dio non esista, e la cosa non è più dimostrabile del contrario. Cmq, al liceo ero ateo, e però avevo "ottimo" in Religione. Perché l'insegnante, Gernaldo Conti (uno che è rimasto un mito presso i ragazzi di tutte le città in cui ha operato, uno che ancora oggi, che è diversamente giovane e variamente acciaccato, ha una marea di followers dei suoi videomessaggi social, per dire...), un prete a dir poco sui generis al punto che la sua parrocchia di periferia durante le sue funzioni traboccava letteralmente di ragazzi perché era per loro un fratello maggiore che parlava la loro lingua e conosceva i loro problemi, riusciva a dialogare anche con un caprone come me, che lo ricambiava passando le ore di religion…

DEMOCRAZIA SOTTO TUTELA?

Al momento che scrivo ancora non sappiamo se ci hanno definitivamente sancito che non siamo in democrazia imponendoci l'ennesimo governo fantoccio di Bruxelles oppure se avremo finalmente il governo gialloverde anche se in versione light per non allarmare troppo i pupari. E' dalle elezioni che scrivo poco di politica per via del quadro troppo mutevole per le possibilità di aggiornamenti di un sito amatoriale, ma la questione Mattarella impone un commento a se stante a prescindere dagli sviluppi successivi, per cui ci provo.
Il nocciolo non è se sia o meno legittimo che un PdR rifiuti di nominare un ministro (in passato è stato fatto, anche se mai con la conseguenza di impedire il varo di un governo), è per le motivazioni che ha ritenuto di usare (della serie, era meglio per lui se taceva): tutelare i risparmi degli italiani e non accettare al MEF chi abbia posizioni critiche verso l'Euro. Due questioni eminentemente politiche che pertanto esulano dalle prerogative di chi …

19 - EVERGREEN

Per apprezzare meglio il racconto numero 19 (coraggio, ne mancano due o tre) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) bisogna ricordarsi che è uscito nel 1999 ed è stato scritto l'anno prima. Non era di moda il superamento delle identità sessuali. Che, tra parentesi, è cavalcato in questi anni bui da chi vuole farsi spacciare per progressista mentre ci rispedisce in massa nel sottoproletariato. L'astronauta il cui sogno è intercettato dal geestre che ci ha letto tutti i racconti è un anziano biologo brasiliano gay non dichiarato, ma per mezzo racconto la cosa non si capisce, come per Stella di mare di Lucio Dalla manco dopo la millesima volta che la senti.

(Abbiate pazienza, del governo parlerò solo se lo fanno, o se invece hanno la faccia tosta di non farlo, con il primo Presidente della Repubblica della storia italiana che usa davvero le sue prerogative sulla scelta dei ministri per mettere i bastoni…

CI SI POTREBBE GRATTARE...

Alla fine il governo gialloverde è partito, e il fatto che sia comunque una buona notizia è certificato persino dai famigerati mercati finanziari, oltre che ammesso onestamente anche da chi era stato chiamato all'ultimo momento a rimpiazzarlo, o chissà forse solo a fare da spauracchio per ammorbidirne certi aspetti.
Sia chiaro, non solo (come avevo peraltro predichiarato) non è certo "il mio governo ideale", ma non fatico ad ammettere che sono molti gli aspetti che non possono che procurare orticaria, a me come sicuramente a molti grillini sia militanti che politicamente attivi, da semplice eccessiva vicinanza a gente che predica valori incompatibili con chi si sente di sinistra. Ma la politica è arte empirica, bisogna fare il meglio con le carte che si hanno a disposizione, e una legge elettorale così farlocca francamente non poteva dare all'Italia un governo migliore, anzi: si ricordi che era stata concepita per avere il Renzusconi come unico sbocco possibile (non…

20 - OMICIDIALI ASSASSIMILI

Il penultimo racconto (terzultimo, col cappello finale, quartultimo, se pensiamo che il cappello finale in realtà è almeno doppio) di Chi c'è c'è (mia prima e unica opera di narrativa fino all'uscita di Sushi Marina nei prossimi mesi) è ancora oggi uno dei miei preferiti. Chiunque abbia scritto qualcosa sa che a rileggersela dopo tanto tempo (e qui è tanto: il libro è uscito nel 1999) il sentimento che prevale è la vergogna, e io non faccio eccezione, nel mio rapporto con questi racconti, alcuni dei quali hanno origini ancora più remote, peraltro. Ma con questo qua no, non so se perché è uno degli ultimi ad essere stato scritto, o perché non so nemmeno io come mi è venuto di inventarmi che una degli astronauti a bordo della navicella mandata nello spazio profondo come ennesimo tentativo di perpetuare la specie di un pianeta ormai avviato all'autodistruzione, la giovane thailandese che narra, sia in realtà una clandestina, non vi dico come e perché solo per via del fa…

CARNE DI PORCO

Il titolo lo volevo lasciare in dialetto riggitano, carn'i porcu, che tanto si capiva lo stesso, ma mi pare che in italiano assuma un tono se possibile ancora più volgare. I dialetti secondo Bernstein utilizzano un "codice ristretto", cioè usano per rappresentare tutti i significati un numero limitato di segni, quindi necessariamente ad elevato alone semantico, presupponendo quindi tra chi li usa un'elevata "competenza comunicativa" comune. In altri termini, non puoi parlare in dialetto con una persona con cui non condividi un vasto substrato culturale, un parente un amico uno della zona in cui sei nato o cresciuto, altrimenti le parole sono insufficienti ad esprimere quello che vuoi dire. A contrario, ed io spesso utilizzo il dialetto in questa funzione di test, se riesci ad esprimere un concetto parlandone in dialetto con un amico ricevi un doppio feedback, di conferma dell'amicizia e della veridicità rispetto alla tua anima del concetto che volevi es…